Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

I fumatori muoiono dieci anni prima dei non fumatori

Sappiamo tutti che il fumo fa male alla salute. Ma quanto è cattivo? La risposta è pessima, la vita cambia di fatto. Ma tutti conoscono anche qualcuno che ha fumato tutta la loro vita adulta, non ha mai avuto cancro ai polmoni o malattie respiratorie di alcun tipo e ha vissuto fino a tarda età. George Burns, il famoso comico, che visse fino a 100 anni fa, commentava spesso: “Io fumo da dieci a quindici sigari al giorno, alla mia età devo tenere qualcosa”.

Quindi, abbastanza vero – ma nella discussione che ci aspetta scoprirai che questi individui sono la rara eccezione e certamente non la regola. È importante sapere che, in media, i fumatori muoiono dodici anni prima dei non fumatori. Dodici anni! Questo è più di un decennio! Significa che la vita dei fumatori è più del dieci percento più breve rispetto ai non fumatori. Questi sono numeri grandi.

È solo una questione di paura o c’è sostanza in questa affermazione? È reale. I dati sono in ed è molto forte.

Nessun’altra causa prevenibile di malattia o morte è più importante del fumo. Questo è il chiaro messaggio di due nuovi studi che hanno studiato l’impatto complessivo del fumo in una coorte di americani molto ampia. Gli studi, condotti da Jha et al1 e da Thun et al 2 insieme a un editoriale di Schroeder3, sono stati pubblicati dal New England Journal of Medicine il 24 gennaio 2013. Supportano studi precedenti che sono giunti a conclusioni simili basate su un numero minore di individui osservati.

Fumare sigaretteQuindi, ecco i fatti della questione. Secondo il National Cancer Institute (NCI), il tabacco è la principale causa di malattie e decessi prevenibili negli Stati Uniti e che, nel 2011, si stima che il 19% degli adulti statunitensi fosse costituito da fumatori di sigarette.4 Questo è in calo da oltre il 40% a pochi decenni fa. Buoni progressi Ma per coloro che fumano, le malattie che portano alla morte sono comuni.

I tassi di mortalità del fumatore sono quasi 3 volte superiori a quelli dei non fumatori e sostanzialmente uguali tra uomini e donne. Le persone che fumano hanno una probabilità sei volte maggiore di soffrire di infarto rispetto ai non fumatori e il rischio aumenta con il numero di sigarette fumate. Il fumo di sigaretta causa circa 443.000 morti ogni anno, compresi circa 49.000 decessi dovuti all’esposizione al fumo passivo.

Anche il fumo causa la maggior parte dei casi di malattia polmonare ostruttiva cronica. Il cancro al polmone è la principale causa di morte per cancro negli uomini e nelle donne negli Stati Uniti, e il 90% dei decessi per cancro al polmone tra gli uomini e circa l’80% dei decessi per cancro al polmone tra le donne è dovuto al fumo attualmente o in passato. Alcune malattie, come l’ischemia cardiaca (infarto e malattia coronarica correlata), l’ictus, la malattia polmonare cronica e il cancro ai polmoni, sono state chiaramente collegate al fumo e sono risultate essere la causa della morte in circa il 60% dei fumatori in questi studi.

Il fumo provoca o predispone a molti altri tipi di cancro, inclusi tumori della gola, della bocca, della cavità nasale, dell’esofago, dello stomaco, del pancreas, dei reni, della vescica e della cervice e della leucemia mieloide acuta.

La possibilità che un giovane possa vivere fino agli 80 anni è del 70% per i non fumatori, ma solo del 35% per i fumatori. Detto in modo diverso, un fumatore perde circa 11 (donne) a 12 (uomini) anni di vita rispetto ai non fumatori. Purtroppo, il rapporto dell’NCI del 2011 conferma che quasi il 16 per cento degli studenti delle scuole superiori fuma sigarette.

Probabilità di sopravvivenza per i fumatori attuali e per coloro che non hanno mai fumato tra uomini e donne dai 25 agli 80 anni.
Le linee verticali a 80 anni rappresentano gli intervalli di confidenza del 99% per le probabilità di sopravvivenza cumulativa, come derivano dagli errori standard stimati con l’uso della procedura jackknife. Le probabilità di sopravvivenza sono state ridimensionate dalla National Health Interview Survey ai tassi di mortalità negli Stati Uniti per tutte le cause a queste età per il 2004,13,16 con aggiustamento per differenze di età, livello di istruzione, consumo di alcol e adiposità (indice di massa corporea) . Fonte: NEJM.

 Lo studio Thun

Lo studio Thun ha confrontato i dati di tre periodi di tempo che risalgono a 50 anni. Complessivamente, i tassi di mortalità durante questo periodo di cinquanta anni sono diminuiti del 50%; in gran parte come risultato del progresso contro le malattie cardiache. Tuttavia, questo era un vantaggio goduto esclusivamente dai non fumatori.

Thun ha fatto alcune osservazioni chiave:

  • Le morti per fumatori continuano ad aumentare tra le donne perché le donne che fumano ora fumano quanto gli uomini
  • La morte per tutte le cause è almeno 3 volte più alta per i fumatori rispetto ai non fumatori con almeno due terzi di tutti i decessi nei fumatori direttamente collegati al fumo
  • Il tasso di morte per malattia polmonare cronica (COPD) è in aumento tra uomini e donne. Essi ipotizzano che questo aumento di incidenza sia correlato ai cambiamenti nelle sigarette nel corso degli anni che incoraggiano l’inspirazione più profonda; di conseguenza trasportando più tossine nelle regioni profonde e periferiche dei polmoni – gli alveoli o le sacche d’aria.

    Utilizzando lo stesso ragionamento, suggeriscono che l’inalazione più profonda rispetto al passato potrebbe causare l’aumento dell’incidenza di tumori polmonari periferici, in particolare adenocarcinomi, rispetto ai tumori a cellule più centrali e per lo più squamose che erano più comuni in passato.

  • Smettere di fumare abbassa i tassi di mortalità in modo abbastanza sostanziale e smettere di fumare prima dei 40 anni può eliminare il rischio relativo di morte prematura.

Rischi relativi di cancro ai polmoni e BPCO tra i fumatori attuali, in base al numero di sigarette fumate al giorno e tra gli ex fumatori, secondo l'età al momento della dimissione, nelle coorti contemporanee.
I rischi proporzionali di Cox raggruppati, i modelli multivariabili sono stati usati per determinare i rischi relativi per gli attuali o ex fumatori che hanno partecipato alla coorte di studio sulla prevenzione del cancro II, lo studio di follow-up dei professionisti della salute, lo studio sulla salute degli infermieri, il National Institutes of Health – Studio sulla dieta e la salute della American Association of Retired Persons (NIH-AARP) e lo studio Women’s Health Initiative, 2000-2010. Tutti i modelli sono stati controllati per livello di istruzione, razza e coorte e sono stati stratificati in base all’età del partecipante nel 2000.I dati non erano disponibili per l’età al momento di smettere di fumare per gli ex fumatori nello studio NIH-AARP. Sono stati inclusi ex fumatori che avevano lasciato più di 2 anni prima della data del sondaggio. PNEJM.

Lo studio Jha

Nello studio Jha, l’aumento del rischio di cardiopatia ischemica tra i fumatori rispetto ai non fumatori era di circa 3,5 volte (cioè i fumatori avevano 3,5 volte più morti per malattie cardiache rispetto ai non fumatori). Dal momento che le malattie cardiache sono più frequenti del cancro del polmone o della malattia polmonare cronica, ciò ha rappresentato una causa comune di morte per i fumatori.

Considerando solo le donne, ad esempio, tra le 23.839 donne che fumavano nello studio, 251 morirono di malattie cardiache rispetto alle 382 delle 67.574 donne che non avevano mai fumato. Il cancro al polmone ha causato meno decessi totali, ma il rischio relativo per i fumatori era molto alto – 18 – basato su 289 donne che fumavano e morivano di cancro ai polmoni rispetto a 83 morti per cancro al polmone per il maggior numero di donne che non fumavano mai.

Questi due studi dimostrano chiaramente che il fumo non è semplicemente un pericolo per la salute. Fumare conduce direttamente a uno straordinario aumento dei rischi di morte per malattie cardiache, ictus, malattie polmonari croniche e cancro ai polmoni, tra gli altri. Nello studio Jha, il 62% delle morti dei fumatori era attribuibile al fumo.

Fumatori e militari

Fumare in campo militare fornisce un ulteriore microcosmo di prove che supporta gli studi di Jha et al e Thun et al. Gli studi sull’incidenza del cancro nelle forze armate hanno indicato tassi più alti di incidenza e mortalità del cancro del polmone tra i veterani rispetto ai non-veterani.5 6 7 8

L’analisi più completa della prevalenza del cancro nei 9,3 milioni di beneficiari militari coperti dal sistema sanitario militare e da Tricare ha mostrato che il tasso di cancro ai polmoni può essere due volte più alto nella popolazione militare rispetto al tasso di prevalenza del cancro al polmone per l’intera popolazione.

Fino al 1976, le sigarette venivano regolarmente inviate al personale militare come parte del loro integratore alimentare, noto come K-razioni e C-razioni, e per decenni furono vendute a prezzi profondamente scontati nei commissari e negli scambi al personale militare, alle loro famiglie, agli appaltatori della difesa e lavoratori civili. Facevano parte delle razioni di uomini e donne di servizio durante la seconda guerra mondiale e la guerra di Corea.

I prodotti del tabacco sono ancora venduti a prezzi scontati su scambi militari e commissari, ad eccezione dei commissari della Marina e della Marina.

Nella grafica qui sotto, si noti il ​​pacchetto di razze WWII che afferma sulla copertina che include le sigarette e quando aperto ha rivelato il pacchetto di Lucky Strikes, mostrato di dimensioni maggiori nella seconda fotografia. Il terzo mostra una scheda di razione di sigarette seconda guerra mondiale. Questi sono stati ottenuti in una vendita, non aperta su eBay.

Pacchetto razione della seconda guerra mondiale

Colpo fortunato

Carta delle razioni della seconda guerra mondialeSecondo uno studio retrospettivo che ha analizzato la causa dei dati di morte per le persone nate tra il 1920 e il 1939, i tassi di mortalità per cancro del polmone tra i veterani sono stati quasi il doppio di quelli dei civili. 2.000.000 di veterani della seconda guerra mondiale e della guerra di Corea morirono in media 11,1 anni prima delle loro controparti civili, facendo pagare il bilancio di morti premature in termini di “anni di vita persi” superiori a quelli di tutte le vittime di guerra di entrambe le guerre. Ciò indica ancora un altro punto di dati di conferma a sostegno di Jha et al e Thun e altri hanno scoperto che la durata della vita di un fumatore è interrotta da oltre un decennio.

La percentuale di militari in servizio attivo che hanno mai fumato era più alta durante le guerre coreane e del Vietnam (75%). Attualmente, il 32% del personale militare in servizio attivo fuma contro il 20% degli adulti nella popolazione civile e il 22% dei veterani.

Gli studi condotti dall’Australian Veterans Administration hanno rilevato un tasso di cancro al polmone del 47% più alto tra i suoi veterani che hanno partecipato alla guerra di Corea e raddoppiano il tasso di casi di cancro al polmone tra i veterani australiani che hanno prestato servizio in Vietnam. Questi veterani avevano tassi di mortalità per cancro al polmone del 79% più alti del previsto nella popolazione generale australiana.

Chiaramente, il personale militare è soggetto a maggiori fattori di rischio derivanti da un’ampia varietà di cause ed esposizioni. Ad esempio, molti sono stati esposti al radon, all’amianto, al berillio, allo scarico di carburante e ad altre emissioni di campi di battaglia. Alcuni veterani del Vietnam erano esposti all’agente Orange, un erbicida usato per uccidere la vegetazione nella giungla. I veterani della Guerra del Golfo erano esposti all’uranio impoverito usato nelle armi e nella schermatura delle armature. Si scopre che l’ordinanza di uranio impoverito provoca la bronchiolite ostruttiva entro mesi o anni di esposizione. Quindi, si riconosce che l’aumentata incidenza di malattie polmonari e cancro ai polmoni tra la popolazione veterana ha certamente aggravato i fattori di esposizione oltre il semplice fumo.

Tuttavia, gli studi sull’incidenza delle malattie polmonari e del cancro del polmone nella popolazione militare suggeriscono che queste altre esposizioni sono / sono intermittenti nella migliore delle ipotesi e che il fumo come parte dello stile di vita quotidiano del personale militare rappresenta una percentuale significativamente maggiore di i tassi di cancro al polmone osservati nella popolazione militare rispetto a quelli riportati nella popolazione civile, rappresentano fino al 50-70% dei decessi. La frase popolare “Smoke if you got it em” è stata coniata dal campo di battaglia.

Rischi specifici del tabacco

Con questo background, quali sono i rischi specifici del tabacco? I tre grandi sono il cancro ai polmoni, le malattie cardiache e le malattie polmonari croniche (per esempio enfisema e bronchite cronica che insieme sono conosciute come malattia polmonare ostruttiva cronica o BPCO). In termini di rischio individuale, il fumo aumenta il rischio di malattia coronarica di circa 2-4 volte, il cancro ai polmoni di 23 volte e la BPCO di 12-13 volte.Come affermato in precedenza, è importante rendersi conto che, dal momento che la malattia coronarica è relativamente comune, raddoppiando o quadruplicando il rischio è un numero molto elevato di persone aggiuntive che ottengono la malattia coronarica che fuma. Anche se il cancro del polmone non è così comune, quando il rischio sale 23 volte diventa comune. Lo stesso vale per la BPCO. E una volta che queste malattie si sviluppano, rimangono per tutta la vita. La malattia coronarica e la BPCO possono essere curate, ma non curate. L’orologio non può essere ripristinato. Per quanto riguarda il cancro ai polmoni, alcuni sono guariti oggi. E nonostante i maggiori progressi nella diagnosi e nel trattamento, la maggior parte delle persone che sviluppano il cancro del polmone muore entro pochi anni. (Per una discussione più ampia sul cancro del polmone, vedi Il futuro dell’assistenza sanitaria per il cancro del polmone pubblicato su Medical New Today il 15 febbraio 2013 e disponibile su http://www.medicalnewstoday.com/info/lung-cancer/future-of -healthcare-overview.php). L’85% di tutti coloro che hanno un cancro ai polmoni muore entro soli cinque anni dalla diagnosi. A differenza di molti altri tumori, la mortalità per cancro al polmone non è cambiata poiché i tassi di mortalità per tutti i tumori sono stati pubblicati per la prima volta dall’NCI nel 1976.

Ci sono altre malattie causate o esacerbate dal fumo di tabacco, inclusi ictus e arterie ristrette alle gambe e ai piedi. È anche un importante fattore causale per gli aneurismi dell’aorta addominale (che è un “ballooning” dell’aorta che può rompersi e portare a morte rapida).

Alcuni degli altri tumori causati, almeno in parte, dal fumo di tabacco sono alcune leucemie e tumori della gola, della bocca, della cavità nasale, dell’esofago, dello stomaco, del pancreas, dei reni, della vescica e della cervice.

Il fumo è stato collegato come fattore causale alla rapida perdita di calcio nelle ossa delle donne in post-menopausa, portando in effetti a una maggiore osteoporosi e quindi a maggiori fratture dell’anca negli individui più anziani.

Fumare durante gli anni riproduttivi può significare infertilità e nascite premature.

Complessivamente, il fumo rappresenta circa 1 su 5 (20%) di tutti i decessi negli americani o 443.000 morti negli Stati Uniti all’anno.

Questi sono tutti risultati prevenibili, il che significa che il fumo è la causa più probabile di morte e malattia negli Stati Uniti oggi. Sta diventando rapidamente più significativo nei paesi meno sviluppati. Oggi ci sono circa 40 milioni di americani che fumano, ma a livello internazionale il totale è di circa 1,3 miliardi. Per lo più questi fumatori vivono nel mondo in via di sviluppo dove la percentuale di fumatori è alta e in aumento. Sfortunatamente non vi è alcun suggerimento che l’iniziazione del fumo stia diminuendo, anzi, sta ancora aumentando. Jha et al. Hanno stimato che “sulla base degli attuali tassi di iniziazione e cessazione del fumo, il fumo, che ha ucciso circa 100 milioni di persone nel 20 ° secolo, ucciderà circa 1 miliardo nel 21 ° secolo”.

Fumare danneggia le donne e gli uomini allo stesso modo – Si pensava che le donne fossero in qualche modo meno colpite degli uomini dal fumo di tabacco. Questo semplicemente non è vero. Non c’è divario di genere. “Le donne che fumano come uomini muoiono come uomini che fumano”. Sia gli uomini che le donne che fumano hanno un aumentato rischio di contrarre il cancro ai polmoni 25 volte quello dei non fumatori.

La storia del fumo in America spiega perché il “divario di genere” era un miraggio. Una volta iniziata la produzione di sigarette a macchina all’inizio del XX secolo, gli uomini hanno preso l’abitudine, soprattutto all’indomani della prima guerra mondiale. Per le donne, il fumo era in gran parte considerato socialmente inaccettabile in quel momento. Dal momento che occorrono da 20 a 30 o più anni per indurre le varie malattie legate al fumo, gli uomini hanno iniziato a sviluppare il cancro del polmone, la BPCO sintomatica, la malattia coronarica riconosciuta e così via solo dopo la seconda guerra mondiale. E siccome sempre più uomini fumavano sempre più sigarette al giorno, per più di 20-30 anni, le percentuali di queste malattie iniziarono ad aumentare rapidamente negli anni ’60 e ’70.

Le donne hanno cominciato a fumare regolarmente dopo la seconda guerra mondiale e quando i produttori hanno iniziato a indirizzare in modo specifico la loro pubblicità alle donne, con marchi come Virginia Slims. Così, negli anni ’60 e ’70, l’aumento dei tassi di queste malattie non era ancora apparso nelle donne. Quindi il “divario di genere” sembrava essere in vigore. Tuttavia ora i tassi di malattia sono gli stessi per tutti coloro che hanno fumato molte sigarette al giorno (o pacchi al giorno) per molti anni.

In che modo il fumo nuoce alla salute?

Il tabacco ha più di solo nicotina e catrame nel suo fumo. Oltre 4.000 prodotti chimici sono stati rilevati in fumo e forse 250 sono risultati dannosi secondo il Centers for Disease Control (CDC). Tra questi ci sono alcuni prodotti chimici comunemente noti come arsenico, benzene, cadmio, cromo e formaldeide.

Il monossido di carbonio viene rilasciato anche nel fumo di tabacco e lega l’emoglobina nei globuli rossi che normalmente trasportano ossigeno. Il monossido di carbonio colpisce anche le arterie e accelera il processo di malattia coronarica o aterosclerosi.

La nicotina è altamente coinvolgente e ha anche un effetto restringente sulle arterie, comprese le arterie coronarie.

Fumo passivo – Se per molti anni si impiega molto fumo a causare alti tassi di malattia, allora il fumo passivo può essere un problema? La risposta è definitivamente e sicuramente sì.

Il fumo passivo è particolarmente pericoloso per i bambini che svilupperanno più infezioni alle vie respiratorie e molti in seguito passeranno alle stesse malattie dei fumatori diretti, anche se in numero inferiore.

Si stima che il rischio di malattia coronarica aumenti di circa il 25-30% tra quelli esposti al fumo passivo rispetto a quelli non esposti. Il risultato è che, come riportato dall’NCI, quasi 50.000 persone muoiono ogni anno di malattia coronarica a causa del fumo passivo con circa 3.500 morti di cancro ai polmoni.

Tentativi di avvertire il pubblico e ridurre il fumo

La prima dichiarazione pubblica secondo cui il fumo di tabacco era dannoso per la salute della società era di Luther L. Terry, M.D., Surgeon General del US Public Health Service nel 1964. Questo rapporto fu criticato in modo aggressivo, specialmente dalle compagnie del tabacco e dai loro delegati. Tuttavia, ha rapidamente portato al Congresso la richiesta di avvertimenti sui pacchetti di sigarette sugli effetti nocivi del fumo sulla salute e sulla messa al bando della pubblicità radiofonica e televisiva.

Più di vent’anni dopo, il Dr. C. Everett Koop, il Surgeon General dal 1981 al 1989, prese una forte posizione sui rischi per la salute del tabacco. Chirurgo pediatrico, era stato un attivo oppositore dell’aborto, parlando contro di esso in tutto il paese prima della sua nomina e quindi aveva un forte sostegno al Senato da parte di molti senatori conservatori del Sud, compresi gli stati di coltivazione del tabacco. Ma Koop rese presto il tabacco il suo principale nemico per la salute pubblica. Fumare ha detto che era “il più importante problema di salute pubblica del nostro tempo”. Lo ha reso un problema veramente nazionale, ha usato il suo prepotente per entrare in radio e in TV e sottolineare i pericoli del fumo passivo. I suoi primi sostenitori del Senato negli stati del tabacco persero rapidamente il loro affetto per lui, ma sentì che era una responsabilità morale parlare apertamente.

Oggi circa il 19% degli americani fuma, in calo da oltre il 40% qualche decennio fa. Questo è per il bene. La cattiva notizia è che tra coloro che fumano una grande proporzione sono più giovani – età 18-35. In passato, il fumo era prevalente tra i dipendenti più colti e ben informati. Oggi è più diffuso tra gli individui meno istruiti e più stressati dal punto di vista socio-economico. Non solo i tassi sono alti e persino in aumento in questo gruppo, ma lo è anche la quantità di fumo.

Causa principale della morte del cancro …

Diagramma - Proiezioni di decessi correlati al cancro nel 2012 negli Stati Uniti
Fonte: American Cancer Society, Inc. Surveillance Research – 2012

… e la Prevalenza sta crescendo

Diagramma - Nuovi casi di cancro ai polmoni
Fonte: Organizzazione mondiale della sanità, relazione sullo stato globale delle malattie non trasmissibili – 2010

A Significant Burden to the Economy (2009)

Diagramma - Costo per l'economia degli Stati Uniti (2009)

I Centers for Disease Control (CDC) hanno esaminato il consumo negli ultimi dieci anni. Dal 2000-2011, il consumo totale di “tabacco combustibile” è diminuito da 450,7 miliardi di sigarette equivalenti a 326,6 sigarette equivalenti o un calo del 28%. Mettilo come una cifra pro capite e declina da 2.148 a 1.374 equivalenti di sigarette o una diminuzione del 33%. Il declino del consumo di sigarette prodotto dalle macchine ha rappresentato la maggior parte di questo cambiamento. Tuttavia, altri prodotti del tabacco combustibili (ad esempio sigari, pipe e tabacco da arrotolare) in realtà sono aumentati del 123%, una vera preoccupazione. Queste componenti rappresentavano solo il 4% circa del totale nel 2000, ma ora ammontano a circa il 10%.

Naturalmente, non importa ciò che una persona fuma – sigarette, pipa o sigaro – tutti rilasciano le stesse tossine nei polmoni. Perché questo piccolo ma crescente passaggio a questi altri prodotti? Per lo più ha a che fare con la legge fiscale. Le sigarette sono altamente tassate rendendole costose; tabacco da pipa e sigari “grandi” sono leggermente tassati, rendendoli relativamente meno costosi. I produttori hanno quindi reimpostato il tabacco da arrotolare liberamente (molto tassato come le sigarette) come tabacco da pipa in modo da beneficiare di tasse più basse. Allo stesso modo, i sigari “piccoli” sono molto tassati come le sigarette, ma solo un leggero aumento delle dimensioni li rende in sigari “grandi” leggermente tassati, anche se altrimenti somigliano alle tipiche sigarette in termini di dimensioni.

Non sorprende che un nuovo rapporto generale del Surgeon del 2012 rileva che i giovani e i giovani adulti hanno un più alto tasso di utilizzo di sigari e altri prodotti di tabacco combustibile leggermente più tassati.

Implicazioni economiche

Le realtà economiche del fumo non si fermano qui. Il costo delle malattie legate al fumo è un onere di costo significativo per il prodotto interno lordo dell’economia statunitense. Dei $ 2,2 trilioni di dollari che gli Stati Uniti spendono per l’assistenza sanitaria, ogni anno $ 1,1 trilioni di quella spesa sono direttamente correlati all’onere dei costi delle malattie croniche non trasmissibili. Di questo costo di 1,1 miliardi di dollari, la malattia polmonare e il cancro del polmone rappresentano $ 154 miliardi. Quasi il 15%! Il costo delle malattie cardiache e dell’ictus rappresenta un onere da 444 miliardi di dollari.

Una rapida estrapolazione delle statistiche di Thun et al e Jha et al riguarderebbe che le malattie legate al fumo, associate solo a malattie polmonari, cardiache e vascolari, rappresentano un onere economico per il PIL degli Stati Uniti di centinaia di miliardi di dollari all’anno. Quindi, sia le conseguenze umanitarie che finanziarie del fumo e del tabacco non possono essere sopravvalutate.

Il valore di smettere

È risaputo che il tabacco crea dipendenza e che il fumo è facile da iniziare e difficile da smettere. Molti provano ogni anno solo per tornare indietro. Se qualcuno ha fumato a lungo, fa qualche differenza o è troppo tardi? Che valore ha smettere di fumare, se esiste in queste circostanze? La risposta è che smettere di fumare è estremamente prezioso e non è mai troppo tardi per avere un effetto significativo.

Coloro che smettono di fumare torneranno indietro anni di vita, con più anni guadagnati prima che uno smetta di fumare. Ad esempio, nell’analisi di Jha, coloro che hanno lasciato la fascia di età compresa tra 25 e 34 anni sono tornati quasi allo status di non fumatore – hanno guadagnato 10 anni di vita. Fermarsi tra i 35-44 anni ha guadagnato 9 anni e tra 45-54 anni il guadagno è stato di 6 anni. Quindi è sempre un buon momento per smettere.

Diagramma - Rischi di morte per i partecipanti che hanno continuato a fumare e per coloro che smettono di fumare in base all'età al momento della cessazione.
I rischi totali ed eccessivi di morte sono mostrati per i partecipanti al NHIS che hanno continuato a fumare, rispetto a quelli che hanno smesso di fumare. CI indica intervallo di confidenza. Fonte: NEJM.

Quotare oggi è il passo più importante che un fumatore può intraprendere per migliorare la propria salute negli anni a venire. Alcuni sostengono che se smettono, aumenteranno di peso e questo li renderà più suscettibili al diabete mellito o alla malattia coronarica.Un argomento probabilmente logico, ma i dati stanno entrando potrebbe portare ad un aumento di peso, ma è appena sufficiente avere un impatto significativo o grave e quindi non – di gran lunga – superare i benefici della cessazione del fumo. Inoltre, è un argomento che fallisce rispetto all’estensione della propria vita.

Smettere è difficile Nessuna domanda. Tuttavia, ne vale la pena! L’approccio migliore consiste nell’utilizzare una combinazione di tecniche tutte in una volta. La consulenza da parte del medico del paziente e aumentata da un consulente per la cessazione professionale può avere un impatto importante. I cerotti alla nicotina possono aiutare lentamente e delicatamente a ridurre una dipendenza dalla nicotina. I gruppi di supporto, siano essi reali o virtuali, di persona o tramite i social media possono essere molto utili; dopotutto, ogni persona del gruppo sta attraversando la stessa difficile transizione. Gli incentivi aiutano così come un forte sistema di supporto per la famiglia e gli amici. I programmi di disassuefazione dal posto di lavoro sono molto utili e se uno non è disponibile, molti dipartimenti sanitari possono fare un rinvio. Il successo del dimettersi va al di sopra quando queste e altre tecniche vengono utilizzate insieme, piuttosto che cercare semplicemente di smettere di “tacchino freddo” da soli.

Per assistere un individuo, il fornitore (medico, infermiere, infermiere) deve seguire il modello “5A” del servizio sanitario pubblico:

  1. Chiedi a ciascun paziente se fuma
  2. Consiglia a tutti i fumatori di smettere
  3. Valutare la volontà del fumatore di smettere (prontezza)
  4. Aiuta a smettere
  5. Organizzare un contatto di follow-up appropriato sia con il fornitore che con altri come i consulenti

Tutto ciò richiede un po ‘di tempo, ma è essenziale avere alti tassi di successo.

Un concetto chiamato auto-efficacia è importante qui. Quelli con bassa auto-efficacia sono quelli con basse aspettative personali che riusciranno a smettere. Il loro tasso di recidive è più alto quindi devono essere identificati in anticipo e hanno offerto un’assistenza speciale.

Spesso non riconosciuto dalla popolazione generale è il valore della cessazione del fumo prima di una procedura chirurgica. I fumatori hanno più alti tassi di complicanze durante e dopo l’intervento chirurgico rispetto ai non fumatori. Per le procedure elettive molti chirurghi ora insistono sulla cessazione per un pre-intervento di alcuni mesi. Questa è una buona idea che deve essere aumentata dopo l’intervento chirurgico per prevenire ricadute successive.

Fortunatamente, ci sono stati sforzi attivi da molti anni per mettere in guardia contro i pericoli del fumo e per aiutare le persone a smettere. Tuttavia, il fumo è diventato un comportamento stigmatizzato in modo che coloro che fumano sono evitati e coloro che sviluppano malattie legate al fumo come il cancro ai polmoni sono stigmatizzati (“lo hai portato anche tu”).

Il cancro al polmone uccide più donne rispetto al cancro al seno, ma non esiste una campagna “Pink Ribbon” o “Race for the Cure”. Le donne hanno dimostrato di essere i migliori sostenitori di una società sana. La leadership delle donne nella lotta contro il cancro al seno è stata la migliore iniziativa di promozione e finanziamento delle malattie mai vista. La realtà è che il cancro ai polmoni ha ucciso 74.000 donne nel 2010 rispetto ai 38.000 persi per cancro al seno. Quasi il doppio rispetto al cancro al polmone nel 2010 è stato il doppio rispetto al cancro al seno.

Quindi, dove sono le voci? Vi è un caso convincente per una rinnovata attenzione alla prevenzione e al trattamento delle malattie polmonari e del cancro ai polmoni, in particolare. Oltre 96 milioni di americani hanno ammesso di fumare per almeno sei mesi nel corso della loro vita, un tasso di esposizione che mette un terzo della popolazione americana almeno a un certo livello di rischio.

Quindi, perché essere prevenuti nei confronti di quelli con malattia polmonare e cancro ai polmoni? Il fatto è che stiamo pagando tutti i costi del fumo della nostra società in dollari reali e nella vita reale. C’è un significativo bisogno di un atteggiamento non giudicante nei confronti di coloro che sono afflitti. Superare il “gioco della colpa” rimuove lo stigma e consente un approccio più costruttivo alla cessazione del tabagismo e alla prevenzione e cura delle malattie.

Sommario

I tentativi di ridurre l’inizio del fumo, aiutare a smettere di fumare e aumentare l’attenzione e accelerare le iniziative di ricerca per trattare e curare le malattie correlate al fumo sono forse i più importanti obiettivi di promozione della salute e di prevenzione delle malattie per l’America in questo momento.

Se c’è un singolo messaggio da togliere alle nuove informazioni sull’uso del tabacco, è questo: il tabacco è la causa più importante di malattie e morte prevenibili. Non è mai troppo tardi per smettere e i benefici di smettere sono chiaramente sostanziali. Restituire un decennio di vita sana è un obiettivo molto reale e realizzabile.

Riguardo agli Autori

Miniatura del futuro del dispensario sanitarioStephen C. Schimpff, MD, professore di medicina e politica pubblica, CEO in pensione del Medical Center dell’Università del Maryland, presidente del comitato consultivo scientifico di Sanovas, Inc., consigliere senior di Sage Growth Partners ed autore di “The Future” di consegna di assistenza sanitaria: perché deve cambiare e come si influenzerà. “Larry Gerrans è un inventore e sviluppatore di tecnologie mediche. È il fondatore e CEO di Sanovas Inc., una società di Life Science Technology dedicata alla diagnosi precoce e al trattamento di gravi malattie croniche tra cui il cancro del polmone, l’asma e la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO).

Scritto da Stephen C Schimpff, MD e Larry Gerrans

Like this post? Please share to your friends: