Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

I medici della pressione sanguigna prima di coricarsi piuttosto che al mattino riducono i rischi

Prendendo i farmaci per la pressione sanguigna prima di coricarsi, piuttosto che per prima cosa al mattino, non è solo meglio tenere sotto controllo la pressione sanguigna, ma sembra anche ridurre il rischio di malattie cardiache come ictus e attacchi cardiaci con un peso significativo, dicono i ricercatori spagnoli che scrivono del loro risultati del 24 ottobre online prima dell’edizione stampata del Journal of the American Society of Nephrology.

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), l’ipertensione o l’ipertensione sono comuni in tutto il mondo, principalmente perché le persone vivono più a lungo e la prevalenza di fattori che contribuiscono come l’obesità. Ad esempio, circa uno su tre negli Stati Uniti ha la pressione alta.

Tuttavia, mentre il trattamento della condizione ha dimostrato di prevenire le malattie cardiovascolari e di estendere e migliorare la vita, non sembra che stiamo gestendo la pressione alta come potremmo, dice l’OMS.

In questo studio, il dott. Ramón Hermida e colleghi, tutti dell’Università di Vigo, hanno scoperto che i pazienti che assumevano almeno un farmaco per abbassare la pressione sanguigna prima di coricarsi avevano un migliore controllo della pressione arteriosa e avevano meno probabilità di provare problemi cardiaci rispetto alle controparti che assumevano i loro farmaci per prima cosa al mattino.

I risultati suggeriscono che con un piccolo sforzo extra e senza costi aggiuntivi, i pazienti potrebbero ridurre significativamente il rischio di infarto, ictus e altre condizioni cardiache.

Prima di questo studio, sapevamo che l’ora del giorno in cui i pazienti assumono i loro farmaci per la pressione sanguigna influenza i modelli di pressione sanguigna, ma si sapeva poco sull’effetto che potrebbe avere sulla salute del cuore.

Così Hermida e colleghi hanno deciso di indagare su questo in un gruppo di 661 pazienti con malattia renale cronica e alta pressione sanguigna.

Hanno assegnato in modo casuale i pazienti a uno dei due gruppi. In un gruppo i pazienti hanno preso tutte le prescrizioni di ipertensione prescritte per prima cosa al mattino e nell’altro gruppo hanno preso almeno uno di loro prima di andare a letto.

Hanno misurato la pressione sanguigna dei pazienti (chiedendo loro di indossare un monitor ambulatoriale per 48 ore) all’inizio dello studio, e anche 3 mesi dopo ogni cambiamento nel trattamento, o almeno, ogni anno.

Dopo un follow up mediano di 5,4 anni, i ricercatori hanno scoperto che:

  • I pazienti che hanno assunto almeno un farmaco per abbassare la pressione sanguigna prima di coricarsi avevano un rischio aggiustato per i danni cardiovascolari totali che erano due terzi inferiori rispetto a quelli dei pazienti che assumevano tutti i farmaci quando si svegliavano al mattino (rapporto di rischio aggiustato HR 0,31 Intervallo di confidenza al 95% compreso tra 0,21 e 0,46; angina P, infarto miocardico (attacco cardiaco), morte, rivascolarizzazione, insufficienza cardiaca, arteria bloccata negli arti inferiori, ostruzione dell’arteria retinica e ictus.
  • Vi è stata una riduzione significativa simile del rischio per la somministrazione di ora di andare a dormire per un composito di tre eventi: morte cardiovascolare, infarto miocardico e ictus (HR 0,28 aggiustato con IC al 95% da 0,13 a 0,61 e P
  • Inoltre, i pazienti che hanno assunto almeno un med al momento di coricarsi hanno avuto una pressione arteriosa media del sonno significativamente più bassa e più di loro hanno mostrato un migliore controllo della pressione arteriosa ambulatoriale (56% vs 45%, P = 0,003).
  • Ogni calo di 5 mm del livello di mercurio della pressione arteriosa sistolica media durante il sonno era correlato a una riduzione del 14% del rischio di eventi di forza motoria durante il periodo di follow-up (P

Hermida ha dichiarato alla stampa:

“I nostri risultati indicano che i tassi di eventi cardiovascolari nei pazienti con ipertensione possono essere ridotti di oltre il 50% con la strategia azero-costi di somministrazione di farmaci che abbassano la pressione sanguigna prima di coricarsi piuttosto che al mattino”, aggiungendo:

“Questo studio documenta anche per la prima volta che la pressione arteriosa del sonno è il marker indipendente più rilevante di rischio cardiovascolare.”

Scritto da Catharine Paddock PhD

Like this post? Please share to your friends: