Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

I muscoli più forti portano a un cervello più forte

Uno studio condotto dall’Università di Sydney in Australia ha rilevato che aumentare gradualmente la forza muscolare attraverso attività come il sollevamento pesi migliora la funzione cognitiva.

[Donna anziana che mostra i suoi muscoli]

Lo studio è stato condotto in collaborazione con il Center for Healthy Brain Aging (CHeBA) presso l’Università del New South Wales e l’Università di Adelaide.

I risultati sono stati pubblicati nel.

La sperimentazione ha coinvolto uno studio di allenamento mentale e di resistenza (SMART) condotto su pazienti con compromissione cognitiva lieve (MCI) tra 55-68 anni. I pazienti con MCI hanno un rischio più elevato di sviluppare demenza e malattia di Alzheimer.

I risultati sono particolarmente significativi data l’elevata incidenza di demenza e malattia di Alzheimer tra la popolazione anziana. Secondo il Rapporto mondiale sull’Alzheimer del 2016, 47 milioni di persone in tutto il mondo hanno demenza e questo numero dovrebbe triplicare entro il 2050.

Negli Stati Uniti, la cifra prevista per le persone con malattia di Alzheimer nel 2050 è di 13,8 milioni.

A causa dell’elevato costo delle cure per i pazienti con demenza, la relazione mondiale sull’Alzheimer raccomanda di andare oltre l’assistenza specialistica. Il rapporto suggerisce un approccio olistico che si concentra sul miglioramento della qualità della vita per le persone che vivono con la condizione.

Visto in questo contesto, un collegamento tra l’allenamento fisico e il miglioramento della funzione cerebrale potrebbe essere un passo nella giusta direzione.

Come un programma disciplinato di sollevamento pesi può migliorare la cognizione

Il processo ha esaminato l’allenamento di resistenza progressiva – come il sollevamento pesi – e il funzionamento del cervello.

Lo studio ha esaminato 100 anziani che vivono con MCI. “Disturbi cognitivi lievi” si riferiscono a pazienti più anziani con difficoltà cognitive evidenti ma non abbastanza significative da interferire con le loro attività quotidiane.

L’ottanta percento dei pazienti con diagnosi di MCI sviluppa il morbo di Alzheimer dopo circa 6 anni.

Per il processo, i pazienti con MCI sono stati divisi in quattro gruppi e assegnato una serie di attività. Questi includevano una combinazione di esercizi di resistenza – tra cui sollevamento pesi – e resistenza al placebo sotto forma di stretching seduto. Le attività includevano anche la formazione cognitiva computerizzata e il suo equivalente al placebo.

Le attività di training cognitivo e di placebo non hanno prodotto miglioramenti cognitivi.

Tuttavia, lo studio ha dimostrato una relazione proporzionale tra il miglioramento della funzione cerebrale e il miglioramento della forza muscolare.

“Quello che abbiamo trovato in questo studio di follow-up è che il miglioramento della funzione cognitiva era legato ai loro guadagni di forza muscolare: più le persone diventavano forti, maggiore era il beneficio per il loro cervello”.

Autore principale Dr. Yorgi Mavros

Studi precedenti hanno mostrato un legame positivo tra esercizio fisico e funzione cognitiva, ma lo studio SMART condotto dal Dr. Mavros fornisce ulteriori informazioni sul tipo, sulla qualità e sulla frequenza dell’esercizio necessari per ottenere tutti i benefici cognitivi.

Durante il processo, i partecipanti hanno svolto sessioni di sollevamento pesi due volte a settimana per 6 mesi, lavorando per almeno l’80% della loro forza massima. I pesi sono stati gradualmente aumentati man mano che i partecipanti si sono rafforzati, pur mantenendo il loro picco di forza all’80%.

“Più possiamo fare in modo che la gente faccia un allenamento di resistenza come il sollevamento pesi, maggiore è la probabilità di avere una popolazione più anziana più sana”, afferma il dott. Mavros. “La chiave, tuttavia, è assicurarti di farlo frequentemente, almeno due volte a settimana e ad alta intensità in modo da massimizzare i tuoi guadagni di forza, il che ti darà il massimo beneficio per il tuo cervello.”

Questa è anche la prima volta che uno studio ha dimostrato un chiaro nesso causale tra l’aumento della forza muscolare e il miglioramento della funzione cerebrale nei pazienti di età superiore a 55 anni che hanno MCI.

Esercizio e funzione cognitiva

È stato suggerito che l’esercizio fisico indirettamente aiuta a prevenire l’insorgenza della malattia di Alzheimer e riduce il rischio di compromissione cognitiva. L’esercizio fisico aiuta con processi fisiologici come la glucoregolazione e la salute cardiovascolare. Quando questi sono sub-ottimali, aumentano il rischio di compromissione cognitiva e malattia di Alzheimer.

L’esercizio migliora anche altri processi cognitivi, come l’attenzione selettiva, la pianificazione, l’organizzazione e il multitasking.

Alcuni studi hanno anche suggerito una connessione tra un aumento delle dimensioni di alcune aree del cervello e l’esercizio fisico.

Con l’età, l’ippocampo è noto per ridurre le dimensioni, il che porta a un deterioramento cognitivo. Tuttavia, l’esercizio aerobico ha mostrato un aumento delle dimensioni dell’ippocampo anteriore del 2%, che può migliorare la memoria spaziale.

All’inizio di quest’anno, un team di ricercatori che ha incluso il Dr. Mavros ha rilasciato un test simile in cui hanno notato un miglioramento cognitivo dopo il sollevamento pesi.

Usando la risonanza magnetica funzionale (fMRI), hanno analizzato i cambiamenti nel cervello dopo 6 mesi di allenamento con resistenza progressiva e formazione cognitiva computerizzata negli anziani. Hanno scoperto che l’allenamento di resistenza progressiva come il sollevamento pesi “ha significativamente migliorato la cognizione globale”.

Gli autori di questo studio hanno sottolineato che non è chiaro se l’allenamento fisico in sé arresti gli effetti degenerativi della vecchiaia, o se potenziano alcuni altri meccanismi che supportano la cognizione.

Anche se la forza muscolare sembra essere chiaramente connessa con il deterioramento cognitivo, il meccanismo alla base di esso non è ancora del tutto evidente.

In futuro, Mavros e il team sperano di scoprirlo collegando l’aumento delle dimensioni del cervello alla forza muscolare e al miglioramento cognitivo.

“Il prossimo passo ora è determinare se gli aumenti della forza muscolare sono anche correlati ad aumenti delle dimensioni del cervello che abbiamo visto.Inoltre, vogliamo trovare il messaggero che collega la forza muscolare, la crescita cerebrale e le prestazioni cognitive e determinare il modo ottimale per prescrivere l’esercizio fisico per massimizzare questi effetti. “

Autore senior Prof. Maria Fiatarone Singh, Università di Sydney

Leggi l’Alzheimer e quanto siamo vicini alla ricerca di una cura.

Like this post? Please share to your friends: