Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

I pazienti coma mostrano una ripresa migliorata dall’udire le voci familiari

È stato un dispositivo di trama drammatica in innumerevoli film e soap opera, ma ora un nuovo studio della Northwestern Medicine e Hines VA Hospital, entrambi in Illinois, ha tentato di rispondere alla domanda: le voci dei familiari e delle persone care possono davvero svegliare il coma pazienti dallo stato di incoscienza?

ragazza in coma

Un coma è definito come una condizione inconscia in cui il paziente non è in grado di aprire gli occhi. Quando un paziente inizia a riprendersi da un coma, progredisce prima verso uno stato di minima coscienza o “stato vegetativo”, sebbene questi stati possano durare da poche settimane a diversi anni.

L’autrice principale Theresa Pape è stata ispirata a condurre il nuovo studio – i cui risultati sono pubblicati sulla rivista – mentre lavorava come logopedista per i pazienti in coma con lesioni cerebrali traumatiche. Pape osservò che i pazienti sembravano rispondere meglio ai membri della famiglia che agli estranei.

Da ciò, Pape cominciò a chiedersi se la capacità di recupero dei pazienti potesse essere aumentata se i terapeuti fossero in grado di stimolare ed esercitare il cervello delle persone mentre erano incoscienti.

Come parte dello studio randomizzato, controllato con placebo, 15 pazienti con lesioni traumatiche alla testa chiusa che si trovavano in uno stato minimamente cosciente sono stati arruolati nel Familiar Auditory Sensory Training (FAST). I 12 uomini e tre donne avevano un’età media di 35 anni ed erano stati in uno stato vegetativo per una media di 70 giorni prima dell’inizio del trattamento FAST.

All’inizio dello studio, Pape e i suoi colleghi hanno usato campane e fischietti per testare quanto i pazienti fossero sensibili alle informazioni sensoriali. Hanno anche valutato se i pazienti erano in grado di seguire le indicazioni per aprire gli occhi o se potevano monitorare visivamente qualcuno che camminava attraverso la stanza.

La risonanza magnetica (MRI) è stata anche utilizzata per ottenere un’impressione di base su come i livelli di ossigeno nel sangue nel cervello dei pazienti sono cambiati mentre ascoltando voci familiari e sconosciute raccontano storie diverse.

I terapeuti hanno quindi chiesto alle famiglie dei pazienti di guardare album fotografici per identificare e mettere insieme almeno otto storie importanti riguardanti eventi a cui il paziente e la sua famiglia hanno preso parte insieme.

“Potrebbe essere un matrimonio di famiglia o un viaggio speciale su strada insieme, come andare a visitare le università”, spiega Pape. “Doveva essere qualcosa che avrebbero ricordato, e avevamo bisogno di riportare in vita le storie con sensazioni, temperatura e movimento.Le famiglie descrivevano l’aria che sfrecciava davanti al paziente mentre cavalcava nella Corvette con la cima in basso o l’aria fredda sul suo viso mentre sciava giù per un pendio di montagna. “

I pazienti erano più sensibili alle voci non familiari dopo 6 settimane di terapia

Le storie sono state provate e registrate dalle famiglie e poi suonate ai pazienti in coma per 6 settimane. Dopo questo periodo di ascolto, i test della risonanza magnetica sono stati ripetuti, con l’assunzione di livelli di ossigeno nel sangue mentre i pazienti ascoltavano le loro storie raccontate da voci familiari e non familiari.

La risonanza magnetica ha registrato un cambiamento nei livelli di ossigeno quando la voce non familiare stava raccontando la storia, ma non c’era alcun cambiamento dai livelli di riferimento per la voce familiare.

Pape dice che questi risultati dimostrano una maggiore capacità di elaborare e comprendere il linguaggio tra i pazienti, in quanto sono più reattivi alla voce non familiare che racconta la storia: “Alla base non prestavano attenzione a quella voce non familiare, ma ora loro stanno elaborando ciò che quella persona sta dicendo. ”

A questo punto del trattamento, i ricercatori hanno anche scoperto che i pazienti erano meno sensibili al suono di una piccola campana che suonava rispetto all’inizio dello studio. Il team ritiene che ciò indichi che i pazienti sono ora più in grado di discriminare tra diversi tipi di informazioni audio e decidere cosa è più importante ascoltare.

“La voce della mamma che raccontava storie familiari ripetutamente aiutava il cervello a prestare attenzione a informazioni importanti piuttosto che al campanello”, dice Pape. “Sono stati in grado di filtrare ciò che era rilevante e ciò che non lo era.”

Le prime 2 settimane sono risultate essere il periodo più importante per il trattamento e hanno dimostrato i maggiori guadagni. Le rimanenti 4 settimane di trattamento hanno visto guadagni più piccoli e più incrementali.

“Questo dà speranza alle famiglie e qualcosa che possono controllare”, Pape dice del trattamento, raccomandando che le famiglie lavorino con un terapeuta per aiutare a costruire storie che aumentano le altre terapie che il paziente potrebbe essere in corso.

Ora il team sta analizzando i dati dello studio per verificare se il trattamento FAST rafforza gli assoni – le fibre che costituiscono il “cablaggio” del cervello e trasmettono segnali tra i neuroni.

Like this post? Please share to your friends: