Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

I pazienti con endocardite infettiva e insufficienza cardiaca hanno una mortalità ridotta con la chirurgia valvolare

Secondo un’indagine del numero di JAMA del 23 e 30 novembre, circa due terzi degli individui con scompenso cardiaco e endocardite infettiva ricevono chirurgia valvolare, che è associata a una considerevole riduzione del rischio di morte in ospedale ea un anno dall’intervento chirurgico. . L’endocardite infettiva è un’infezione del rivestimento del cuore che può coinvolgere le valvole cardiache.

Le informazioni di background nel report indicano:

“L’endocardite infettiva è associata a morbilità e mortalità sostanziali.Molti studi pubblicati hanno riportato una mortalità ospedaliera del 15 percento al 20 percento e una mortalità ad 1 anno del 40 percento. Solo negli Stati Uniti sono diagnosticati circa 15000 nuovi casi di endocardite infettiva Ogni anno una varietà di complicanze contribuisce agli alti tassi di morbilità e mortalità nell’endocardite infettiva, in particolare nell’insufficienza cardiaca (HF), che si verifica in circa il 40% dei pazienti. “
Il rischio di morte per endocardite infettiva complicata da insufficienza cardiaca può essere ridotto con la chirurgia valvolare, secondo studi precedenti. La procedura è fortemente raccomandata dall’American College of Cardiology / American Heart Association e dalla European Society of Cardiology.

Todd Kiefer, M.D., Ph.D., del Duke University Medical Center di Durham, California, e il suo team hanno condotto un’indagine per analizzare le variabili microbiologiche, cliniche ed ecocardiografiche collegate allo sviluppo dell’insufficienza cardiaca in soggetti con endocardite infettiva.

Inoltre, il team ha analizzato le variabili legate ai tassi di mortalità in ospedale e ad 1 anno, incluso l’uso e gli effetti dell’intervento sull’esito. Lo studio, che ha avuto luogo in 61 centri in 28 paesi, comprendeva 4.166 persone con endocardite infettiva da valvola nativa o protesica tra giugno 2000 e dicembre 2006.

1, 359 (33,4%) dei 4,075 partecipanti con endocardite infettiva e noto fattore di stato HF hanno avuto insufficienza cardiaca, mentre il 66,7% (906 pazienti) sono stati classificati come aventi lo status di sintomo di III classe di III classe di cardiochirurgia (maggiore grado di limitazioni / sintomi con attività fisica). 839 (61,7%) dei pazienti con insufficienza cardiaca sono stati sottoposti a chirurgia valvolare durante il ricovero per indice. Il team ha scoperto che per tutta la coorte di insufficienza cardiaca, la mortalità intra-ospedaliera era del 29,7%. Una mortalità più bassa è stata osservata in soggetti sottoposti a chirurgia valvolare (20,6%) rispetto a pazienti sottoposti a trattamento medico (44,8%). Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che la mortalità ad un anno era del 29,1% nelle persone sottoposte a procedura rispetto al 58,4% nei pazienti con sola terapia medica.

I fattori indipendenti legati alla mortalità ad un anno includono:

  • Diabete
  • Età avanzata
  • Infezione associata all’assistenza sanitaria
  • mellito
  • Ictus
  • Complicazioni paravalvolari
  • Microrganismo causale (Staphylococcus aureus o funghi)
  • Grave HF (New York Heart Association di classe III o IV)

La mortalità inferiore era collegata alla chirurgia valvolare durante il ricovero iniziale.

I ricercatori evidenziano che quasi un terzo degli individui con scompenso cardiaco e alta propensione chirurgica non sottoposti a chirurgia sottolinea la necessità di una gestione multidisciplinare e basata sulle linee guida dell’endocardite infettiva.

Spiegano:

“Un migliore riconoscimento dell’HF e dei sistemi istituzionali per promuovere un trattamento adeguato dell’endocardite infettiva può aumentare il tasso di chirurgia per questa indicazione.

Sono necessari ulteriori studi per stratificare meglio i pazienti con endocardite infettiva e scompenso cardiaco e ottimizzare l’uso della chirurgia per questa grave condizione. “
Scritto da Grace Rattue

Like this post? Please share to your friends: