Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

I pericoli della prescrizione di ADD farmaci per i pazienti sani

I pazienti sani senza disturbo da deficit di attenzione (ADD) non dovrebbero essere prescritti farmaci per il miglioramento cognitivo, secondo un articolo pubblicato in CMAJ.

Alle persone vengono talvolta prescritti stimolanti (come il metilfenidato e la destroanfetamina) per il potenziamento cognitivo, che essenzialmente li usa per migliorare solo la memoria o la concentrazione.

Poiché una prescrizione è necessaria per questi farmaci, i medici devono assicurarsi di prescriverli a persone che ne hanno effettivamente bisogno e non a individui sani senza ADD. L’American Academy of Neurology non impone alcuna restrizione su chi può essere prescritto farmaci ADD, infatti, consente anche ai medici di prescrivere i farmaci a persone senza ADD.

Il dott. Eric Racine, dell’Institut de recherches cliniques de Montréal e dell’Université de Montréal, ha dichiarato: “I medici sono attori importanti in questo dibattito, dati i rischi e le normative dei farmaci da prescrizione e il potenziale di richieste da parte dei pazienti per potenziatori cognitivi”.

La maggior parte delle persone che prendono i farmaci per il miglioramento cognitivo pensano che usandoli a loro si esibiranno meglio a scuola o al lavoro.

Si prevede che fino all’11% degli studenti universitari utilizza stimolanti per migliorare la concentrazione. Un precedente editoriale pubblicato su CMAJ ha evidenziato l’entità dell’abuso di stimolanti nelle università e nelle università, evidenziando i numerosi effetti collaterali dannosi che può avere e quanto discutibili siano i benefici.

Studiando
Molti studenti universitari senza ADHD assumono farmaci per l’ADHD

Tuttavia, studi recenti hanno indicato che questi stimolanti non sono associati ad alcun beneficio nelle prestazioni mentali. Infatti, spesso inducono psicosi, danno cardiovascolare e persino dipendenza.

La dott.ssa Racine con Cynthia Forlini, due coautori del giornale, aggiunge: “Con benefici incerti e danni evidenti, è difficile sostenere l’idea che i medici dovrebbero prescrivere un farmaco a un individuo sano per scopi di miglioramento”,

Prescrivere persone che potenziano le capacità cognitive potrebbero non essere sempre nel migliore interesse del paziente o del sistema sanitario canadese finanziato pubblicamente. Può finire per diventare uno spreco di denaro e anche mettere il paziente a rischio di effetti collaterali.

I medici devono assicurarsi di destinare le risorse sanitarie in modo attento e responsabile. Può creare carenza di droga e può impedire a coloro che realmente hanno bisogno di prendere i farmaci per averli.

Gli autori hanno concluso:

“Dato lo stato attuale delle prove limitate sugli aspetti medici, scientifici, sociali ed etici del miglioramento cognitivo, chiediamo una maggiore attenzione alla sua adeguatezza all’interno dei sistemi sanitari canadesi esistenti”.
I farmaci ADHD comunemente prescritti includono:

  • Metilfenidato (Ritalin, Concerta, Metadate, Daytrana)
  • Dexmetilfenidato (Focalina)
  • Anfetamina-Dextroamphetamine (Adderall)
  • Dextroamphetamine (Dextrostat, Dexedrine)
  • Lisdexamfetamine (Vyvanse)

Scritto da Joseph Nordqvist

Like this post? Please share to your friends: