Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

I pomodori possono ripristinare il danno polmonare causato dal fumo

Dal taglio del rischio di cancro della pelle a metà al sostegno del sistema immunitario, una dieta ricca di pomodori e frutta conferisce molti benefici per la salute. Ora, i ricercatori hanno scoperto che questi alimenti possono ripristinare la funzione polmonare negli ex-fumatori e rallentare il declino della funzionalità polmonare in tutti gli adulti.

un mucchio di pomodori rossi

La Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health di Baltimora, MD, ha condotto lo studio. I risultati sono stati pubblicati nel.

Circa 36,5 milioni di adulti negli Stati Uniti fumano sigarette, secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), e la pratica causa oltre 480.000 morti all’anno.

Ogni anno, circa il 55,4 per cento di tutti i fumatori adulti tenta di smettere di fumare. La cessazione del fumo riduce drasticamente il rischio di malattie, comprese le malattie polmonari come la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e il cancro del polmone, nonché la morte prematura.

La salute polmonare dopo aver smesso di fumare è stata un argomento che ha suscitato interesse tra gli ex-fumatori e gli operatori sanitari.

I polmoni iniziano a guarire non appena si smette di fumare. Mentre la risposta è rapida, il miglioramento del polmone è incrementale e può richiedere molti anni. Inoltre, smettere di fumare da solo non cancella completamente il rischio di sviluppare una malattia polmonare correlata al fumo.

Un altro fattore da considerare è che i polmoni sono completamente maturi tra i 20-25 anni. Dopo 35 anni, la funzione polmonare inizia a diminuire e la respirazione diventa gradualmente più difficile.

In poche parole: il diaframma si indebolisce, il che diminuisce la capacità di inspirare ed espirare; i muscoli che mantengono le vie aeree aperte perdono elasticità; gli alveoli perdono la loro forma; e l’area del cervello che regola la respirazione invia segnali più deboli ai polmoni.

Una precedente ricerca pubblicata da ha dimostrato che una dieta ricca di frutta e verdura può ridurre il rischio di BPCO nei fumatori attuali ed ex. In effetti, ogni porzione extra giornaliera era collegata a un rischio inferiore del 4-8%.

Il nuovo studio fa un ulteriore passo in avanti per suggerire che il consumo di una dieta ricca di frutta e verdura – in particolare pomodori e mele – rallenti il ​​declino della funzione polmonare tra gli ex-fumatori per la durata di 10 anni.

Diminuzione polmonare più lenta tra tutti gli adulti

Rispetto agli adulti che hanno consumato meno di una porzione di frutta o un pomodoro al giorno, quelli che hanno mangiato più di tre porzioni di frutta o più di due pomodori hanno avuto un rallentamento della funzione polmonare.

Gli scienziati hanno posto domande su altre fonti dietetiche e trasformate di frutta e verdura, come la salsa di pomodoro, ma l’effetto protettivo era evidente solo tra coloro che mangiavano frutta e verdura fresca.

Questa scoperta suggerisce che ci possono essere particolari componenti in pomodori freschi e mele che aiutano a riparare il danno polmonare che risulta dal fumo.

Inoltre, un più lento deterioramento della funzione polmonare è stato osservato in tutti gli adulti nello studio che hanno mangiato una dieta ricca di pomodoro, compresi quelli che non avevano mai fumato.

“Questo studio,” afferma Vanessa Garcia-Larsen, autrice dello studio principale, che lavora come assistente professore al Dipartimento di salute internazionale della scuola Bloomberg, “dimostra che la dieta può aiutare a riparare i danni ai polmoni nelle persone che hanno smesso di fumare. una dieta ricca di frutta può rallentare il naturale processo di invecchiamento del polmone, anche se non hai mai fumato. “

“I risultati”, aggiunge, “supportano la necessità di raccomandazioni dietetiche, in particolare per le persone a rischio di sviluppare malattie respiratorie come la BPCO”.

La dieta potrebbe aiutare a combattere la BPCO

Garcia-Larsen e il suo team hanno valutato la dieta ed eseguito test di funzionalità polmonare, inclusa la spirometria, tra più di 650 adulti dalla Germania, dalla Norvegia e dal Regno Unito nel 2002 e ancora 10 anni dopo.

La connessione tra la dieta e la funzione polmonare era più pronunciata tra gli ex-fumatori. Quando fu misurato il volume d’aria che potevano inalare, gli ex fumatori che consumavano una dieta ricca di pomodoro e frutta avevano una decrescita di circa 80 millilitri più lentamente nella funzione polmonare in 10 anni. Questo indica che nutrienti specifici potrebbero svolgere un ruolo nella guarigione del danno causato dal fumo.

“Il nostro studio suggerisce che mangiare più frutta su base regolare può aiutare ad attenuare il declino quando le persone invecchiano e potrebbe persino aiutare a riparare i danni causati dal fumo.La dieta potrebbe diventare un modo per combattere l’aumento della diagnosi di BPCO in tutto il mondo.”

Vanessa Garcia-Larsen

Lo studio controllato per fattori come età, sesso, altezza, indice di massa corporea (BMI), apporto energetico totale e attività fisica per garantire che i risultati non erano distorti.

Like this post? Please share to your friends: