Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

I primi segni premonitori del cancro al seno

Alcuni cambiamenti nella mammella possono essere i primi segni di cancro al seno. Sapere come sono fatti questi cambiamenti può aiutare le persone ad accedere al trattamento giusto, il prima possibile.

Comprendere le diverse parti del seno e le loro funzioni può aiutare le persone a essere più consapevoli di eventuali cambiamenti o anomalie.

Questo articolo esplora l’anatomia del seno e spiega di più sui diversi tessuti, lobi, lobuli e condotti del latte che costituiscono il seno.

Evidenzia anche quali segnali di allarme cercare che possano indicare il cancro al seno e cosa dovrebbero fare le persone se le individuano.

Anatomia

Anatomia del seno. Immagine di Wikimedia

È importante conoscere le parti del seno per capire meglio come si forma il cancro e quali potrebbero essere i suoi segni.

Un seno femminile è composto da molte parti, tra cui:

  • grasso corporeo (tessuto adiposo)
  • lobi
  • lobuli
  • dotti lattiferi
  • linfonodi
  • vasi sanguigni

Il tessuto adiposo

La maggior parte del seno femminile è fatto di tessuto adiposo, più comunemente noto come grasso corporeo. Non solo nel seno stesso, il tessuto adiposo si estende dalla clavicola, fino alle ascelle e attraverso la cassa toracica.

Il tessuto adiposo contiene anche cellule nervose e vasi sanguigni. È importante per immagazzinare e rilasciare energia.

Lobi, lobuli e condotti del latte

Un seno femminile avrà generalmente tra 12 e 20 sezioni note come lobi. Ognuno di questi è composto da aree più piccole chiamate lobuli, che sono ghiandole del latte.

Lobi e lobuli sono collegati da condotti del latte, che trasportano il latte al capezzolo. È tra i lobi, i lobuli e i dotti del latte dove è più probabile che si formi il cancro.

Sistema linfatico e vascolare

C’è una rete linfatica e vascolare all’interno del seno. Il sistema vascolare è una rete di vasi sanguigni, mentre la rete dei canali linfatici è chiamata sistema linfatico. Questa rete aiuta a trasportare sangue e liquido da e verso il tessuto mammario al resto del corpo.

Il cancro al seno può entrare in questi sistemi attraverso i vasi sanguigni o i canali linfatici. Questo aumenta la possibilità che il cancro si diffonda in tutto il corpo o che ritorni.

Grappoli di cellule a forma di fagiolo chiamate linfonodi si trovano in tutto il sistema linfatico. Queste sono cellule immunitarie che fungono da filtri. Questi nodi sono il primo luogo in cui è probabile che si diffonda il cancro al seno.

Sintomi precoci e segnali di pericolo

 Image Credit: NCI NIH, novembre 2010. </ Br>“></p> <p align=Segnali e sintomi di avviso possono variare notevolmente da persona a persona, ma alcuni segni comuni:

  • grumi all’interno del seno o nell’area delle ascelle
  • cambiare in dimensioni e forma del seno
  • dolore in un’area specifica che non va via
  • vene prominenti sulla superficie del seno
  • scarico del capezzolo che inizia improvvisamente
  • dolore o eruzione sul capezzolo
  • gonfiore, arrossamento o oscuramento del seno
  • increspatura della pelle sul petto
  • tirando dentro il capezzolo o altre parti del seno

Tuttavia, se uno qualsiasi di questi sintomi si verifica, non significa necessariamente che il cancro è presente. I cambiamenti possono spesso essere il risultato di condizioni mammarie benigne.

Benigno significa che non si tratta di cancro e che i cambiamenti nel seno possono essere causati da una varietà di fattori nella vita di una donna.

Ad esempio, la pubertà, la gravidanza e la menopausa possono causare cambiamenti nel seno a causa dei vari livelli di ormoni estrogeni e progesterone nel corpo.

Altri segnali di allarme possono indicare altre condizioni benigne.

Secrezione dal capezzolo

Mentre la secrezione dei capezzoli può essere problematica e spiacevole, di nuovo, di solito non c’è nulla di cui preoccuparsi. Può essere semplicemente causato dai capezzoli schiacciati o può essere il risultato di un’infezione.

I segni più seri includono:

  • scarico che si verifica senza spremere il capezzolo
  • scarico in un seno e non nell’altro
  • scarico che ha sangue in esso

Chiunque si accorga della secrezione dei capezzoli dovrebbe consultare un medico.

grumi

illustrazione del seno gonfio e dolorante

Molte donne potrebbero scoprire che i loro seni sono nodosi. Questo è spesso perché il seno è costituito da tessuto, che è grumoso nella consistenza.

Il grumo può variare ampiamente nel seno delle donne. Di solito non c’è nulla di cui preoccuparsi, in particolare se si sente lo stesso su entrambi i seni.

Ci sono altre situazioni in cui è meglio ottenere il lump estratto: Questi includono:

  • un grumo più duro che si sente diverso dal resto del seno
  • un nodulo che si sente diverso dall’altro seno
  • qualcosa che si sente diverso da come ci si sente prima

Spesso questi possono essere condizioni benigne, come una cisti o fibroadenoma, che è un tumore composto da tessuto ghiandolare e connettivo. I fibroadenomi sono più comuni nelle donne tra i 20 e i 30 anni.

Cosa fare se si individuano i sintomi

L’American Cancer Society offre linee guida sullo screening del cancro negli adulti. La maggior parte dei tumori al seno negli Stati Uniti (Stati Uniti) si trova nelle fasi iniziali, prima che compaiano i sintomi, grazie in parte all’uso di mammografie. Una mammografia è una radiografia del seno che controlla il cancro.

Le linee guida sono le seguenti:

  • Le donne di età compresa tra i 40 ei 44 anni possono iniziare ad avere mammografie, se lo desiderano.
  • Le donne di età compresa tra 45 e 54 anni dovrebbero avere una mammografia ogni anno.
  • Le donne sopra i 55 anni dovrebbero avere una mammografia ogni due anni, ma possono averne una ogni anno, se lo desiderano.

Tuttavia, la mammografia non trova tutti i tumori al seno. Quindi le persone dovrebbero parlare con un medico per identificare il miglior processo di screening per loro.

Chiunque abbia qualche preoccupazione di avere un cancro al seno dovrebbe andare a consultare il proprio medico.

Cosa farà il dottore

Signora che controlla il seno

Le donne adulte di tutte le età sono incoraggiate a condurre gli auto-esami del seno. Questi dovrebbero essere fatti almeno una volta al mese per cercare qualcosa di insolito.

Se qualcuno ha qualche preoccupazione, dovrebbero andare dal loro medico che effettuerà un esame clinico del seno.

Esame clinico del seno

Un medico, che è addestrato su come identificare anomalie o segni premonitori di cancro al seno, condurrà l’esame nel loro ufficio. Alla persona che viene esaminata verrà chiesto di rimuovere gli indumenti dalla loro metà superiore. Il medico eseguirà un numero di controlli per vedere se ci sono problemi. Questi includono:

  • Controllo visivo: alla persona verrà chiesto di alzare le braccia, metterle per i fianchi e premere le mani contro i fianchi. Questo può mostrare differenze nelle dimensioni e nella forma del seno. Il medico cercherà anche eventuali eruzioni cutanee, increspature o secrezione del capezzolo.
  • Controllo manuale: il medico utilizzerà i cuscinetti delle dita per controllare l’intero seno, le ascelle e la clavicola per eventuali anomalie e grumi sospetti. Controlleranno anche i linfonodi se sono ingranditi.
  • Valutazione: se viene scoperto un nodulo, le sue dimensioni, la sua forma e la sua consistenza saranno annotate. Il medico controllerà se ha tratti di cancro o se è più probabile che sia un tumore benigno o una cisti. In entrambi i casi saranno necessari ulteriori test.

Altri test

Se viene scoperto un nodulo, la persona verrà sottoposta a ulteriori metodi diagnostici, che includono:

  • Mammografia: una radiografia del seno
  • Ultrasuoni: onde sonore che non danneggiano o influenzano il corpo.
  • Risonanza magnetica: all’interno di una macchina, un magnete trasmetterà energia magnetica e onde radio per creare un’immagine dettagliata del seno.
  • Biopsia: tessuto o liquido dall’area sospetta viene rimosso e inviato per ulteriori test.
Like this post? Please share to your friends: