Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

I probiotici possono aiutare a prevenire e curare il cancro del colon

Un nuovo studio esamina il potenziale dei probiotici nella prevenzione e nel trattamento del cancro del colon-retto associato alla malattia infiammatoria intestinale. Finora, i risultati – dopo i test sui topi – sono promettenti, ma sono necessarie ulteriori indagini.

polvere probiotica

Secondo l’American Cancer Society, il cancro del colon-retto è il terzo tipo di cancro più comunemente diagnosticato, escluso il cancro della pelle, tra gli adulti negli Stati Uniti. Stimano anche che il cancro del colon-retto possa causare circa 50.260 morti nel 2017.

Gli studi esistenti suggeriscono che alcuni dei fattori principali per l’aumento del rischio di tumore del colon-retto comprendono la diagnosi di malattia infiammatoria intestinale, fattori genetici, fumo, mancanza di attività fisica e un alto indice di massa corporea (BMI).

Secondo recenti indagini, il microbioma intestinale svolge un ruolo chiave nello sviluppo del cancro del colon-retto. Tuttavia, molti dei meccanismi in gioco rimangono ancora poco chiari. Alcune ricerche suggeriscono che l’uso dei probiotici per influenzare il microbioma può aiutare a prevenire la formazione di tumori.

Un nuovo studio condotto dal Dr. James Versalovic, professore di patologia e immunologia presso il Baylor College of Medicine di Houston, in Texas, ora esamina se alcuni probiotici possono essere usati per prevenire o curare il cancro del colon-retto.

Il dott. Versalovic e i suoi colleghi si sono concentrati sul ruolo di, che è un probiotico naturalmente presente nelle viscere dei mammiferi. Questo batterio ha dimostrato di ridurre l’infiammazione a livello intestinale, quindi il team era interessato a testarne l’effetto sui tumori del colon-retto.

I risultati dei ricercatori sono pubblicati in.

Il probiotico riduce al minimo la formazione del tumore

Nei topi adulti, è stato notato che la mancanza di un enzima chiamato istidina decarbossilasi (HDC) ha reso gli animali significativamente più suscettibili allo sviluppo di tumore del colon-retto associato a infiammazione degli intestini.

L’HDC è prodotto e aiuta a convertire la L-istidina, che è un aminoacido con un ruolo nella sintesi proteica, all’istamina, che è un composto organico coinvolto nella regolazione della risposta immunitaria.

Il dott. Versalovic e il team hanno testato il ruolo della regolazione delle risposte immunitarie al fine di osservarne il potenziale nell’inibire la formazione del tumore del colon-retto.

Hanno usato topi carenti di HDC, ai quali hanno somministrato. Hanno anche somministrato un composto placebo a topi nel gruppo di controllo, al fine di confrontare gli effetti.

è stato somministrato ai topi una volta in precedenza, e ancora una volta dopo, l’induzione della formazione del tumore attraverso la somministrazione di azoxymethane, una sostanza chimica cancerogena e DSS, una sostanza che stimola l’infiammazione.

Quindici settimane dopo questa procedura, sono stati studiati i tratti gastrointestinali dei topi, per controllare la progressione del tumore e l’effetto del probiotico.

I ricercatori hanno scoperto che stimolava la produzione di HDC e aumentava i livelli di istamina nel colon.

La tomografia ad emissione di positroni è stata utilizzata per la ricerca di tumori, e i ricercatori hanno notato che i topi che avevano ingerito il probiotico mostravano meno tumori e di dimensioni più piccole. Al contrario, gli animali del gruppo di controllo hanno avuto tumori più grandi e più grandi.

I ceppi inattivi, che erano carenti di HDC, non presentavano alcun effetto protettivo.

I ricercatori hanno anche notato che il probiotico (il suo ceppo attivo) era efficace nel ridurre l’infiammazione stimolata dalle sostanze chimiche – cioè DSS e azoxymetano – che era stata somministrata ai topi.

“Sfruttare il microbioma per il trattamento”

“I nostri risultati suggeriscono un ruolo significativo per l’istamina nella soppressione dell’infiammazione cronica intestinale e della tumorigenesi del colon-retto [formazione del tumore]”, afferma Dr Versalovic. “Abbiamo anche dimostrato che le cellule, sia microbiche che di mammifero, possono condividere metaboliti o composti chimici che insieme promuovono la salute umana e prevengono le malattie”.

Gli scienziati non sono ancora sicuri di quale sia la funzione dell’istamina nei confronti del cancro negli esseri umani. Tuttavia, i dati raccolti da 2.113 persone con diagnosi di tumore del colon-retto, provenienti da 15 set di dati distinti, hanno suggerito che le persone con livelli più elevati di HDC sono migliori e hanno un tasso di sopravvivenza più alto.

Tenendo conto di ciò, il team spera che i probiotici che aiutano a convertire la L-istidina in istamina possano essere infine utilizzati per aiutare il trattamento del cancro del colon-retto.

“Siamo all’avanguardia di sfruttare i progressi della scienza dei microbiomi per facilitare la diagnosi e il trattamento delle malattie umane, introducendo semplicemente microbi che forniscono sostanze di vita mancanti, possiamo ridurre il rischio di cancro e integrare strategie di prevenzione del cancro basate sulla dieta”.

Dr. James Versalovic

Like this post? Please share to your friends: