Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

I probiotici possono essere dannosi per i pazienti con pancreatite acuta

Pazienti ricoverati con pancreatite acuta avanzata, i probiotici sono associatedwith aumento della mortalità e in realtà non riducono il rischio di infezione ofadditional, secondo un articolo pubblicato nel febbraio 14,2008 The Lancet.

Le complicanze infettive e l’aumento del rischio di mortalità associato sono le preoccupazioni principali quando si prendono cura di pazienti con pancreatite acuta, una rapida infiammazione del pancreas. Circa un quinto di tutti i pazienti con questa malattia ha una pancreatite necrotizzante, che ha una mortalità del 10-30%, solitamente attribuita a queste complicanze infettive. Le complicazioni sono postulate per essere innescate dalla proliferazione dei batteri dell’intestino tenue. In precedenza, è stato suggerito che l’uso profilattico dei probiotici, talvolta chiamati batteri “buoni”, potrebbe minimizzare le complicanze infettive mantenendo sotto controllo la crescita dei piccoli batteri dell’arco. Teoricamente, ciò aiuterebbe la funzione di barriera restoregastrointestinale e regolerebbe la risposta immunitaria.

Questa teoria, il professor Hein Gooszen, University Medical Center di Utrecht, Paesi Bassi, e colleghi hanno eseguito uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo. 296 pazienti con pancreatite acuta predetta sono stati testati: 152 con probiotici e 144 con un placebo. In ciascun gruppo, i pazienti hanno mostrato caratteristiche cliniche e gravità della malattia simili. Un’assegnazione casuale wasmade entro 72 ore dall’insorgenza dei sintomi di ricevere un probioticpreparation o un placebo, ogni somministrato per via enterale, attraverso thedigestive tratto, due volte al giorno per 28 giorni. Per la durata della loro somministrazione e per un follow up di 90 giorni, i pazienti sono stati tutti monitorati per eventuali complicazioni infettive, ad esempio: necrosi pancreatica infetta; batteriemia, presenza di batteri nel sangue, polmonite; urosepsis, un tipo serio di infezione del tratto urinario; ascite oinfetti, fluido nella cavità peritoneale dell’addome.

I pazienti con complicanze infettive erano simili in entrambi i gruppi. 46 pazienti (30 percento) nel gruppo trattato con probiotici e 41 (28 percento) nel gruppo placebo. Tuttavia, molti altri pazienti sono deceduti nel gruppo dei probiotici, 24 (16%) rispetto a nove (6%) rispettivamente. Nel gruppo dei probiotici, nove pazienti hanno sviluppato ischemia del gomito, in cui l’infiammazione si verifica a causa di un’inadeguata fornitura di sangue, e otto di questi hanno avuto esito fatale. Incomparison, nessun paziente nel gruppo placebo ha sperimentato questa complicanza.

In conclusione, gli autori sconsigliano la somministrazione di probiotici nei pazienti a rischio di acutepancreatite grave: “I nostri risultati mostrano che i probiotici non dovrebbero essere somministrati di routine regolarmente nei pazienti con grave acutepancreatite, e che la composizione speciale qui utilizzata dovrebbe essere vietata per l’indicazione attuale. di ceppi potrebbero aver dato luogo a risultati diversi, ma, fino a quando non viene rivelato il meccanismo di inondazione, la somministrazione di probiotici in pazienti con pancreatite acuta severa deve essere considerata pericolosa. ”

Sottolineano che questo non è un metodo di trattamento sicuro. “Ancora più importante, i probiotici non possono più essere considerati innocui aggiunte nutrizione toenteral, specialmente nei pazienti o pazienti critici atrisk per i non-occlusiva mesenterica ischemia”.

Profilassi probiotica nella pancreatite acuta grave prevista: uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo
MarcG H Besselink, Hjalmar C van Santvoort, Erik Buskens, Marja ABoermeester, Harry van Goor, Harro M Timmerman, Vincent B Nieuwenhuijs, Thomas L Bollen, Bert van Ramshorst, Ben JM Witteman, Camiel Rosman, Rutger J Ploeg, Menno A Brink, Alexander FM Schaapherder, Cornelis H CDejong, Peter J Wahab, Cees van JHM Laarhoven, Erwin van der Harst, Casper HJ van Eijck, Miguel a Cuesta, Louis MA Akkermans, Hein GGooszen, per il gruppo di studio acuta la pancreatite olandese
The Lancet, febbraio 14.2008
DOI: 10.1016 / S0140-6736 (08) 60207-X
ClickHere per astratto

Scritto da Anna Sophia McKenney

Like this post? Please share to your friends: