Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

I ricercatori collegano la carenza di vitamina D al disturbo affettivo stagionale

La carenza di vitamina D è stata collegata ad un aumentato rischio di asma, cancro e dolore cronico, tra le altre condizioni. Ora, un nuovo studio condotto da ricercatori dell’Università della Georgia associa bassi livelli di vitamina D con maggiore rischio di disturbi affettivi stagionali.

Una donna triste che guarda fuori dalla finestra

Il gruppo di ricerca – guidato da Alan Stewart del College of Education presso l’Università della Georgia – pubblica i loro risultati sulla rivista.

Disturbo affettivo stagionale (SAD) – una forma di depressione che di solito inizia in autunno, continuando per tutto l’inverno – colpisce fino al 10% della popolazione statunitense. I sintomi includono sentirsi tristi o ansiosi, affaticamento, problemi di concentrazione, irritabilità e sensi di colpa e disperazione.

Sebbene la causa esatta del SAD non sia chiara, numerosi studi hanno suggerito che la condizione potrebbe essere scatenata dalla mancanza di luce solare. Il SAD è più comune tra le persone che vivono ad alte latitudini o aree con molte nuvole.

Un’ipotesi dietro il SAD è che la ridotta esposizione alla luce solare interferisce con l’orologio biologico del corpo che regola l’umore, il sonno e gli ormoni. Un’altra teoria è che la mancanza di luce solare provoca uno squilibrio dei neurotrasmettitori – come la dopamina e la serotonina – che regolano l’umore.

Un legame tra carenza di vitamina D e depressione è “logico”

In questo ultimo studio, Stewart e colleghi presentano l’idea che la carenza di vitamina D possa essere alla base di tutte le suddette teorie relative al SAD.

Fatti veloci su SAD

  • L’insorgenza di SAD è più comune all’inizio dell’età adulta
  • Circa il 75% delle persone con SAD sono donne
  • I trattamenti per SAD includono antidepressivi, terapia della luce o una combinazione di entrambi.

Ulteriori informazioni su SAD

“Noi ipotizziamo che anziché funzionare principalmente come un sottomodulo prossimale o diretto nell’eziologia del SAD, la vitamina D funzioni probabilmente in un ruolo più fondativo e regolativo nel potenziare i sottomeccanismi associati ai fattori depressivi e stagionali”, affermano ricercatori.

In primo luogo, i ricercatori osservano che i livelli di vitamina D nel corpo fluttuano con le stagioni mutevoli in risposta alla luce solare disponibile.

“Ad esempio,” afferma Stewart, “gli studi dimostrano che vi è un ritardo di circa 8 settimane tra il picco di intensità della radiazione ultravioletta (UV) e l’insorgenza del SAD, e questo è in correlazione con il tempo necessario per l’elaborazione della radiazione UV dal corpo in vitamina D. “

Il coautore Michael Kimlin, della Queensland University of Technology in Australia, afferma che la vitamina D svolge anche un ruolo nella sintesi sia della dopamina che della serotonina, osservando che la ricerca passata ha associato bassi livelli di questi neurotrasmettitori alla depressione.

“Pertanto”, aggiunge, “è logico che ci possa essere una relazione tra bassi livelli di vitamina D e sintomi depressivi, e gli studi hanno anche rilevato che i pazienti depressi hanno comunemente livelli più bassi di vitamina D.”

I ricercatori ritengono inoltre che vi sia un legame tra la pigmentazione della pelle e i livelli di vitamina D, che possono influenzare il rischio di un individuo affetto da SAD. Spiegano che gli studi hanno dimostrato che le persone con pigmentazione della pelle più scura sono a maggior rischio di carenza di vitamina D e se tali individui si trasferiscono in regioni ad alta latitudine, potrebbero avere una maggiore probabilità di sviluppare SAD.

Commentando le loro teorie, Kimlin dice:

“Quello che sappiamo ora è che ci sono forti indicazioni che il mantenimento di adeguati livelli di vitamina D sono importanti anche per una buona salute mentale: pochi minuti di esposizione alla luce del sole ogni giorno dovrebbero essere sufficienti per la maggior parte delle persone a mantenere uno stato adeguato di vitamina D”.

Vitamina D e schizofrenia

Questo non è il primo studio ad associare la carenza di vitamina D alle condizioni di salute mentale. A luglio, uno studio che suggeriva bassi livelli di vitamina D può aumentare il rischio di schizofrenia.

Ahmad Esmaillzadeh, PhD, dell’Isfahan University of Medical Sciences in Iran, e colleghi hanno trovato che i partecipanti allo studio con deficit di vitamina D erano 2,16 volte più probabilità di avere la schizofrenia rispetto ai partecipanti con normali livelli di vitamina D.

“I nostri risultati supportano la teoria che la vitamina D possa avere un impatto significativo sulla salute psichiatrica”, ha detto Esmaillzadeh. “Sono necessarie ulteriori ricerche per determinare in che modo il crescente problema della carenza di vitamina D possa influire sulla nostra salute generale”.

Like this post? Please share to your friends: