Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

I rischi di uso di aspirina a lungo termine sono “superati dai benefici del cancro”

La ricerca passata ha collegato l’uso di aspirina a lungo termine a effetti collaterali negativi, come il sanguinamento interno. Ma secondo un nuovo studio, i benefici della terapia aspirina da lungo tempo superano tali rischi; può ridurre significativamente il rischio di tumori importanti del tratto digestivo, inclusi tumori dello stomaco, dell’intestino e dell’esofago.

aspirina

Il gruppo di ricerca, guidato dal professor Jack Cuzick, capo del Center for Cancer Prevention presso la Queen Mary University di Londra nel Regno Unito, ha recentemente pubblicato le loro scoperte sulla rivista.

L’aspirina, nota anche come acido acetilsalicilico (ASA), è un farmaco salicilato comunemente usato per ridurre i dolori minori, l’infiammazione e la febbre. In basse dosi a lungo termine, il farmaco viene anche usato come antipiastrinico per i pazienti ad alto rischio di infarto e ictus.

C’è stato un ampio dibattito sui benefici della terapia aspirina a lungo termine. Precedenti studi hanno suggerito che può ridurre il rischio di cancro ovarico e migliorare la sopravvivenza del cancro del colon, mentre altri sostengono che può causare danni, con uno studio che suggerisce che aumenta il rischio di degenerazione maculare legata all’età.

In questa ultima ricerca, il Prof. Cuzick e il suo team hanno deciso di determinare se i benefici per la salute derivanti dall’uso continuato di aspirina superano i rischi.

Prendendo l’aspirina quotidiana ‘importante per ridurre il rischio di cancro’

Per raggiungere i loro risultati, il team ha condotto un’analisi di tutte le prove disponibili da una serie di studi che hanno esaminato gli effetti benefici e dannosi dell’uso di aspirina.

I ricercatori hanno stimato che se gli individui di età compresa tra 50 e 65 assumevano una dose giornaliera di aspirina da 75-100 mg per 5-10 anni, il numero di casi di cancro intestinale potrebbe essere ridotto del 35% e quello del 40%, mentre quello dello stomaco e quello esofageo i tumori potrebbero essere ridotti del 30% e i decessi del 35-50%.

Complessivamente, stimano che l’uso quotidiano di aspirina per 5-10 anni potrebbe fornire una riduzione del 9% del numero di tumori, ictus e infarti negli uomini e una riduzione del 7% nelle donne. In un periodo di 20 anni, stimano che il numero di decessi per tutte le cause potrebbe essere ridotto del 4%. Nessun beneficio è stato trovato fino a quando le persone hanno usato l’aspirina per un minimo di 3 anni.

Ma i ricercatori sottolineano che l’uso continuato di aspirina aumenta il rischio di sanguinamento nel tratto digestivo. Hanno scoperto che gli individui di 60 anni che assumevano l’aspirina ogni giorno per 10 anni aumentavano il rischio di sanguinamento gastrointestinale dell’1,4%, dal 2,2% al 3,6%. Tuttavia, notano che questo è probabile che sia potenzialmente letale in circa il 5% delle persone.

“Il rischio di sanguinamento dipende da una serie di fattori noti di cui le persone devono essere consapevoli prima di iniziare l’aspirina regolare, e sarebbe consigliabile consultare un medico prima di iniziare la terapia quotidiana”, osserva il prof. Cuzick.

Inoltre, hanno scoperto che l’uso continuato di aspirina aumentava il rischio di ulcera peptica del 30-60%.

Ma nonostante questi effetti collaterali, il prof. Cuzick ritiene che la terapia a lungo termine con aspirina possa essere vitale per la prevenzione del cancro:

“Da tempo si sa che l’aspirina – uno dei farmaci più economici e comuni sul mercato – può proteggere da certi tipi di cancro, ma fino a quando il nostro studio, dove abbiamo analizzato tutte le prove disponibili, non è chiaro se i professionisti di prendere l’aspirina superava gli svantaggi.

Mentre ci sono alcuni gravi effetti collaterali che non possono essere ignorati, l’assunzione giornaliera di aspirina sembra essere la cosa più importante che possiamo fare per ridurre il cancro dopo aver smesso di fumare e ridurre l’obesità, e sarà probabilmente molto più facile da implementare. “

Il team osserva che è necessaria un’ulteriore ricerca per individuare meglio coloro che hanno maggiori probabilità di trarre beneficio dall’uso di aspirina a lungo termine e che è a più alto rischio di sanguinamento gastrointestinale.

All’inizio di quest’anno, ha riferito su un aggiornamento dei consumatori dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti, affermando che mentre l’uso quotidiano di aspirina a basse dosi può prevenire l’infarto o ictus per coloro che ne hanno già avuto uno, non ci sono prove sufficienti per supportare il suo utilizzare per la prevenzione del primo attacco di cuore o ictus.

Like this post? Please share to your friends: