Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

I secondi sintomi della commozione cerebrale durano più a lungo

I bambini che soffrono di una seconda o terza commozione cerebrale impiegano molto più tempo a riprendersi, secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista medica Pediatrics.

Lo studio, dal titolo “Intervallo di tempo tra commozione cerebrale e durata dei sintomi”, ha incluso un totale di 280 persone (di età compresa tra gli 11 e i 22 anni) che hanno ricevuto un trattamento di pronto soccorso per trauma cranico.

Una commozione cerebrale è una lesione traumatica al cervello causata da un colpo o da uno scuotimento violento.

Normalmente ci vogliono solo un paio di settimane per i sintomi della commozione cerebrale, che includono:

  • Amnesia.
  • Depressione
  • Sonno disturbato
  • Iperacusia: sensibilità ai suoni.
  • Irritabilità.
  • Mancanza di concentrazione, concentrazione.
  • Malumore.
  • Fotofobia – sensibilità alla luce.

Tuttavia, questo recente studio ha rilevato che le persone che hanno sofferto di una seconda commozione cerebrale hanno impiegato più di un mese per riprendersi.

L’effetto della concussione precedente dipendeva da quanto fosse vicino nel tempo al secondo. I bambini che hanno sofferto di una seconda concussione in un anno di sofferenza hanno sperimentato i sintomi per tre volte di più rispetto a quelli le cui commozioni cerebrali erano a più di un anno di distanza.

I ricercatori hanno identificato una correlazione tra il numero di commozioni cerebrali sofferte e la durata dei sintomi – i pazienti con più di una commozione cerebrale prima di essere inviati al pronto soccorso hanno impiegato molto più tempo per riprendersi dai sintomi rispetto a quelli senza alcuna precedente storia di commozione cerebrale.

Il dott. Paul Comper, un ricercatore a concussione dell’Università di Toronto, ha dichiarato a Reuters Health:

“Dobbiamo essere cauti in termini di dopo due settimane, se hai ancora atleti sintomatici, che non stai cercando di affrettarli indietro.

L’informazione più importante che emerge da questo studio è, se hai avuto commozioni cerebrali precedenti, la cosa da 10 a 14 giorni (recupero) può essere completamente fuori dalla finestra. “
Altri fattori che hanno comportato un tempo di recupero più lungo, inclusi:

  • Essere di età superiore ai 13 anni
  • Avere sintomi molto gravi alla visita ER
  • Sperimentare nessuna perdita di coscienza

La ricerca presentata al meeting annuale della American Orthopedic Society for Sports Medicine del 2008 ha rilevato che una storia di precedenti commozioni cerebrali spiega differenze significative nei risultati dei test dopo l’infortunio.

Illustrazione di come si verifica una commozione cerebraleAnatomia cerebrale

Chi è a rischio?

Gli autori hanno concluso che i loro risultati hanno il potenziale per aiutare a gestire e trattare le persone che soffrono di commozioni cerebrali, in particolare quelli che sono a più alto rischio.

Secondo uno studio su Brain Injury, gli adolescenti sono particolarmente a rischio di commozione sportiva, rispetto agli adulti o ai bambini più piccoli.

L’American Academy of Neurology ha pubblicato la “Linea guida per il trauma sportiva aggiornata”, in cui si affermava che gli atleti dovevano essere rimossi dal gioco non appena si sospetta una commozione cerebrale.

Inoltre, il British Journal of Sports Medicine ha pubblicato delle linee guida che affermano che i bambini e gli adolescenti dovrebbero essere strettamente monitorati e che le attività sono limitate fino alla completa guarigione a seguito di una commozione cerebrale.

Scritto da Joseph Nordqvist

Like this post? Please share to your friends: