Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

I segni di cancro al polmone sono presenti anche nei fumatori “sani”

I fumatori che hanno ricevuto un certificato di buona salute dai loro medici dopo i normali risultati degli esami potrebbero ancora avere i primi segni di cancro ai polmoni, secondo uno studio pubblicato sulla rivista

I ricercatori del Weill Cornell Medical College di New York hanno confrontato un gruppo di 21 fumatori sani con 31 fumatori che non presentavano alcuna forma rilevabile di malattia polmonare dopo i raggi X e gli esami standard del torace.

I ricercatori hanno inviato un broncoscopio e una spazzola sottile nei polmoni di entrambi i gruppi per raccogliere cellule dai rivestimenti delle vie aeree. Le cellule esaminate formano una parte dell’epitelio delle vie aeree, che viene a contatto con il fumo di sigaretta ed è il luogo in cui inizia il cancro del polmone, dicono i ricercatori.

I risultati hanno rivelato che nel rivestimento delle vie aeree nei polmoni dei fumatori sono stati attivati ​​geni di cellule staminali embrionali umane, che vengono attivati ​​nei più polmoni e difficili da trattare, secondo i ricercatori.

Il dott. Robert Crystal, presidente e professore di medicina genetica presso il Weill Cornell Medical College, ha dichiarato:

“Le cellule che rivestono le vie respiratorie nei fumatori sono in uno stato più primitivo e hanno alcune delle caratteristiche che si vedono nei tumori polmonari.

Quindi, fondamentalmente, il ragazzo che fuma fuori dall’edificio e pensa che sia normale è già sulla strada per sviluppare il cancro ai polmoni. “

I ricercatori dicono che le cellule primitive che hanno trovato non appaiono normalmente nel polmone sano. Spiegano che le cellule polmonari sane hanno incarichi molto specifici. Le cellule polmonari sane esprimono solo i geni correlati alla funzione polmonare, proprio come le cellule cerebrali, ad esempio, esprimono solo geni specifici del cervello.

Gli scienziati spiegano che la perdita di controllo osservata nelle cellule tumorali significa che possono “moltiplicarsi senza ritegno”, consentendo loro di migrare verso altri organi. Lo studio ha rivelato che le cellule dei fumatori nelle fodere delle vie aeree avevano già iniziato a perdere questo controllo.

Il Dr. Crystal dice che, sebbene i ricercatori non possano dire esattamente quante sigarette causeranno il danno precoce delle cellule nei polmoni e in quale periodo, non sono solo i fumatori a rischio. Dr. Crystal dice:

“Quello che sappiamo è che nei fumatori occasionali e nei fumatori passivi, hanno già dei cambiamenti biologici nelle loro vie respiratorie e, con qualsiasi fumo a cui sei esposto, le tue cellule delle vie aeree vengono programmate in modo anomalo”.

L’US National Cancer Institute dice che smettere di fumare è sempre utile e che il cancro ai polmoni non è inevitabile. L’istituto afferma, ad esempio: “Gli studi hanno dimostrato che i fumatori che smettono di fumare a circa 30 anni riducono la possibilità di morire prematuramente di malattie correlate al fumo di oltre il 90%”.

I ricercatori aggiungono che sebbene molti fumatori si sottopongano a controlli di routine, esami fisici, radiografie e test di funzionalità polmonare, questi non sono abbastanza sensibili da raccogliere i primi cambiamenti cellulari nei polmoni, che è fuorviante per il paziente.

Il Dr. Crystal vorrebbe che la ricerca nel suo campo contribuisca allo sviluppo di trattamenti mirati ai primi cambiamenti causati dal fumo. Lui dice:

“Se siamo in grado di indirizzare i cambiamenti delle cellule e inventare farmaci che possono invertire questo, questo è un processo importante: se potessimo avere farmaci che aiutano a proteggere il polmone, risolveremmo molti problemi.

“Sappiamo che il fumo è cattivo, sappiamo che il 20% dei fumatori sviluppa enfisema o cancro del polmone, ma sappiamo anche che ci sono molti fumatori che non hanno questa malattia e se possiamo capire la biologia di la differenza tra coloro che sviluppano la malattia polmonare e quelli che non lo fanno, ci darebbe anche degli obiettivi per sviluppare nuove terapie “.

Like this post? Please share to your friends: