Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

I sintomi mutanti dell’HIV

L’HIV è un virus che attacca le cellule CD4 del corpo, un tipo di globuli bianchi che aiuta a proteggere l’organismo dalle infezioni. L’HIV, quindi, indebolisce le difese dell’organismo contro le infezioni e le malattie.

Il virus, che viene trasmesso da una persona all’altra attraverso determinati fluidi corporei, è una condizione che dura tutta la vita e che normalmente progredisce nel tempo. Alcuni trattamenti aiutano a rallentare o fermare la progressione dell’HIV.

Se non trattata, l’HIV continua a danneggiare le cellule del sistema immunitario e aumenta la probabilità di sviluppare l’AIDS (sindrome da immunodeficienza acquisita).

L’HIV non trattato aumenta anche il rischio di sviluppare determinati tipi di infezioni note come infezioni opportunistiche. Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), le infezioni opportunistiche sono “infezioni che si verificano più frequentemente e più severamente in quelli con un sistema immunitario indebolito, comprese le persone con HIV”.

fasi

Ci sono tre fasi per l’infezione da HIV.

Fase 1: infezione da HIV acuta

Donna a letto con l'influenza

Quelli nella fase 1 dell’HIV hanno una grande quantità di virus nella loro circolazione sanguigna. Durante questa fase, c’è un alto rischio di trasmettere il virus agli altri.

Entro 2 o 4 settimane dall’infezione da HIV, i sintomi simil-influenzali si sviluppano in molte persone, ma non in tutti. Questi sintomi rappresentano la risposta naturale del corpo a un’infezione mentre tenta di uccidere il virus. Tuttavia, il corpo umano non è in grado di rimuovere completamente l’HIV una volta che è stato contratto.

Il virus si replica utilizzando le cellule CD4 del corpo e si diffonde in tutto il corpo. Nel processo, distrugge le cellule CD4.

Alla fine, questo processo si stabilizza. Il sistema immunitario riduce il livello delle cellule virali mentre aumenta il conteggio delle cellule CD4. Tuttavia, le celle CD4 potrebbero non tornare al loro livello originale.

Sintomi nella fase acuta

  • dolori e dolori muscolari e articolari
  • stanchezza
  • temperatura elevata
  • ulcere in bocca
  • sudorazioni notturne
  • eruzione cutanea
  • gola infiammata
  • ghiandole gonfie

Fase 2: latenza clinica

Durante la seconda fase, il virus è attivo ma si riproduce a livelli molto bassi. Le persone in questa fase dell’HIV generalmente non manifestano alcun sintomo, o molto lieve. Questo è il motivo per cui lo stadio 2 è anche conosciuto come “palcoscenico asintomatico”.

Per le persone che non assumono alcun farmaco, la fase clinica di latenza dura circa 10 anni. Coloro che si trovano in un programma di trattamento possono rimanere in questa fase per molti decenni, poiché il trattamento farmacologico riduce l’attività virale.

L’HIV può essere trasmesso ad altri durante lo stadio clinico di latenza, anche se quelli sottoposti a trattamento hanno meno probabilità di trasmetterlo. Tuttavia, la trasmissione è ancora possibile in tutte le fasi, pertanto è necessario prendere sempre le dovute precauzioni.

Fase 3: AIDS

L’AIDS è l’ultima fase dell’infezione da HIV. Coloro che non assumono farmaci per l’HIV probabilmente progrediranno fino a questo punto una volta aumentata la carica virale e il loro conteggio delle cellule CD4 diminuirà. Le persone che si sottopongono a terapia farmacologica per l’HIV potrebbero non progredire mai verso l’AIDS.

Una diagnosi di AIDS viene fatta quando il numero di cellule CD4 di una persona con HIV scende a meno di 200 cellule per millimetro cubo (cellule / mm3) di sangue. Gli individui sani hanno un conteggio di CD4 compreso tra 500 e 1600 cellule / mm3.

In alternativa, lo sviluppo di una o più infezioni opportunistiche può anche indicare che il virus è progredito verso l’AIDS.

Sintomi nella fase di AIDS

I sintomi in questa fase variano notevolmente in quanto sono in genere sintomi associati a varie infezioni opportunistiche. Alcuni dei sintomi più comuni includono:

  • macchie sotto la pelle o nella bocca e nel naso
  • visione offuscata
  • la diarrea dura più di 1 settimana
  • ghiandole linfatiche gonfie
  • stanchezza costante
  • febbre che continua a tornare
  • perdita di memoria
  • depressione
  • polmonite
  • perdita di peso
  • bocca, ano o piaghe genitali

Prevenire la progressione

Il modo più efficace per rallentare o arrestare la progressione dell’HIV è attraverso la diagnosi precoce e un’adeguata terapia farmacologica.

Una profilassi post-esposizione o un farmaco PEP

Prima viene diagnosticata l’infezione da HIV e viene avviato un programma di trattamento farmacologico, maggiore è la possibilità che godano di una vita quasi normale. La diagnosi precoce riduce anche il rischio di trasmissione del virus ad altri.

medicazione

I due tipi di farmaci utilizzati per inibire la progressione del virus sono:

Terapia antiretrovirale (ART)

Il farmaco usato per trattare l’HIV è noto come terapia antiretrovirale. Questo trattamento è benefico per le persone in tutte le fasi del virus. L’ARTE sopprime l’attività virale, aumentando la durata della vita delle persone con HIV.

I medici possono adattare la combinazione di farmaci usati per ciascun paziente. Il programma prescritto di farmaci deve essere rigorosamente rispettato al fine di garantirne l’efficacia e impedire al virus di diventare resistente ai farmaci.

Profilassi post-esposizione (PEP)

Questo è un trattamento di emergenza che può essere dato a qualcuno che crede di essere stato esposto all’HIV nelle ultime 72 ore. Ha lo scopo di impedire all’HIV di diventare una condizione permanente.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che, se presa correttamente, il ciclo di PEP a 28 giorni riduce il rischio di infezione da HIV di oltre l’80%.

Scelte di stile di vita

Alcuni fattori dello stile di vita svolgono un ruolo nella progressione dell’HIV, in particolare quelli che potenziano il sistema immunitario e aiutano il corpo a combattere le infezioni. Loro includono:

  • Ridurre lo stress: lo stress indebolisce il sistema immunitario e aumenta il rischio di sviluppare altre malattie e infezioni opportunistiche.
  • Evitare le infezioni: le persone con HIV dovrebbero adottare misure per proteggersi da infezioni e malattie e ottenere vaccinazioni regolari, se consigliato da un medico.
  • Usando i preservativi durante il rapporto sessuale: i preservativi riducono il rischio di trasmettere l’HIV ad altri.Proteggono anche quelli con HIV contro altre infezioni trasmesse sessualmente che indeboliranno ulteriormente l’immunità.
  • Smettere di fumare: i fumatori con HIV hanno maggiori probabilità di contrarre infezioni come la candidosi e la polmonite, o altre malattie come alcuni tumori, malattie cardiache e broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO).
  • Esercizio fisico regolare: un piano di esercizi regolari porta molti benefici a quelli con HIV, incluso un ridotto rischio di malattie cardiache, aumento di energia, miglioramento della circolazione e della capacità polmonare, un sonno migliore e meno stress.
  • Mangiare una dieta salutare: il mantenimento di una dieta equilibrata con assunzione di alcool bassa o assente aiuterà a rafforzare il sistema immunitario ea scongiurare le infezioni.

Altri fattori che influenzano la progressione

sigaretta in un posacenere

Sebbene molti dei fattori che influenzano la progressione della malattia possano essere controllati dalle persone con HIV, anche altri fattori hanno un’influenza. Questi includono:

  • età
  • salute generale prima dell’infezione
  • genetica
  • Sottotipo di HIV
  • la presenza di altre infezioni

Outlook senza trattamento

Le persone che sono sieropositive e non cercano un trattamento progrediranno generalmente nella fase di AIDS entro 2 o 15 anni dopo l’infezione.

Dopo una diagnosi di AIDS, le persone che non hanno una terapia in genere sopravvivono per 3 anni. Se una persona che non riceve cure per l’AIDS sviluppa anche una malattia opportunistica, la loro aspettativa di vita scende a 12 mesi.

Tuttavia, se si cerca un trattamento prima che il virus progredisca e il regime terapeutico venga rispettato, le persone con HIV possono generalmente aspettarsi di vivere fino a quando non hanno l’HIV.

Secondo la ricerca del 2013, una persona di 20 anni che ha l’HIV e che sta ricevendo l’arte negli Stati Uniti o in Canada può aspettarsi di vivere nei primi anni ’70. Questa aspettativa di vita non è lontana da quella della popolazione generale.

Like this post? Please share to your friends: