Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

I sonnambuli a volte ricordano cosa hanno fatto e perché

Tre miti riguardanti il ​​sonnambulismo – che i sonnambuli non ricordano l’evento, il loro comportamento non ha alcuna motivazione, e il sonnambulismo non ha alcun impatto durante il giorno – sono ora contestati in un nuovo studio condotto da un team dell’Università di Montreal.

Attraverso un’analisi della letteratura di dati provenienti da oltre 15 anni di studi sul sonno, Antonio Zadra e i suoi colleghi hanno scoperto nuove scoperte sul sonnambulismo e hanno fatto chiari criteri diagnostici per medici e ricercatori.

I loro risultati sono stati pubblicati su Lancet Neurology e riguardano la possibilità che le persone sonnambuliche siano mezzo sveglie e mezzo addormentate, così come diversi miti legati al sonnambulismo (sonnambulismo).

Sleepwalking – meno comune con l’età

Il sonnambulismo è genetico. Quasi l’80% dei sonnambuli ha una storia familiare della condizione. Un gemello identico ha cinque volte più probabilità di sonnambula se lo fa anche l’altro gemello.

Lo studio attuale rivela che lo stress e la stanchezza possono anche causare sonnambulismo. Nelle persone predisposte, qualsiasi situazione che interrompa il sonno può provocare sonnambulismo.

Generalmente, il sonnambulismo è innocuo. Anche se il profondo sonno ad onde lente dei sonnambuli è rotto, la maggior parte degli eventi sono brevi e non pericolosi, e se il pericolo è piccolo.

Raramente, possono verificarsi episodi pericolosi più lunghi con sonnambuli che si feriscono o mettono a rischio se stessi o gli altri. Ad esempio, guidare una macchina mentre dorme.

Il sonnambulismo è prevalente nei bambini di età compresa tra i sei ei dodici anni. Gli autori sottolineano che la transizione dal sonno alla veglia richiede una certa maturazione del cervello, che a volte è difficile nei bambini di questa età. Dopo la pubertà il problema normalmente scompare.

Il sonnambulismo può continuare nell’età adulta nel 25 percento dei casi di adolescenti. Se ciò dovesse accadere, diminuirà sempre con l’età, perché quando una persona invecchia diventa minor numero di ore di sonno profondo ad onde lente – la fase in cui avviene il sonnambulismo.

Antonio Zadra ha spiegato:

“Sia i bambini che gli adulti sono in uno stato di cosiddetto eccitazione dissociato durante gli episodi erranti: parti del cervello dormono mentre altri sono svegli.Ci sono elementi di veglia da quando i sonnambuli possono compiere azioni come lavare, aprire e chiudere le porte, o scendendo le scale, i loro occhi sono aperti e possono riconoscere le persone, ma ci sono anche elementi specifici del sonno: il giudizio dei sonnambuli e la loro capacità di auto-pensiero sono alterati, e le loro reazioni comportamentali sono prive di senso. “

Sleepwalking non è automatico

Nel concettualizzare il sonnambulismo, gli autori sottolineano che le persone possono essere parzialmente sveglie e parzialmente addormentate. Ciò significa che il cervello non si addormenta tutto in una volta – può accadere parte dopo parte – certe aree del cervello che si addormentano davanti agli altri.

Questo potrebbe spiegare perché alcune persone ricordano il sonnambulismo e altri no. L’amnesia è più comune nei bambini e negli adolescenti a causa di motivi neurofisiologici. Negli adulti, è più comune ricordare alcuni o tutti gli episodi di sonnambulismo.

Un altro mito popolare è che il sonnambulismo è automatico. Tuttavia, un gran numero di sonnambuli ricordano cosa hanno fatto e perché. Sono in grado di ammettere che le loro azioni erano illogiche, ma vedete che per ogni episodio c’è una logica nascosta. Una motivazione normalmente accompagna e spiega l’azione.

Quasi il 45% dei sonnambuli ha sonno durante il giorno. I sonnambuli adolescenti sono in grado di mascherare più facilmente la loro sonnolenza. Sebbene, rispetto ai soggetti di controllo, si sono comportati peggio nei test di vigilanza. Inoltre, se gli fosse stata data la possibilità di fare un pisolino, andarono a dormire più velocemente di quelli che non erano stati sonnambuli.

Zadra ha concluso:

“Negli ultimi anni, abbiamo dimostrato che il sonno profondo e profondo dei sonnambuli è atipico, frammentato da numerosi micro-arousali da 3 a 10 secondi, il loro sonno è meno riparativo. Il sonnambulismo non è quindi solo un problema di transizione tra sonno profondo e veglia. Ogni notte c’è qualcosa di più fondamentale nel sonno, indipendentemente dal fatto che abbiano o meno episodi di sonnambulismo. “
Uno studio separato condotto di recente suggerisce che il sonnambulismo è una condizione grave che può innescare comportamenti violenti e influire sulla salute generale.

Gli autori hanno scoperto che i sonnambuli hanno riscontrato quanto segue più spesso:

  • sonnolenza diurna
  • fatica
  • insonnia
  • depressione
  • ansia

Scritto da Kelly Fitzgerald

Like this post? Please share to your friends: