Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

I tassi di obesità infantile aumentano di 10 volte dagli anni ’70

Un nuovo rapporto ha esaminato le tendenze del tasso di obesità in tutto il mondo negli ultimi quarant’anni e ha rilevato che l’obesità nei bambini e negli adolescenti è 10 volte superiore a quella del 1975 e che tra 5 anni, più sarà obeso che sottopeso.

bambino che misura il giro vita

La ricerca è stata condotta da scienziati dell’Imperial College London (ICL) nel Regno Unito, in collaborazione con l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Il Prof. Majid Ezzati, della School of Public Health di ICL, è l’autore principale dello studio, e le scoperte sono state pubblicate in.

Più di 1.000 ricercatori hanno esaminato l’indice di massa corporea (BMI) di quasi 130 milioni di persone che vivono in 200 paesi. Questo è il maggior numero di persone che siano mai state incluse in uno studio epidemiologico.

Di questi partecipanti, 31,5 milioni avevano tra i 5 ei 19 anni e 97,4 milioni avevano almeno 20 anni.

I dati BMI per queste persone sono stati raccolti esaminando 2.416 studi basati sulla popolazione. Il prof. Ezzati e il team hanno poi esaminato le tendenze del BMI tra il 1975 e il 2016 nel tentativo di determinare i tassi di obesità infantile e dell’età adulta.

Le misurazioni del BMI, oltre a ciò che conta come sottopeso e obesi, sono state considerate e definite secondo le linee guida standard dell’OMS.

Obesità infantile 10 volte superiore

Nel complesso, lo studio ha rilevato che globalmente, i tassi di obesità infantile totali sono aumentati di oltre 10 volte negli ultimi quattro decenni.

Più precisamente, nel 1975, c’erano 5 milioni di ragazze che erano obese, e nel 2016, questo numero è salito a 50 milioni. Il rapporto contava 6 milioni di ragazzi con obesità nel 1975, ma questo numero è salito a 74 milioni nel 2016.

L’anno scorso sono stati trovati sovrappeso altri 213 milioni di bambini e adolescenti.

Geograficamente, il più alto aumento nell’obesità infantile è stato osservato in Asia orientale e in paesi ad alto reddito, di lingua inglese come Stati Uniti, Australia, Canada, Irlanda, Nuova Zelanda e Regno Unito.

Gli Stati Uniti hanno avuto il più alto tasso di obesità infantile tra i paesi ad alto reddito, e il Medio Oriente e il Nord Africa hanno visto anche alcuni dei più alti aumenti dell’obesità infantile negli ultimi quattro decenni.

E sorprendentemente, anche se i tassi di obesità sono in aumento, un numero crescente di bambini è ancora sottopeso. Nel 2016, 75 milioni di ragazze e 117 milioni di ragazzi erano “moderatamente o severamente sottopeso”.

Tuttavia, i ricercatori osservano che se queste tendenze continueranno, entro la fine del 2022 ci saranno più bambini obesi nel mondo rispetto a quelli sottopeso.

Vale la pena notare che anche i tassi di obesità negli adulti sono aumentati, passando da 100 milioni di adulti nel 1975 a 671 milioni nel 2016.

Evita cibi ultra-elaborati e ad alta energia

Il prof. Ezzati commenta il significato dei risultati, affermando: “Queste preoccupanti tendenze riflettono l’impatto del marketing e delle politiche alimentari in tutto il mondo, con alimenti sani e nutrienti troppo costosi per le famiglie e le comunità povere”.

“La tendenza prevede che una generazione di bambini e adolescenti crescano obesi e anche malnutriti: abbiamo bisogno di modi per rendere il cibo sano e nutriente più disponibile a casa e a scuola, specialmente nelle famiglie e nelle comunità povere, e regolamenti e tasse per proteggere i bambini da cibi malsani “.

Prof. Majid Ezzati

“Mentre ci sono state alcune iniziative guidate dai governi […] la maggior parte dei paesi ad alto reddito è stata riluttante ad usare le tasse e le normative del settore per cambiare i comportamenti alimentari e alcolici per contrastare l’obesità infantile”, aggiunge.

“Soprattutto,” continua il prof. Ezzati, “pochissime politiche e programmi cercano di rendere accessibili a famiglie povere alimenti sani come cereali integrali e frutta e verdura fresca”.

“L’inaccessibilità di opzioni alimentari sane per i poveri può portare a disuguaglianze sociali nell’obesità e limitare quanto possiamo ridurre il suo onere”, avverte.

“[I nostri dati] mostrano anche,” dice il Prof. Ezzati, “che il passaggio dal sottopeso al sovrappeso e all’obesità può avvenire rapidamente in una transizione nutrizionale insalubre, con un aumento degli alimenti poveri di nutrienti e densi di energia.”

La dott.ssa Fiona Bull, responsabile del programma di prevenzione delle malattie non trasmissibili presso l’OMS, fa eco ai pensieri del dott. Ezzati. “L’OMS [incoraggia] i paesi a implementare sforzi per affrontare gli ambienti che oggi stanno aumentando le possibilità di obesità dei nostri bambini”, dice.

Aggiunge: “I paesi dovrebbero mirare in particolare a ridurre il consumo di alimenti economici, ultra-elaborati, densi di calorie e poveri di nutrienti e dovrebbero anche ridurre il tempo che i bambini trascorrono nelle attività ricreative basate sullo schermo e sedentarie promuovendo una maggiore partecipazione all’attività fisica attraverso attività ricreative e sportive “.

Like this post? Please share to your friends: