Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

I tumori cerebrali rispondono alla dieta e alla radioterapia

Ricercatori di tumori cerebrali hanno trattato con successo topi con gliomi maligni, un tipo di tumore cerebrale aggressivo e mortale, con una univocombinazione di radioterapia e dieta chetogenica, un alto contenuto di grassi, basso contenuto di carboidrati e un regime minimo di proteine ​​che costringe il corpo a usare grassi anziché zuccheri energia. Se l’approccio avesse successo negli studi sull’uomo, affermano che la dieta potrebbe essere rapidamente e facilmente aggiunta agli attuali trattamenti del tumore al cervello umano.

I ricercatori, guidati da Adrienne C. Scheck, del Barrow Neurological Institute del St. Joseph’s Hospital e del Medical Center di Phoenix, in Arizona, negli Stati Uniti, hanno riportato i risultati dell’uso della terapia combinata sui topi in PLoS ONE.

Si pensa che il loro sia il primo studio del suo genere a considerare gli effetti della dieta chetogenica con le radiazioni.

In una dichiarazione stampa rilasciata questa settimana, Scheck afferma che il loro studio mostra la promessa per il trattamento di gliomi maligni umani:

“Abbiamo scoperto che la dieta chetogenica aumenta significativamente l’effetto antitumorale delle radiazioni, il che suggerisce che potrebbe essere utile come coadiuvante dell’attuale standard di cura per il trattamento dei gliomi maligni umani”, spiega.

Dieta chetogenica

La dieta chetogenica è una dieta proteica ricca di grassi, a basso contenuto di carboidrati, utilizzata fin dagli anni ’20 per trattare l’epilessia. Il termine chetogenico significa che il corpo produce chetoni (keto = chetone, genico = produttore).

Di solito il corpo converte i carboidrati (da alimenti come zucchero, pane, pasta) in glucosio (un tipo di zucchero) da utilizzare per l’energia. Nella dieta chetogenica, a causa della restrizione nell’assunzione di carboidrati, il corpo non può utilizzare il glucosio ed è costretto a utilizzare i grassi come fonte di energia: un processo noto come “chetosi”.

In uno studio recente, gli scienziati hanno dimostrato che è possibile utilizzare acidi grassi specifici dalla dieta di tipo dichetogenico per fare una pillola, quindi i pazienti con epilessia possono avere il beneficio della dieta senza i suoi effetti collaterali, tra cui costipazione, ipoglicemia, crescita ritardata e fratture ossee .

Ci sono anche prove che l’effetto della dieta sulla regolazione del cervello o l’omeostasi ha il potenziale per trattare altri disturbi cerebrali.

Aumento della sopravvivenza

Per il loro studio, Scheck e colleghi hanno usato due gruppi di topi con gliomi maligni di alto livello. Hanno tenuto un gruppo su una dieta standard e l’altro gruppo su una dieta chetogenica.

La dieta chetogenica utilizzata era KetoCal (KC), una formula nutrizionale completa disponibile in commercio utilizzata nel trattamento dell’epilessia nei bambini. La formula ha un rapporto 4: 1 tra grasso e carboidrati più proteine.

Entrambi i gruppi hanno ricevuto radioterapia e scansioni cerebrali regolari per monitorare la crescita del tumore.

I risultati hanno mostrato che la sopravvivenza mediana per i topi sulla dieta chetogenica era di circa cinque giorni più lunga rispetto ai topi della dieta standard, e la loro maggior maggioranza sopravviveva senza segni di recidiva del tumore, anche quando tornavano a una dieta standard, per oltre 200 giorni.

Nessuno dei topi della dieta standard è sopravvissuto per più di 33 giorni.

Terapia adiuvante nel trattamento del tumore al cervello umano

Gli autori concludono che la formula chetogenica “aumenta significativamente l’effetto antitumorale delle radiazioni”.

Suggeriscono che le modifiche al metabolismo cellulare indotte attraverso la dieta possano renderlo un utile “coadiuvante dell’attuale standard di cura per il trattamento dei gliomi umani maligni”.

Speculando sul motivo per cui la dieta chetogenica è efficace se associata alla radioterapia, suggeriscono che blocca la crescita del tumore riducendo la stimolazione degli ormoni del fattore di crescita e può anche ridurre l’infiammazione e l’edema intorno ai tumori.

Sheck sta attualmente pianificando di istituire sperimentazioni cliniche sugli esseri umani.

Dice che la dieta potrebbe facilmente e rapidamente essere incorporata come terapia adiuvante nei trattamenti attuali del tumore cerebrale umano senza dover chiedere l’approvazione dei regolatori.

Scritto da Catharine Paddock PhD

Like this post? Please share to your friends: