Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Idee sbagliate comuni sulla fibromialgia

La fibromialgia è una condizione di salute comune caratterizzata da sensibilità diffusa e dolore nei muscoli e nelle articolazioni. Per molte persone diagnosticate con fibromialgia, il dolore e la tenerezza sono costanti, ma la gravità cambia di volta in volta.

I sintomi della fibromialgia furono descritti per la prima volta nei primi anni del 1800 quando la condizione fu chiamata “reumatismo muscolare”, ma la fibromialgia è ancora in gran parte un mistero nella comunità medica di oggi.

Come tale, esistono molti malintesi su ciò che causa la fibromialgia, i suoi sintomi e come trattarla.

Tre miti comuni

Gli esperti e le persone che convivono con la fibromialgia hanno spiegato alcuni dei fatti più comunemente fraintesi sulla condizione e su come meglio conviverci.

Il dottore tiene la mano destra

1. Non è reale

Il dolore è spesso soggettivo e può essere difficile da misurare. Di conseguenza, l’equivoco più comune sulla fibromialgia è che non è una condizione reale. Sia i medici che le persone con fibromialgia concordano sul fatto che questa affermazione non è assolutamente vera.

“Il mito più comune e diffuso sulla fibromialgia (tra la comunità medica e in generale) è che” è tutto nella tua testa “, ha affermato la dott.ssa Donnica Moore, presidente del gruppo Sapphire Women’s Health.

“Mentre non conosciamo l’esatto meccanismo della fibromialgia, sappiamo che si tratta di una sindrome del dolore diffusa e complessa, caratterizzata da schemi di dolorabilità muscolare su entrambi i lati del corpo chiamati punti trigger”.

Dr. Moore ha aggiunto, “a volte la condizione può iniziare senza una ragione apparente.In altre situazioni, fibromialgia secondaria si pone come conseguenza della privazione cronica del sonno, infezioni virali, malattia di Lyme, artrite, ipotiroidismo o altre condizioni.”

Charlene Hoffman è stata diagnosticata la fibromialgia nel 2014. Ha detto che lei è affrontato con persone, tra cui medici, che le ho detto che la condizione e dei suoi sintomi non erano reali. Il suo consiglio è di non dubitare di te stesso e di come ti senti:

“Ho avuto persone che mi dicevano che è tutto nella mia testa. I medici non sono ancora esperti nelle condizioni e raramente sanno come trattare una persona, per non parlare di diagnosticare qualcuno con [fibromialgia]. non capisco perché non hanno avuto a che fare con se stessi.

I miei veri amici mi accetteranno come sono. Per quanto riguarda i medici … ogni volta che vado da un nuovo dottore, prendo tutti i miei dati e informazioni educative su alcuni dei miei problemi più rari, tra cui [fibromialgia]. “

Charlene Hoffman

2. Colpisce solo le donne anziane

Un altro mito ampiamente accettato sulla fibromialgia è che colpisce solo le persone anziane, in particolare le donne.

Secondo l’Istituto Nazionale di Artrite e Malattie Muscoloscheletriche e della Pelle (NIAMS), circa l’80-90% di quelli con diagnosi di fibromialgia sono donne. Tuttavia, è una condizione comune che può interessare anche gli uomini e i giovani.

Chi vive con la fibromialgia afferma che questo mito ampiamente accettato può rendere più difficile la gestione del disturbo su base giornaliera.

“Il primo [malinteso] che ho superato è stato lo stigma di” sei troppo giovane “. Molte persone pensano che le casalinghe solo di mezza età o persone della stessa età fertile possono essere diagnosticate, o che è puramente un ‘problema della donna,'” ha detto Emily Trimnal, un 28-year-old scrittore freelance e blogger, che è stato diagnosticato con fibromialgia all’età di 13 anni. “Questo non è vero.”

Trimnal ha dato il suo consiglio per coloro che vivono con fibromialgia e per coloro che non sanno molto sulla condizione:

“Il modo più semplice per superare malintesi che le persone hanno è quello di educarli. Sono molto aperto circa i miei problemi di salute, ma anche fare in modo di non sfilare in giro o incessantemente post su di loro, in quanto v’è una linea molto sottile tra parlare su di esso e diventare un martire per la tua condizione. “

Emily Trimnal

3. Il dolore è minimo e non influenza la vita di tutti i giorni

Per alcune persone con fibromialgia, il dolore può essere così grave che non sono in grado di fare le cose che altrimenti farebbero. Il suo impatto negativo sulla qualità della vita di una persona è ciò che spesso rende la fibromialgia così difficile da gestire.

“Sono un artista esperto, ma dipingere e creare è duro sul mio corpo a causa dei movimenti ripetitivi”, ha detto Heidi Moseley, a cui è stata diagnosticata la condizione di bambino.

fatica cronica

“Mi sento così male dopo alcune ore di verniciatura.Possono essere necessarie settimane per tornare alla normalità.La mia linea di base del dolore è una costante da quattro a cinque in ogni momento.Faccio sempre male.Non riesco a mettermi comodo.”

Oltre al dolore, la fibromialgia può causare una miriade di altri problemi, tra cui:

  • Fatica cronica
  • Depressione
  • Mal di testa ed emicranie
  • Periodi dolorosi
  • Sindrome dell’intestino irritabile
  • Rigidità mattutina

In combinazione con il dolore e la tenerezza, questi altri sintomi possono avere un serio impatto sulla vita di tutti i giorni e sulla capacità di vivere una vita normale. Le persone potrebbero dover assumere più farmaci per trattare anche questi problemi. Questo può essere scomodo per chiunque, per non parlare di qualcuno che gestisce il dolore costante.

Cause e diagnosi

È vero che la fibromialgia non è una condizione facile da diagnosticare. Questo perché non esiste una chiara causa da cercare. Il sintomo principale della fibromialgia è il dolore e la tenerezza in tutto il corpo, ma anche gravi affaticamento, insonnia e problemi di memoria o di messa a fuoco sono molto comuni.

Non è chiaro cosa causi questi sintomi in primo luogo. Il NIAMS afferma che probabilmente vi sono numerosi fattori coinvolti che aumentano il rischio di scatenare la fibromialgia:

  • Un evento traumatico fisicamente o emotivamente come un incidente d’auto
  • Lesioni ripetitive
  • Connessione con un’altra malattia
  • Genetica
  • Problemi con il sistema nervoso centrale, contribuendo a come il cervello elabora il dolore

Per diagnosticare la fibromialgia, i medici spesso chiedono alle persone di descrivere il loro dolore. Non sono necessari test diagnostici come i raggi X o esami del sangue per diagnosticare la condizione, ma i medici possono ordinarli per escludere altri problemi di salute.

Sfortunatamente, molte persone con fibromialgia vanno a più di un medico prima di ricevere una diagnosi a causa di questi malintesi comunemente accettati sulla condizione. È importante che le persone trovino un medico con cui si sentano a proprio agio e di cui si fidano in modo approfondito.

Ciò non significa che la fibromialgia sia impossibile da diagnosticare, comunque. L’American College of Rheumatology delinea i criteri accettati dalla comunità medica che sono necessari per diagnosticare la fibromialgia.

il dottore parla con il paziente

Tre punti di controllo per diagnosticare la fibromialgia:

  1. Dolore e sintomi durante la settimana precedente, in base al numero totale di aree dolorose su 19 parti del corpo
  2. Sintomi che durano almeno 3 mesi ad un livello simile
  3. Nessun altro problema di salute per spiegare il dolore e altri sintomi

Oltre al dolore e ai sintomi che una persona ha provato durante la settimana precedente, devono anche provare affaticamento, svegliarsi sentendosi ancora stanchi o non allenati, problemi di memoria o di pensiero o altri problemi fisici generali.

Piuttosto che amministrare un esame di “punti di gara” su cui i medici si affidavano in passato, le linee guida aggiornate danno più importanza al secondo e al terzo checkpoint per diagnosticare la fibromialgia.

Trattamento

Nel 2004, la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha approvato pregabalin per il trattamento della fibromialgia. Questo farmaco è anche usato per trattare diverse condizioni di dolore ed epilessia.

I medici possono raccomandare un numero di farmaci da banco per alleviare il dolore tra cui:

  • acetaminofene
  • ibuprofene
  • Naproxen sodico

Possono anche suggerire farmaci antidolorifici come il tramadolo, ma è improbabile che prescrivano farmaci narcotizzanti. Questo perché i narcotici possono peggiorare il dolore nel tempo e portare alla dipendenza. Alcuni antidepressivi, come duloxetina e milnacipran, possono anche aiutare con dolore e stanchezza.

Gli esperti suggeriscono anche di fare attività fisica regolare, mantenere un’alimentazione sana e dormire abbondantemente. Oltre ai farmaci tradizionali, alcune persone con fibromialgia possono anche beneficiare di terapie alternative in combinazione con, o al posto di questi medicinali.

“Ciò che è” il migliore “è qualsiasi cosa funzioni per un singolo paziente.In aggiunta ai farmaci … la normale terapia di esercizio da lieve a moderata è considerata parte integrante di qualsiasi regime di trattamento con fibromialgia”, ha affermato il dott. Moore.

“L’esercizio aerobico è raccomandato quando possibile, anche se lo yoga e il Tai chi sono altamente raccomandati e le terapie aggiuntive, come l’agopuntura e la massoterapia, si sono dimostrate utili.”

Like this post? Please share to your friends: