Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Il bambino che ha sviluppato al di fuori del grembo materno

Nicolette Soto, 27 anni, il cui feto si è sviluppato all’esterno del suo utero circondato da un sottile muro di membrana e muscoli, ha dato alla luce in Arizona dopo 32 settimane di gravidanza un bambino di 14 chili e 14 once al Centro di Medicina Fetale Materna presso il Centro Sanitario Banner Samaritan. I medici si chiedono se questo sia mai accaduto prima.

Il bambino si è sviluppato proprio accanto all’utero della madre, ma al di fuori di esso. La placenta non era attaccata correttamente e alla fine attaccata all’esterno della parete uterina. I medici hanno detto che rimuoverlo era molto più facile di quanto si aspettassero. In caso di complicazioni, una squadra di esperti in urologia, trauma e radiologia, così come un chirurgo vascolare erano in attesa – fortunatamente, i loro servizi non erano richiesti.

La signora Soto è stata avvertita dai medici che sviluppare un bambino al di fuori dell’utero era potenzialmente letale per lei e per il suo bambino. Tuttavia, secondo il fidanzato, Victor Perfecto, ha chiarito che voleva vedere la gravidanza fino alla fine.

Azelan Cruz cruz è nato lo scorso lunedì.

L’embrione si era attaccato al punto in cui la tuba di Falloppio incontra l’utero, ha spiegato il team medico, una gravidanza in stato di gravidanza. Nella maggior parte dei casi il tubo si rompe e la gravidanza termina intorno alla 12-14a settimana.

Una delle équipe medica coinvolta nella consegna, il dottor Rodney Edwards, ha detto di aver cercato nella letteratura medica per determinare se un bambino vivo fosse mai stato liberato da una tale gravidanza e non avesse trovato casi precedenti.

Il Dr. Rodney Edwards ha detto:

“Questo è solo un caso che dimostra, in medicina,
non succede nulla “sempre” o “mai”. “
Non è stato fino alla diciottesima settimana che Nicolette Soto sapeva di essere incinta. Se l’avesse saputo prima, i suoi dottori dissero che l’avrebbero raccomandata di interrompere. Il rischio di rottura e perdita di sangue fatale sarebbe stato considerevole. Tuttavia, alla fine della diciottesima settimana il pericolo era già lì.

Avevano avvertito Soto che avrebbero dovuto rimuovere chirurgicamente il suo utero e parte del suo intestino. Se ci fosse attaccamento a un organo vitale, qualcosa che potrebbe accadere per la placenta di ottenere il suo apporto di sangue, le cose potrebbero diventare seriamente complicate, hanno avvertito.

Soto era chiaro; lei voleva avere il bambino. È stata ricoverata in ospedale a marzo e monitorata da vicino fino alla nascita.

Il team medico ha detto che la consegna è stata molto più semplice di quanto si aspettassero. Non era necessario alcun intervento medico speciale e la perdita di sangue era minima. Una cicatrice addominale più grande del normale era l’unico aspetto anormale del suo intervento chirurgico.

Si prevede che Soto esca dall’ospedale entro i prossimi quattro giorni. Il suo bambino rimase ricoverato in ospedale per circa altre quattro settimane.

Scritto da Christian Nordqvist

Like this post? Please share to your friends: