Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Il bullismo danneggia la salute mentale dei bambini, ma per quanto tempo?

Un nuovo studio su due gemelli – che ha permesso ai ricercatori di controllare l’impatto di fattori ambientali e genetici condivisi – ha esaminato l’effetto del bullismo sui bambini piccoli e se questi effetti sono duraturi o meno.

ragazzo triste seduto su una panchina nel parco giochi

Tra 1 su 3 e 1 su 4 studenti riferiscono di essere stati vittime di bullismo in un ambiente scolastico negli Stati Uniti.

Essere vittima del bullismo può avere conseguenze molto gravi per il benessere e la salute mentale di un bambino, quindi capire come questo tipo di molestie colpisce i bambini, così come la durata degli effetti, è importante per determinare quali tipi di interventi sono necessario.

Un team di ricercatori provenienti da varie istituzioni accademiche nel Regno Unito – guidato dal Dr. Jean-Baptiste Pingault, dell’Università dello Studio di Londra – si è proposto di rispondere a queste due domande analizzando i dati raccolti da una grande coorte di bambini gemelli.

I risultati dei ricercatori sono stati pubblicati all’inizio di questa settimana a.

Impatto del bullismo: grave, ma impermanente

Il dott. Pingault e il suo team hanno raccolto i loro dati utilizzando il Twins Early Development Study, che è un ampio studio di popolazione che utilizzava record di nascite in Inghilterra e Galles tra il 1994 e il 1996.

Tutti i dati sono stati raccolti tra il 2005 e il 2013 e sono stati coinvolti 11.108 gemelli. In media, questi avevano 11 anni al momento della prima valutazione e 16 anni quando è stata condotta l’ultima valutazione.

I bambini sono stati valutati per livelli di ansia, iperattività, impulsività e depressione, così come mancanza di attenzione, problemi di condotta e esperienze psicotiche (pensieri paranoici o disorganizzati, per esempio) all’età di 11 e 16 anni.

A 11 e 14 anni, sono stati anche valutati per determinare se stavano vivendo o meno il bullismo usando la scala multidimensionale di Peer-Victimization.

Dopo la loro analisi dei dati, i ricercatori hanno confermato che essere vittime di bullismo in giovane età porta a sintomi di ansia e depressione, nonché a esperienze di tipo psicotico. Tuttavia, è stato anche notato che questi effetti sono diminuiti o completamente scomparsi nel tempo.

Per esempio, i sintomi dell’ansia persistevano fino a 2 anni ma erano scomparsi dopo 5 anni. I pensieri paranoidi e disorganizzati erano più duraturi, ma tendevano anche a dissolversi dopo il voto di 5 anni.

Il dott. Pingault e il suo team hanno studiato coppie di gemelli perché speravano che qualsiasi contrasto tra i sintomi di salute mentale dei gemelli avrebbe permesso loro di usare un gemello come “controllo” in ciascuna coppia.

Quindi, spiegano, sarebbero in grado di spiegare tutti i fattori ambientali e genetici condivisi che hanno colpito psicologicamente i gemelli – in particolare i gemelli monozigoti, o identici, dei gemelli.

Ma i ricercatori riconoscono anche che il loro studio ha affrontato alcune limitazioni, non ultima la considerazione che il progetto “differenze gemelle” non avrebbe tenuto conto di eventuali variabili confondenti non condivise tra i fratelli.

Inoltre, il dott. Pingault e colleghi avvertono che ci sono alcuni esiti di salute mentale non controllati e che possono avere effetti di lunga durata.

Aumentare la resilienza nei bambini a rischio

Nel loro studio, i ricercatori spiegano che, a causa della loro scoperta che tali effetti negativi del bullismo come ansia diminuiscono o scompaiono nel tempo, può essere utile considerare di lavorare con i bambini per migliorare la loro capacità di reazione alle potenziali molestie da parte dei coetanei.

“La nostra scoperta che questo contributo diretto [del bullismo ai risultati negativi della salute mentale] si è dissipato o ridotto nel tempo”, scrivono gli autori, “evidenzia il potenziale di resilienza nei bambini esposti al bullismo”.

I ricercatori concludono che, oltre agli interventi primari volti a frenare il comportamento di bullismo nelle scuole, può valere la pena di escogitare interventi secondari incentrati sulle strategie di resilienza per i bambini a rischio.

“Oltre alla prevenzione primaria che mira a fermare l’esposizione al bullismo, gli interventi preventivi secondari nei bambini esposti al bullismo dovrebbero affrontare precedenti vulnerabilità, come le difficoltà di salute mentale, se vogliamo ottenere un impatto a lungo termine sulla salute mentale”.

Like this post? Please share to your friends: