Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Il burro di arachidi potrebbe aiutare a diagnosticare la malattia di Alzheimer

Un mucchio di burro di arachidi e un righello può essere usato per confermare una diagnosi di malattia di Alzheimer allo stadio iniziale, hanno trovato ricercatori della University of Florida Health.

Jennifer Stamps, una studentessa laureata all’Università della Florida (UF), McKnight Brain Institute Center for Smell and Taste, ei suoi colleghi hanno riportato i risultati di un piccolo studio pilota nell’ottobre 2013.

Ai francobolli è venuta l’idea di usare il burro di arachidi per testare la sensibilità dell’olfatto mentre lavorava con il dott. Kenneth Heilman, uno dei neurologi comportamentali più noti al mondo, dal dipartimento di neurologia dell’UF College of Medicine.

Mentre osservava i medici nella clinica di Heilman, notò che i pazienti non erano stati testati per il loro senso dell’olfatto. La capacità di annusare è associata al primo nervo cranico ed è spesso una delle prime cose a essere influenzata dal declino cognitivo.

“Il dottor Heilman ha detto:” Se riesci a trovare qualcosa di veloce e poco costoso, possiamo farlo “, dice Stamps.

Ha pensato al burro di arachidi perché, ha detto, è un “odorante puro” che viene rilevato solo dal nervo olfattivo ed è di facile accesso.

Problema diffuso

Secondo l’Alzheimer’s Association, la malattia di Alzheimer colpisce 5,2 milioni di persone negli Stati Uniti e costerà alla nazione $ 203 miliardi solo quest’anno.

Burro di arachidi sul cucchiaino
I ricercatori hanno scoperto che posizionando un cucchiaio di burro di arachidi su un righello, potevano identificare le prime fasi della malattia di Alzheimer, in base alla capacità dei pazienti di rilevare l’odore a determinate distanze.

L’Associazione stima che un americano sviluppi il morbo di Alzheimer ogni 68 secondi e si aspetta che questa cifra salga a un americano ogni 33 secondi entro il 2050.

Nello studio, i pazienti che stavano venendo alla clinica per testare anche sedevano con un clinico, che era armato con 14 grammi di burro di arachidi – che equivale a circa 1 cucchiaio – e un righello metrico. Il paziente chiuse gli occhi e la bocca e bloccò una narice.

Il medico aprì il contenitore del burro di arachidi e tenne il righello accanto alla narice aperta mentre il paziente respirava normalmente. Spostando il rullino di arachidi sul righello 1 cm alla volta durante l’espirazione del paziente, sono stati in grado di misurare la distanza alla quale il paziente poteva rilevare l’odore.

La distanza è stata registrata e la procedura ripetuta sull’altra narice dopo un ritardo di 90 secondi.

I medici che eseguivano il test non conoscevano le diagnosi dei pazienti, che non erano solitamente confermate fino a settimane dopo i test clinici iniziali.

Senso di perdita di odore

Gli scienziati hanno scoperto che i pazienti nelle prime fasi della malattia di Alzheimer avevano una differenza drammatica nel rilevare l’odore tra la narice sinistra e quella destra – la narice sinistra era compromessa e non ha rilevato l’odore fino a una media di 10 cm più vicino al naso di la narice destra aveva effettuato il rilevamento in pazienti con malattia di Alzheimer.

Questo non era il caso nei pazienti con altri tipi di demenza; invece, questi pazienti non avevano differenze nell’identificazione degli odori tra le narici o la narice destra era peggiore nel rilevare l’odore rispetto a quella sinistra.

Dei 24 pazienti testati con lieve decadimento cognitivo, che a volte segnalano il morbo di Alzheimer e che a volte risultano essere qualcos’altro, circa 10 pazienti hanno mostrato una compromissione della narice sinistra e 14 pazienti no.

I ricercatori hanno detto che devono essere condotti più studi per comprendere appieno le implicazioni.

Francobolli spiega:

“Al momento, possiamo usare questo test per confermare la diagnosi, ma intendiamo studiare pazienti con decadimento cognitivo lieve per vedere se questo test potrebbe essere usato per prevedere quali pazienti avranno la malattia di Alzheimer”.

Francobolli e Dr. Heilman sottolineano che questo test potrebbe essere utilizzato da cliniche che non hanno accesso al personale o alle apparecchiature per eseguire altri test più elaborati necessari per una diagnosi specifica, che può portare a un trattamento mirato.

A UF Health, il test del burro d’arachidi sarà uno strumento in più da aggiungere a una serie completa di test clinici per la funzione neurologica in pazienti con disturbi della memoria.

Test non invasivo, fase iniziale

Uno dei primi posti nel cervello a degenerare nelle persone con malattia di Alzheimer è la parte anteriore del lobo temporale che si è evoluta dal sistema olfattivo, e questa parte del cervello è coinvolta nella formazione di nuovi ricordi.

“Vediamo persone con tutti i tipi di disturbi della memoria”, ha detto Heilman. Molti test per confermare una diagnosi di malattia di Alzheimer o altre forme di demenza possono essere lunghi, costosi o invasivi. “Questo può diventare una parte importante del processo di valutazione”.

Lo studio UF potrebbe aiutare rilevando la probabilità di una persona di sviluppare la malattia in una fase molto più precoce, con un test non invasivo.

L’Associazione Alzheimer riconosce che al momento non esiste una cura per la malattia, né i trattamenti attuali dell’Alzheimer impediscono al morbo di Alzheimer di progredire. Tuttavia, possono temporaneamente rallentare il peggioramento dei sintomi della demenza. Questo migliora la qualità della vita sia per i malati che per i loro assistenti.

Come dice Stamps:

“Se riusciamo a prenderlo in quella fase iniziale, possiamo iniziare il trattamento in modo più aggressivo nelle fasi iniziali e probabilmente si può prevenire un sacco di progressi”.

nel luglio 2013 ha riferito che l’adozione di alcune misure di stile di vita, tra cui l’esercizio regolare e un’alimentazione equilibrata, potrebbe ridurre il rischio di sviluppare l’Alzheimer.

Like this post? Please share to your friends: