Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Il caffè all’italiana potrebbe dimezzare il rischio di cancro alla prostata

Una nuova ricerca porta buone notizie per gli uomini che amano un calcio alla caffeina. Bere più di tre tazze di caffè all’italiana ogni giorno potrebbe più che dimezzare il rischio di sviluppare il cancro alla prostata.

[Un uomo più anziano che beve caffè]

I risultati provengono da un’analisi di quasi 7.000 uomini provenienti dall’Italia, un paese in cui il bere il caffè è una cultura.

È normale che gli italiani inizino la giornata con un cappuccino, seguito da un caffè macchiato o due a pranzo e un caffè espresso la sera. Infatti, l’italiano medio consuma circa 600 tazze di caffè ogni anno, e questo numero è in aumento.

Sembra, quindi, che non ci sia una popolazione migliore in cui studiare gli effetti del consumo di caffè sul rischio di cancro alla prostata.

Coautore dello studio Licia Iacoviello, responsabile del laboratorio di epidemiologia molecolare e nutrizionale presso I.R.C.C.S.S. Neuromed in Italia, e colleghi hanno recentemente riportato i loro risultati nel.

Ottenere una “visione più chiara” del legame tra il caffè e il cancro alla prostata

Il cancro alla prostata è il tumore più comune tra gli uomini negli Stati Uniti, dopo il cancro della pelle. Secondo l’American Cancer Society, circa 1 su 7 uomini saranno diagnosticati con la malattia nel corso della loro vita.

Mentre un certo numero di studi ha suggerito che il consumo di caffè può aiutare a ridurre il rischio di cancro alla prostata, altri hanno trovato il contrario.

Per il loro studio, Iacoviello e colleghi hanno ulteriormente studiato il legame tra il consumo di caffè e il rischio di cancro alla prostata analizzando i dati di 6.989 uomini dall’Italia, di 50 anni o più, che facevano parte del Progetto Moli-Sani.

“Negli ultimi anni abbiamo visto una serie di studi internazionali su questo tema”, dice il primo autore dello studio George Pounis, del Dipartimento di Epidemiologia e Prevenzione presso I.R.C.C.S.S. Neuromed.

“Ma le prove scientifiche sono state considerate insufficienti per trarre conclusioni, inoltre in alcuni casi i risultati sono stati contraddittori, quindi il nostro obiettivo era aumentare la conoscenza in questo campo e fornire una visione più chiara”.

Come parte dello studio, ai partecipanti è stato richiesto di segnalare l’assunzione giornaliera di caffè all’italiana utilizzando un questionario sulla frequenza degli alimenti.

Più di tre tazze di caffè al giorno riducono il rischio di cancro alla prostata

Tra una media di 4 anni di follow-up, sono stati identificati circa 100 nuovi casi di cancro alla prostata tra gli uomini.

I ricercatori hanno scoperto che gli uomini che ogni giorno consumavano almeno tre tazze di caffè all’italiana avevano un rischio inferiore del 53% di sviluppare il cancro alla prostata, rispetto agli uomini che ne consumavano meno di tre tazze al giorno.

Per confermare gli effetti anti-cancro del caffè, il team ha testato estratti di caffeina e caffè decaffeinato all’italiana sulle cellule del cancro alla prostata in laboratorio.

Hanno scoperto che gli estratti di caffè con caffeina riducevano la proliferazione delle cellule tumorali – cioè la capacità di crescere e dividersi – e diminuivano la loro capacità di metastatizzare o diffondere. Questi effetti erano quasi inesistenti con estratti di caffè decaffeinati.

“Le osservazioni sulle cellule tumorali ci permettono di dire che l’effetto benefico osservato tra i 7000 partecipanti è molto probabilmente dovuto alla caffeina, piuttosto che alle molte altre sostanze contenute nel caffè”, spiega la co-autrice Maria Benedetta Donati, anch’essa del Dipartimento di Epidemiologia e Prevenzione.

Tuttavia, i ricercatori sottolineano che lo studio è stato condotto su una popolazione italiana con una forte cultura del caffè, che è caratterizzata non solo dalla quantità di caffè che viene consumata, ma anche dal modo in cui viene prodotta.

“Preparano il caffè in modo rigorosamente italiano: alta pressione, temperatura dell’acqua molto alta e senza filtri”, afferma Iacoviello. “Questo metodo, diverso da quelli seguiti in altre aree del mondo, potrebbe portare ad una maggiore concentrazione di sostanze bioattive.”

“Sarà molto interessante, ora, esplorare questo aspetto: il caffè è parte integrante dello stile di vita italiano, che, dobbiamo ricordare, non è fatto solo dai singoli alimenti, ma anche dal modo specifico in cui sono preparati”.

Scopri perché i bevitori di caffè potrebbero vivere più a lungo.

Like this post? Please share to your friends: