Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Il caffè può peggiorare i sintomi dell’Alzheimer

A, spesso riportiamo su studi che producono benefici per la salute derivanti dal consumo di caffè. Una nuova ricerca, tuttavia, suggerisce ora che la nostra amata tazza di joe potrebbe avere un lato più oscuro, dopo aver scoperto che l’assunzione di caffeina a lungo termine potrebbe esacerbare i sintomi della malattia di Alzheimer.

una tazza di caffè e chicchi di caffè

In uno studio su topi con Alzheimer, i ricercatori hanno scoperto che l’esposizione prolungata alla caffeina era legata all’aumento dei sintomi comportamentali della malattia, come l’ansia.

Piombo ricercatore Dr. Lydia Giménez-Llort – dalla Universitat Autònoma de Barcelona in Spagna – e colleghi hanno recentemente riportato i loro risultati sulla rivista.

Circa 5,7 milioni di adulti negli Stati Uniti vivono con il morbo di Alzheimer, e ogni 65 secondi, una persona in più nel paese sviluppa la condizione.

Il sintomo più ampiamente riconosciuto dell’Alzheimer è la perdita di memoria, ma la malattia può presentare una serie di altri sintomi, tra cui delusioni, allucinazioni, irritabilità, ansia e depressione. Il Dr. Giménez-Llort e il suo team si riferiscono a questi come sintomi comportamentali e psicologici della demenza (BPSD).

Studio dell’effetto della caffeina su BPSD

Ricerche precedenti hanno suggerito che il caffè ha il potenziale per ridurre il rischio di Alzheimer e altre forme di demenza. Per gli individui che hanno già il morbo di Alzheimer, tuttavia, gli effetti del consumo di caffeina potrebbero non essere così utili, secondo il Dr. Giménez-Llort e il suo team.

I ricercatori sono giunti alla loro conclusione studiando gli effetti della caffeina sui modelli murini del morbo di Alzheimer.

“I topi sviluppano la malattia di Alzheimer in modo molto vicino ai pazienti umani con forma precoce della malattia”, spiega il primo autore Raquel Baeta-Corral, anche dell’Universitat Autònoma de Barcelona.

Aggiunge: “Non solo mostrano i tipici problemi cognitivi ma anche una serie di sintomi simili a BPSD, quindi è un modello valido per valutare se i benefici della caffeina saranno in grado di compensare i suoi presunti effetti negativi”.

Per scoprirlo, il team ha aggiunto caffeina all’acqua potabile dei roditori dai 6 ai 13 mesi, alla dose di 0,3 milligrammi per millilitro.

I ricercatori spiegano che studi precedenti hanno scoperto che questo dosaggio porta ad un consumo giornaliero di caffeina di circa 1,5 milligrammi nei topi, che equivale a circa 500 milligrammi nell’uomo, o cinque tazze di caffè al giorno.

BPSD aumentato per i topi che consumano caffeina

A 13 mesi di età, i topi hanno preso parte a una serie di esperimenti che hanno valutato i loro sintomi cognitivi e comportamentali dell’Alzheimer.

Lo studio ha rivelato che i roditori che hanno bevuto l’acqua contenente caffeina avevano una maggiore BPSD – tra cui ansia e neofobia, o la paura di oggetti o situazioni non familiari – rispetto a quelli che consumavano acqua normale.

Inoltre, hanno scoperto che la caffeina aveva poco beneficio per l’apprendimento e la memoria nei roditori.

Questi risultati, affermano il Dr. Giménez-Llort e colleghi, suggeriscono che dovremmo essere cauti nel raccomandare il caffè e altri prodotti contenenti caffeina agli adulti con malattia di Alzheimer.

“Questi risultati confermano che la caffeina, nonostante il suo uso quotidiano e la relativa mancanza di regolamentazione governativa, è un composto potente con effetti sfaccettati”, affermano gli autori, aggiungendo:

“Noi ipotizziamo che nel corso di un trattamento cronico con caffeina, l’esacerbazione dei sintomi di BPSD ansiosi possa parzialmente interferire con gli effetti cognitivi benefici nella misura in cui possono essere nella direzione opposta.”

Like this post? Please share to your friends: