Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Il cancro ai polmoni può rimanere dormiente per oltre 20 anni

I tumori polmonari – la principale causa di morte per cancro negli Stati Uniti – possono essere nascosti all’interno del corpo per oltre 20 anni prima di diventare improvvisamente una malattia in rapida crescita ed aggressività, hanno scoperto i ricercatori.

Immagine dei polmoni

Un recente studio, condotto dagli scienziati del Cancer Research UK e pubblicato su, rivela che dopo l’iniziale faglia genetica che causa il cancro nel paziente, la malattia può rimanere latente e inosservata per un lungo periodo di tempo solo per diventare aggressivamente attiva quando innescata da ulteriori nuovi errori genetici.

Il cancro si espande quando ulteriori difetti genetici si verificano in diverse aree del tumore. Queste faglie si evolvono su percorsi diversi, portando a un tumore composto da più parti geneticamente uniche.

Questa scoperta spiega perché i trattamenti mirati hanno spesso un successo limitato. Una biopsia del cancro del polmone può identificare un difetto genetico specifico per il trattamento a bersaglio, ma nelle parti attaccanti del tumore che condividono quella particolare faglia, le aree che condividono un errore genetico diverso sono intatte e libere di prendere il sopravvento.

“La sopravvivenza dal cancro del polmone rimane devastantemente bassa con molti nuovi trattamenti mirati che hanno un impatto limitato sulla malattia”, dice l’autore dello studio, il prof. Charles Swanton. “Comprendendo come si sviluppa, abbiamo aperto il libro delle regole evolutive della malattia nella speranza che possiamo iniziare a prevedere i suoi prossimi passi”.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), nel 2011 207.339 persone negli Stati Uniti sono state diagnosticate con cancro ai polmoni. Nel medesimo anno sono morte 156.953 persone.

Il dott. Noel Snell, direttore della ricerca presso la British Lung Foundation, ha spiegato perché questa ricerca è cruciale:

“Trovare i tumori prima significa che sono più [probabilmente] curabili, questa nuova entusiasmante ricerca suggerisce che se potessero essere diagnosticati in una fase molto precoce della loro evoluzione potremmo essere in grado di affrontare la malattia prima e migliorare notevolmente i tassi di sopravvivenza “.

Fumo legato a difetti genetici iniziali

Fatti veloci sul cancro ai polmoni

  • Il cancro al polmone è la principale causa di morte per cancro negli Stati Uniti
  • Il fumo di sigaretta è la causa numero uno del cancro al polmone
  • Altri fattori di rischio includono fumo passivo, altri prodotti a base di tabacco, sostanze tossiche e una storia familiare di cancro ai polmoni.

Ulteriori informazioni sul cancro del polmone

Per lo studio, il team ha analizzato i tumori polmonari di sette pazienti. Questo gruppo comprendeva una miscela di fumatori, ex fumatori e persone che non avevano mai fumato prima.

Lo studio ha anche valutato l’impatto del fumo sullo sviluppo del cancro del polmone ei ricercatori hanno scoperto che molti dei difetti genetici iniziali che portano al cancro del polmone sono stati causati dal fumo.

Tuttavia, con la crescita del cancro, questi errori sono diventati meno importanti, con un nuovo processo controllato da una proteina chiamata APOBEC responsabile della creazione di molteplici nuove mutazioni.

Il team spera che la scoperta del cancro inattivo per diversi anni porterà a miglioramenti nella diagnosi precoce della malattia. Secondo Cancer Research UK, meno del 10% dei pazienti con cancro del polmone sopravvive per 5 anni o più dopo la diagnosi.

Lo scienziato capo del Cancer Research UK, il prof. Nic Jones, spera che le loro scoperte possano portare a cambiamenti:

“Questa affascinante ricerca mette in evidenza la necessità di trovare modi migliori per rilevare il cancro ai polmoni prima ancora che segua un solo percorso evolutivo: se siamo in grado di stroncare la malattia sul nascere e trattarla prima che inizi a percorrere diverse rotte evolutive, potremmo fare una vera differenza nell’aiutare più persone a sopravvivere alla malattia “.

L’organizzazione tenterà di portare questi risultati ulteriormente finanziando uno studio chiamato TRACERx. Questo studio analizzerà i tumori polmonari di centinaia di pazienti, osservando come si evolvono nel tempo. In tal modo, sperano di scoprire con precisione in che modo i tumori polmonari si adattano, mutano e sviluppano la resistenza ai trattamenti.

“La presentazione e la diagnosi tardive sono le ragioni principali per i tassi di sopravvivenza molto scarsi da questa malattia, che sono peggiori nel Regno Unito che in Europa e negli Stati Uniti”, ha affermato il dott. Noel Snell. “Un maggiore investimento in questo tipo di ricerca è assolutamente vitale se vogliamo fare progressi significativi nella gestione di questa terribile condizione”.

Uno studio recente ha svelato un’invenzione che potrebbe identificare il cancro del polmone molto prima; un “lab-on-a-chip” potrebbe rilevare il cancro del polmone con una goccia di sangue di un paziente. riportato sullo studio all’inizio di questa settimana.

Like this post? Please share to your friends: