Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Il colesterolo ha trovato un ruolo nell’Alzheimer

Un nuovo studio, condotto da ricercatori dell’Università di Cambridge nel Regno Unito, conclude che il colesterolo può svolgere un ruolo significativo nello sviluppo della malattia di Alzheimer.

Accumulo di colesterolo nelle arterie

Il colesterolo è una sostanza cerosa che può accumularsi sulle pareti delle arterie, causando potenzialmente problemi di salute.

Circa 71 milioni di persone negli Stati Uniti vivono con alti livelli di lipoproteine ​​a bassa densità (LDL) o “colesterolo cattivo”.

È più comunemente implicato come fattore che contribuisce in condizioni cardiovascolari come malattie cardiache e ictus, ma il colesterolo è anche uno dei principali costituenti della parete cellulare.

Un nuovo studio, pubblicato sulla rivista, suggerisce che questo colesterolo potrebbe anche fungere da catalizzatore per i cluster di una proteina chiamata beta-amiloide a formare nel cervello.

L’amiloide-beta è ben nota per essere un fattore chiave per il morbo di Alzheimer, che attualmente colpisce circa 5,4 milioni di persone negli Stati Uniti. Quando aggregati beta-amiloidi, si trasforma in placche che sono tossiche per la funzione cerebrale e uccidono le cellule cerebrali.

Tuttavia, gli scienziati hanno lottato per identificare in che modo i cluster di forma beta-amiloide in primo luogo.

Il colesterolo accelera l’aggregazione

Quello che gli scienziati sanno è che le molecole beta-amiloide normalmente non si uniscono nel cervello perché sono presenti solo a livelli bassi e sono diffuse attraverso il cervello.

Il team di Cambridge ha unito le forze con i ricercatori dell’Università di Lund, in Svezia, per studiare come la beta amiloide riesca a formare ammassi nella malattia di Alzheimer.

Hanno rivelato che l’beta-amiloide può attaccarsi ai lipidi, un tipo di molecola insolubile che include grassi, steroidi, fosfolipidi e cere. In particolare, è stato riscontrato che l’amiloide-beta aderisce molto bene alle membrane delle cellule lipidiche contenenti colesterolo.

Quindi, una volta che le molecole beta-amiloide si attaccano alle membrane delle cellule lipidiche contenenti colesterolo in prossimità di altre molecole beta-amiloidi bloccate, c’è una maggiore possibilità che queste molecole si incontrino, causando la formazione di cluster.

Il team calcola che la presenza di colesterolo ha causato la formazione di cluster di beta-amiloide 20 volte più velocemente di quanto avrebbero altrimenti.

Mangiare meno colesterolo ridurrà il rischio?

Studi precedenti hanno mappato un legame tra il colesterolo e l’Alzheimer; per esempio, gli scienziati sanno che alcuni degli stessi geni che processano il colesterolo nel cervello sono anche implicati nell’Alzheimer. Tuttavia, non è chiaro in che modo sono collegati.

Gli autori dello studio recente non sono sicuri se il colesterolo alimentare abbia un ruolo nell’Alzheimer, poiché questo tipo di colesterolo non attraversa il cervello dal flusso sanguigno.

Quindi, anche se generalmente è buono per la tua salute mangiare una dieta equilibrata senza troppo colesterolo, la quantità di colesterolo consumata nella dieta non è considerata un problema per quanto riguarda il rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer.

Infatti, il coautore dello studio, il prof. Michele Vendruscolo – del Center for Misfolding Diseases dell’Università di Cambridge – afferma che non è il colesterolo in sé il problema.

“La domanda per noi ora”, dice, “non è come eliminare il colesterolo dal cervello, ma su come controllare il ruolo del colesterolo nella malattia di Alzheimer attraverso la regolazione della sua interazione con beta-amiloide. Non stiamo dicendo che il colesterolo è l’unico trigger per il processo di aggregazione, ma è certamente uno di questi. “

Il Prof. Vendruscolo spiega che il colesterolo viene spostato nell’organismo da appositi “carrier proteici” come ApoE, che, nella sua forma mutata, è stato anche studiato come un fattore di rischio per l’Alzheimer.

Nelle persone anziane, i portatori di proteine ​​sono meno efficaci, interrompendo il movimento del colesterolo nel corpo. Quindi, potrebbe essere possibile per gli scienziati in futuro progettare farmaci mirati a questo processo, aiutando a controllare l’equilibrio di colesterolo e beta-amiloide nel cervello.

“Questo lavoro ci ha aiutato a restringere una domanda specifica nel campo della ricerca sull’Alzheimer”, conclude il Prof. Vendruscolo.

“Ora dobbiamo capire in modo più dettagliato come viene mantenuto l’equilibrio del colesterolo nel cervello al fine di trovare modi per inattivare un trigger di aggregazione beta-amiloide”.

Like this post? Please share to your friends: