Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Il collutorio potrebbe metterti a rischio di diabete?

Per molti di noi, una sorsata di collutorio due volte al giorno fa parte della nostra routine di igiene orale. Ma secondo una nuova ricerca, questa pratica apparentemente benefica potrebbe rappresentare un rischio per la salute sorprendente: l’uso di collutorio potrebbe aumentare il rischio di diabete.

una donna che usa il collutorio

I ricercatori suggeriscono che l’uso del collutorio almeno due volte al giorno distrugge i batteri orali “amici”, che possono a loro volta alterare il metabolismo della glicemia e promuovere il diabete, in particolare per le persone che sono già ad alto rischio per la condizione.

Il coautore dello studio Rakesh P. Patel – del Dipartimento di Patologia e Centro per la Biologia Radicale Libera presso l’Università dell’Alabama a Birmingham – e colleghi hanno pubblicato i loro risultati sulla rivista.

Si stima che circa 30,3 milioni di persone negli Stati Uniti hanno il diabete, che è una condizione caratterizzata da alti livelli di glucosio nel sangue.

Altri 84,1 milioni di adulti negli Stati Uniti hanno prediabete, in cui i livelli di glucosio nel sangue sono più alti del normale ma non sono abbastanza alti da giustificare una diagnosi di diabete.

Essere sovrappeso è uno dei maggiori fattori di rischio per il diabete. Secondo il nuovo studio, la semplice pratica dell’uso del collutorio potrebbe esacerbare questo rischio.

Il rischio di diabete è aumentato del 55 percento

Gli scienziati hanno raggiunto i loro interessanti risultati analizzando i dati di 1.206 adulti sovrappeso o obesi di età compresa tra i 40 ei 65 anni. Tutti gli adulti facevano parte dello studio longitudinale di San Juan Overweight Adults ed erano esenti dal diabete e dalle principali malattie cardiovascolari al momento dello studio.

Come parte dello studio, ai partecipanti è stato chiesto con quale frequenza hanno usato il collutorio. Un totale del 43% dei soggetti ha affermato di aver usato il collutorio almeno una volta al giorno, mentre il 22% ha affermato di averlo usato almeno due volte al giorno.

Con una media di 3 anni di follow-up, il team ha monitorato lo sviluppo di prediabete o diabete tra i partecipanti. Un totale di 945 soggetti sono stati inclusi nell’analisi finale.

Rispetto ai partecipanti che non hanno usato il collutorio, quelli che hanno riferito di aver usato il collutorio almeno due volte al giorno avevano il 55% in più di probabilità di sviluppare prediabete o diabete nell’arco di 3 anni.

Non ci sono state associazioni tra l’uso di collutorio meno di due volte al giorno e il rischio di prediabete o diabete, riferiscono i ricercatori.

Questi risultati persistono dopo aver considerato una serie di possibili fattori confondenti, tra cui dieta, igiene orale, disturbi del sonno, uso di farmaci, livelli di glucosio a digiuno, reddito e livelli di istruzione.

Commentando le loro scoperte, Patel e colleghi scrivono:

“L’uso regolare frequente di collutori da banco è stato associato ad un aumentato rischio di sviluppare prediabete / diabete in questa popolazione”.

Il collutorio può distruggere i batteri orali “buoni”

Molti collutori contengono composti antibatterici – come la clorexidina – che uccidono i batteri per aiutare a prevenire gengiviti, carie e altre condizioni di salute orale.

Patel e colleghi sospettano che questi composti distruggano anche i “buoni” batteri nella bocca che sono importanti per la formazione dell’ossido nitrico, che è un composto chimico che aiuta a regolare l’insulina – l’ormone che controlla i livelli di zucchero nel sangue.

Pertanto, la distruzione di questi batteri benefici potrebbe favorire lo sviluppo del diabete.

Dato che più di 200 milioni di persone negli Stati Uniti usano collutorio, queste ultime scoperte potrebbero essere motivo di preoccupazione. Tuttavia, è importante notare che lo studio è puramente osservativo.

Patel e colleghi dicono che sono necessarie ulteriori ricerche per determinare se un prodotto per l’igiene orale apparentemente innocente è davvero un fattore di rischio per il diabete.

Like this post? Please share to your friends: