Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Il composto magico dei funghi può trattare una grave depressione

I ricercatori hanno scoperto che il composto psicoattivo nei funghi può essere utile per i pazienti con depressione grave che non rispondono alla terapia convenzionale.

funghi magici

Il prof. David Nutt, direttore dell’unità di Neuropsychopharmacology nella divisione di Brain Sciences presso l’Imperial College di Londra nel Regno Unito, è l’autore principale del documento di studio.

La ricerca è stata condotta dal primo autore Dr. Robin Carhart-Harris, che è a capo della ricerca psichedelica presso l’ICL, e le scoperte sono state pubblicate sulla rivista.

Il Dr. Carhart-Harris ed i suoi colleghi hanno esaminato l’effetto della psilocibina – che è un farmaco psichedelico che attiva i recettori del cervello per la serotonina, o l’ormone della “felicità” – in 19 pazienti nei quali le terapie anti-depressione convenzionali non hanno funzionato.

Come spiega, lo studio mostra “per la prima volta chiari cambiamenti nell’attività cerebrale nelle persone depresse trattate con psilocibina dopo non aver risposto ai trattamenti convenzionali”.

La psilocibina mostra benefici duraturi

I ricercatori hanno utilizzato la risonanza magnetica funzionale per analizzare l’attività cerebrale di queste persone sia prima che dopo il trattamento con psilocibina.

A tutti i pazienti era stata diagnosticata una depressione “resistente al trattamento” o grave. Come parte della ricerca, hanno ricevuto una dose di 10 milligrammi di psilocibina e un’altra dose di 25 milligrammi la settimana successiva. Ai partecipanti è stato anche chiesto di compilare un questionario clinico, in cui hanno riportato la loro esperienza.

Tutti i 19 pazienti hanno mostrato sintomi depressivi significativamente diminuiti 1 settimana dopo il trattamento. Dopo 5 settimane, 12 dei 19 pazienti hanno mostrato benefici duraturi e sono stati pertanto considerati “sensibili” al trattamento.

Le analisi dell’intero cervello eseguite dai ricercatori hanno mostrato una diminuzione del flusso sanguigno cerebrale nella corteccia temporale, inclusa l’amigdala a forma di mandorla, o il cosiddetto hub della paura del cervello, che elabora la nostra risposta “combatti o fuggi”.

La diminuzione del flusso sanguigno nell’amigdala era correlata con la diminuzione dei sintomi depressivi, e i ricercatori hanno anche scoperto un aumento della connettività funzionale a riposo, o stabilità, nella “rete in modalità predefinita” del cervello.

Un aumento dell’integrità di questa rete è stato precedentemente trovato associato alla depressione, quindi l’osservazione di questo dopo il trattamento è stata ritenuta intrigante dai ricercatori.

Gli psichedelici possono “resettare” il cervello

I risultati indicano un “meccanismo di ripristino”, suggeriscono gli autori, in cui le reti del cervello vengono separate e ricomposte.

“Molti dei nostri pazienti”, spiega il dottor Carhart-Harris, “descrissero il sentimento ‘resettare’ dopo il trattamento e usarono spesso analogie con il computer, ad esempio, sentì che il suo cervello era stato” deframmentato “come un disco rigido del computer, e un altro ha detto che si sentiva ‘riavviato’. “

“La psilocibina potrebbe essere dare questi individui la temporanea ‘calcio d’inizio’ hanno bisogno di uscire dalla loro stati depressivi, e questi risultati di imaging non provvisoriamente supportano un ‘reset’ analogia,” continua il dottor Carhart-Harris.

“Effetti cerebrali simili a questi sono stati osservati con la terapia elettroconvulsiva”, aggiunge.

“Attraverso la raccolta di dati […] di imaging siamo stati in grado di fornire una finestra sui postumi del trattamento della psilocibina nel cervello di pazienti con depressione cronica”, spiega il dott. Carhart-Harris.

“In base a ciò che sappiamo da vari studi di brain imaging con le sostanze psichedeliche, così come la presa ascolto di ciò che dice la gente sulle loro esperienze, può essere che le sostanze psichedeliche effettivamente ‘Reset’ le reti del cervello associate con la depressione, consentendo efficacemente loro di essere sollevato dallo stato depresso. “

Dr. Robin Carhart-Harris

Tuttavia, i ricercatori notano anche i limiti del loro studio. La dimensione del campione era piccola, non esisteva un gruppo di controllo e applicavano solo correzioni multiple di test in modo selettivo.

Pertanto, gli studi futuri dovrebbero “sfidare e sviluppare” i risultati di questa ricerca, scrivono gli autori.

Il Dr. Nutt concorda, affermando: “Sono necessari studi più ampi per vedere se questo effetto positivo può essere riprodotto in più pazienti, ma questi risultati iniziali sono eccitanti e forniscono un’altra strada terapeutica da esplorare”.

I ricercatori mettono anche in guardia contro i pazienti che cercano di assumere droghe da soli. Sottolineano che per utilizzare il composto psicoattivo ai fini del trattamento, è necessaria una speciale impostazione terapeutica.

Like this post? Please share to your friends: