Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Il controllo della pressione arteriosa dopo l’ictus “dimezza il rischio di recidiva”

Circa 750.000 americani hanno un ictus ogni anno. Di questi, il 5-14% avrà un secondo ictus entro 12 mesi. Ma una nuova ricerca suggerisce che se la pressione del sangue è costantemente controllata dopo un ictus iniziale, il rischio di un secondo potrebbe essere ridotto di oltre il 50%.

Il gruppo di ricerca, guidato dal dott. Amytis Towfighi della Keck School of Medicine presso l’Università della California, ha recentemente pubblicato le loro scoperte in un diario dell’American Heart Association.

L’alta pressione sanguigna è nota per essere un importante fattore di rischio per l’ictus. Secondo la National Stroke Association, quelli con pressione alta (140/90 mm / Hg o superiore) hanno una volta e mezzo più probabilità di avere un ictus rispetto a quelli con pressione sanguigna ottimale (120/80 mm / Hg).

Per il loro studio, i ricercatori volevano vedere se la riduzione della pressione arteriosa dopo un primo ictus avrebbe avuto un impatto sul rischio di ictus ricorrente.

Hanno valutato i dati dello studio Intervento di Vitamina per la prevenzione dell’ictus (VISP) che ha coinvolto 3.680 pazienti con ictus di età pari o superiore a 35 anni.

Tutti i partecipanti hanno misurato la pressione sanguigna alla linea di base dello studio, e di nuovo 1 mese e 6 mesi dopo, e successivamente ogni 6 mesi fino a 24 mesi. La loro pressione arteriosa era considerata “controllata” a 140/90 mm / Hg o inferiore.

“Non è abbastanza controllare la pressione sanguigna per un po ‘di tempo”

Durante il periodo di studio, meno del 30% dei pazienti con ictus ha avuto un controllo costante della pressione arteriosa oltre il 75% delle volte.

Di questi pazienti, quelli che avevano una pressione sanguigna alta al basale dello studio (definita come pressione sistolica superiore a 153 mm / Hg) hanno ridotto il rischio di subire un secondo ictus del 54%, rispetto ai pazienti con ictus che hanno mantenuto il controllo della pressione sanguigna 25 % del tempo.

Questi risultati sono stati veri anche dopo che il team ha preso in considerazione altri fattori, come l’età, il sesso e la storia di ictus e malattie cardiache.

I ricercatori hanno scoperto che i partecipanti che erano più propensi a mantenere il controllo della pressione sanguigna erano quelli con una storia di infarto. Il team dice che questo suggerisce che i pazienti e gli operatori sanitari potrebbero essere più consapevoli del controllo della pressione arteriosa dopo un infarto, ma sono meno coscienziosi dopo un ictus.

Commentando i risultati, il dott. Towfighi afferma:

“Non è abbastanza per controllare la pressione sanguigna una volta o l’altra: le medie non tengono conto della variabilità delle letture della pressione sanguigna da un controllo a quello successivo: le fluttuazioni della pressione arteriosa possono essere associate a un maggiore rischio cardiovascolare”.

Il monitoraggio a distanza potrebbe consentire un migliore controllo della pressione arteriosa

Il dott. Towfighi afferma che dal momento che un numero così limitato di pazienti colpiti da ictus in questo studio ha mantenuto il controllo della pressione sanguigna più del 75% delle volte, “si può solo immaginare quanto sia scarso il controllo della pressione sanguigna al di fuori del setting clinico”.

Fatti veloci su ictus

  • Ictus uccide quasi 130.000 americani ogni anno – l’equivalente di 1 su 19 morti.
  • Circa l’87% di tutti gli ictus sono ischemici – quando il flusso di sangue al cervello viene bloccato.
  • L’ictus costa agli Stati Uniti circa 36,5 miliardi di dollari l’anno, compresi i costi dei servizi di assistenza sanitaria, i farmaci per curare la condizione e i giorni di lavoro persi.

    Sulla base di questi risultati, il Dr. Towfighi afferma che potrebbero essere necessari cambiamenti nelle cure per garantire che i pazienti mantengano un controllo costante della pressione arteriosa. Aggiunge che anziché attendere le visite in clinica, i pazienti potrebbero controllare la propria pressione sanguigna a casa usando macchine in grado di trasmettere dati a distanza.

    Sembra esserci una crescente disponibilità di tali dispositivi. L’anno scorso, abbiamo riferito su un dispositivo di monitoraggio chiamato Scanadu Scout in grado di leggere i segni vitali di una persona in 10 secondi e inviarli a uno smartphone.

    Più di recente, i ricercatori hanno presentato un health tracker chiamato Wello – un case per smartphone che può anche misurare i parametri vitali chiave, tra cui la pressione sanguigna, la frequenza cardiaca e la temperatura.

    Oltre a monitorare e controllare costantemente la pressione sanguigna, il dott. Towfighi dice che i pazienti dovrebbero imparare come controllare i fattori di rischio generali per l’ictus.

    Osserva che ridurre l’assunzione di sale, seguire una dieta sana ricca di cereali integrali, frutta e verdura ed esercitarsi regolarmente può aiutare a ridurre il rischio di ictus.

    Like this post? Please share to your friends: