Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Il cyberbullismo “causa più pensieri suicidi nei bambini che non il bullismo tradizionale”

Il cyberbullismo è più strettamente correlato ai pensieri suicidi nei bambini e negli adolescenti rispetto al bullismo tradizionale, secondo una nuova analisi pubblicata nel 2006.

Alcune stime suggeriscono che – a seconda del paese di origine – tra il 5% e il 20% dei bambini sono vittime di bullismo fisico, verbale o di esclusione. Precedenti studi hanno anche confermato che il bullismo è un forte fattore di rischio per il suicidio adolescenziale.

Il suicidio è una delle principali cause di morte negli adolescenti in tutto il mondo. Negli Stati Uniti, circa il 20% degli adolescenti considera seriamente il suicidio e tra il 5% e l’8% degli adolescenti tenta di suicidarsi ogni anno.

La relazione tra cyberbullismo e suicidio è stata solo esplorata in alcuni studi, ma le prove hanno suggerito che il cyberbullismo è un pari fattore di rischio per l’ideazione suicidaria – pensieri sul suicidio – come il bullismo tradizionale.

La nuova analisi, condotta da ricercatori nei Paesi Bassi, mette alla prova queste prove rivedendo tutta la letteratura medica disponibile sull’argomento. Questa “meta-analisi” ha esaminato 34 studi incentrati sulla relazione tra bullismo e ideazione suicidaria, e nove studi sulla relazione tra bullismo e tentativi di suicidio.

I ricercatori hanno limitato le loro prove agli studi sulla “vittimizzazione tra pari”. Altri tipi di vittimizzazione, come assalto, abuso sessuale o rapina, non sono stati inclusi.

Hanno anche escluso alcuni studi che considerano l’autolesionismo, perché i motivi per cui qualcuno potrebbe autolesionismo possono essere diversi dai motivi per cui qualcuno potrebbe pensare di suicidarsi.

Anche la ricerca sui giovani negli ospedali o nei centri di detenzione minorile è stata omessa, perché i ricercatori volevano assicurarsi di poter generalizzare le loro scoperte alla popolazione abituale.

Complessivamente, la meta-analisi ha coinvolto 284.375 partecipanti.

La grande meta-analisi contraddice i risultati di alcuni precedenti studi individuali

I ricercatori hanno trovato un’associazione tra cyberbullismo e ideazione suicidaria in 70.102 dei partecipanti. La meta-analisi non ha rilevato differenze tra bambini e ragazzi più o meno giovani e ragazzi in quanto probabilmente avrebbero avuto pensieri suicidi.

Ciò contraddice alcuni studi individuali che avevano suggerito che le ragazze vittime avessero un immediato aumento del rischio di ideazione suicidaria, mentre i ragazzi potrebbero avere pensieri suicidi solo se subiscono episodi prolungati di bullismo.

Un’altra area in cui i risultati della meta-analisi differivano da alcuni studi individuali era l’estensione dell’associazione tra cyberbullismo e ideazione suicidaria.

Sebbene le prove precedenti abbiano indicato che il cyberbullismo ha un’uguale associazione con i pensieri suicidi come il bullismo tradizionale, la meta-analisi ha rilevato che l’associazione era più forte per il cyberbullismo.

Gli autori suggeriscono una ragione per questo:

“Potenzialmente, gli effetti del cyberbullismo sono più gravi perché un pubblico più ampio può essere raggiunto attraverso internet e il materiale può essere archiviato online, con il risultato che le vittime rivivono le esperienze denigratorie più spesso”.

Poiché gli studi nella meta-analisi hanno principalmente analizzato l’ideazione suicidaria, con alcuni studi sui tentativi di suicidio non riusciti, l’analisi non può spiegare con precisione in che modo il cyberbullismo potrebbe essere associato a bambini che si sono suicidati.

Tuttavia, i ricercatori riconoscono che “si pensa che l’ideazione suicidaria preceda invariabilmente i tentativi di suicidio, ei tentativi di suicidio sono il più noto fattore di rischio noto per il futuro suicidio reale”.

Gli autori concludono:

“Questa meta-analisi stabilisce che la vittimizzazione tra pari è un fattore di rischio di ideazione suicidaria e tentativi di suicidio: gli sforzi dovrebbero continuare a identificare e aiutare le vittime del bullismo, nonché a creare programmi di prevenzione e intervento di bullismo che funzionino”.

Like this post? Please share to your friends: