Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Il delirio indotto dall’ospedale può accelerare la demenza, lo studio trova

Molti anziani recentemente ospedalizzati sperimentano il delirio, una condizione in cui i pazienti diventano gravemente confusi e disorientati. Una nuova ricerca suggerisce che il delirio può avere effetti a lungo termine sul declino mentale dei pazienti, potenzialmente anche accelerando la demenza.

[anziana in ospedale]

Il delirium indotto dall’ospedale è una malattia spesso ignorata o sottodiagnosticata che colpisce un gran numero di pazienti senior.

La condizione è una forma temporanea di compromissione cognitiva che può durare tra pochi giorni e alcune settimane. Si ritiene che sia causato dai cambiamenti che derivano dall’ospedalizzazione, dall’isolamento e dalla sovra-medicazione.

Fino a un terzo dei pazienti di età superiore ai 70 anni sperimentano il delirio e quelli che hanno un intervento chirurgico o nel reparto di terapia intensiva sono interessati a un tasso più elevato.

Fino a poco tempo fa, la condizione era stata considerata normale e semplicemente ridotta alla vecchiaia. Sempre più ricerche, tuttavia, dimostrano che sebbene comune, la condizione non è normale. Può avere effetti cognitivi negativi a lungo termine e può a volte portare a complicazioni, come coaguli di sangue o polmonite.

I ricercatori dell’University College di Londra (UCL) e dell’Università di Cambridge, entrambi nel Regno Unito, hanno cercato di indagare se esistesse un legame tra il declino cognitivo post-delirio e il progresso patologico della demenza.

Gli scienziati sono stati guidati dal dott. Daniel Davis, dell’Unità MRC per la salute e l’invecchiamento della UCL, e i risultati sono stati pubblicati sulla rivista

Esaminando il legame tra delirio e demenza

Davis e il team hanno esaminato il cervello e le capacità cognitive di 987 donatori di cervello da tre studi basati sulla popolazione in Finlandia e nel Regno Unito. I partecipanti avevano 65 anni e più.

Lo studio ha incluso valutazioni neuropatologiche eseguite da investigatori che sono stati accecati dai dati clinici.

Prima della morte, i donatori cerebrali sono stati seguiti per una media di 5,2 anni, durante i quali i ricercatori hanno registrato l’esperienza del delirio di ogni individuo usando interviste.

Hanno valutato le capacità cognitive dei partecipanti e il declino cognitivo utilizzando il punteggio Mini-Mental State Examination.

Dopo la morte, i ricercatori hanno eseguito autopsie del cervello per individuare i marker neuropatologici della demenza – come i grovigli neurofibrillari e le placche di amiloide neocorticali, così come le caratteristiche patologiche del corpo vascolare e di Lewy – nella sostanza del cervello.

Dei 987 partecipanti, 279 (28%) hanno avuto una storia di delirio.

I ricercatori hanno quindi esaminato il tasso di declino cognitivo e il modo in cui ha interagito con il carico patologico di demenza e delirio.

Il trattamento del delirio può “ritardare o ridurre” la demenza

Complessivamente, il declino più lento è stato osservato in individui senza storia di delirio e il più basso carico patologico di demenza, mentre il declino cognitivo più rapido è stato osservato in quelli con delirio e del disturbo da demenza.

È interessante notare che sia il delirio che la demenza caratteristiche neuropatologiche prese insieme erano associate a un tasso di declino cognitivo molto più alto di quello che è normalmente previsto per i processi neuropatologici associati a delirio o demenza presi singolarmente.

Come spiegano gli autori, “questo significa che il delirio può essere indipendentemente associato a processi patologici che guidano il declino cognitivo, che sono diversi dai processi patologici della demenza classica”.

Anche se sono necessarie ulteriori ricerche per spiegare esattamente come il delirio possa causare la demenza, il dott. Davis sottolinea l’importanza dello studio e le sue conseguenze sul modo in cui comprendiamo e trattiamo questa forma di menomazione mentale temporanea.

“Sfortunatamente, la maggior parte del delirio non viene riconosciuta: negli ospedali affollati, un improvviso cambiamento di confusione [potrebbe] non essere notato dal personale ospedaliero [come] i pazienti possono essere trasferiti più volte e il personale cambia spesso […]. lesioni cerebrali a breve e lungo termine, quindi dobbiamo aumentare i nostri sforzi per diagnosticare, prevenire e curare il delirio e, in ultima analisi, mirare al delirio potrebbe essere un’occasione per ritardare o ridurre la demenza “.

Scopri in che modo l’ipertensione a insorgenza tardiva può ridurre il rischio di demenza.

Like this post? Please share to your friends: