Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Il diabete di tipo 2 è “reversibile attraverso la perdita di peso”

Molti medici e pazienti non si rendono conto che la perdita di peso può invertire il diabete di tipo 2. Invece, è diffusa la convinzione che la malattia sia “progressiva e incurabile”, secondo un nuovo rapporto pubblicato nel.

avendo controllato la glicemia

Questo nonostante ci siano “prove consistenti” che spargono circa 33 libbre (15 chilogrammi) spesso producono “remissione totale” del diabete di tipo 2, notate il Prof. Mike E. J. Lean e altri ricercatori dell’Università di Glasgow nel Regno Unito.

La spinta del loro articolo è che una maggiore consapevolezza, combinata con una migliore registrazione e monitoraggio delle remissioni, potrebbe portare molti più pazienti a non dover più vivere con il diabete di tipo 2 e una massiccia riduzione dei costi sanitari.

Il peso globale del diabete di tipo 2 è quasi quadruplicato negli ultimi 35 anni. Nel 1980 c’erano circa 108 milioni di persone affette dalla malattia e nel 2014 questo numero era salito a 422 milioni.

La maggior parte dei casi di diabete è il diabete di tipo 2, che è una malattia che si verifica quando il corpo diventa meno efficace nell’uso di insulina per aiutare le cellule a convertire lo zucchero nel sangue o il glucosio in energia. L’eccesso di peso corporeo è la causa principale di questo tipo di diabete.

Negli Stati Uniti, circa 30,3 milioni di persone, pari a circa il 9,4% della popolazione, hanno il diabete, compresi circa 7,2 milioni di persone che non se ne rendono conto.

I conti del diabete per una parte elevata del conto nazionale per prendersi cura dei malati. Il costo totale diretto e indiretto del diabete diagnosticato negli Stati Uniti è stato stimato in 245 miliardi di dollari nel 2012.

In quell’anno, della spesa medica media di $ 13.700 per le persone con diagnosi di diabete, più della metà (circa $ 7.900) è stata direttamente attribuita alla malattia.

Il trattamento si concentra sulla droga

Il prof. Lean e colleghi osservano che le attuali linee guida gestionali per il diabete di tipo 2 si concentrano sulla riduzione dei livelli di zucchero nel sangue e dei rischi cardiovascolari principalmente attraverso l’uso di farmaci antidiabetici, con un solo approccio alle raccomandazioni dietetiche e sullo stile di vita.

Il risultato è che molti pazienti sviluppano ulteriori problemi di salute e vivono, in media, 6 anni in meno rispetto alle persone che non hanno il diabete.

Nel frattempo, mentre la remissione della malattia “è chiaramente raggiungibile per alcuni, forse molti, pazienti”, gli autori sottolineano che al momento è “molto raramente raggiunto o registrato”.

Ad esempio, evidenziano uno studio statunitense che ha seguito 120.000 pazienti nell’arco di 7 anni e ha rilevato che solo lo 0,14% di essi sono stati registrati come remissioni.

Un altro esempio è quello del database di informazioni sulla cura della Scozia, che contiene i record per ogni paziente in Scozia. Mostra che solo lo 0,1 percento dei pazienti con diabete di tipo 2 sono codificati come in remissione.

È necessaria una guida di programmazione migliore

Parte del problema, sostengono gli autori dello studio, è che i medici esitano a codificare i pazienti come in fase di remissione a causa della mancanza di criteri e orientamenti concordati.

Tuttavia, suggeriscono che la principale causa probabile di registrazione a bassa remissione nel diabete di tipo 2 è che pochi pazienti stanno effettivamente cercando di raggiungerlo.

Esortano le autorità sanitarie in tutto il mondo a concordare linee guida più chiare su come misurare la remissione del diabete di tipo 2 e assicurarsi che sia ufficialmente registrato.

“Una codifica appropriata”, notano, “renderà possibile monitorare i progressi verso il raggiungimento della remissione del diabete di tipo 2 a livello nazionale e internazionale e migliorare le previsioni di risultati a lungo termine sulla salute per i pazienti con una durata nota di remissione”.

Chiari benefici per i pazienti

Una migliore codifica potrebbe anche aumentare la consapevolezza e portare più persone a cercare di invertire la condizione, ad esempio perdendo peso, piuttosto che accettare di dover convivere con essa.

Non solo ci sono chiari benefici sulla salute per invertire il diabete di tipo 2, ma può anche dare alle persone un senso di realizzazione e potenziamento.

Inoltre, rimuove lo stigma di essere etichettato come “diabetico” e può anche portare a premi più bassi per l’assicurazione sanitaria, l’assicurazione di viaggio e le ipoteche.

“Riconoscere e codificare accuratamente l’inversione del diabete di tipo 2 è la chiave per migliorare i risultati e ridurre i costi sanitari”.

Like this post? Please share to your friends: