Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Il digiuno: benefici per la salute e rischi

Il digiuno è comunemente associato al mese del Ramadan. Mentre leggi questo, miliardi di musulmani in tutto il mondo si impegnano in questa dichiarazione di fede che prevede l’astensione dal cibo e dalle bevande dall’alba al tramonto. Mentre il digiuno per il Ramadan è legato alle credenze spirituali, molti di noi scelgono di digiunare credendo che sia di beneficio alla nostra salute. Ma lo fa?

Luogo impostazione

Negli ultimi anni, numerosi studi hanno suggerito che il digiuno intermittente – astenendosi o riducendo l’assunzione di cibo e bevande periodicamente – può essere un bene per noi, rendendolo uno dei trend dietetici più popolari in tutto il mondo.

Una delle diete a digiuno intermittenti più conosciute è la 5: 2 Fast Diet – un piano che prevede di assumere l’apporto calorico consigliato per 5 giorni a settimana, riducendo l’apporto calorico al 25% per i restanti 2 giorni – a 500 calorie al giorno per le donne e 600 al giorno per gli uomini.

Secondo il dott. Michael Mosley, autore di libri, questo piano alimentare non solo aiuta le persone a perdere peso, ma offre una serie di altri benefici per la salute.

“Gli studi sul digiuno intermittente mostrano che non solo le persone vedono miglioramenti nella pressione sanguigna e nei loro livelli di colesterolo, ma anche nella loro sensibilità all’insulina”, aggiunge.

Nel giugno 2014, ad esempio, riportato su uno studio che suggerisce il digiuno periodico, definito nello studio come 1 giorno di digiuno solo per acqua a settimana, può ridurre il rischio di diabete tra le persone ad alto rischio per la condizione.

Un altro studio, condotto dal dott. Valter Longo e colleghi della University of Southern California (USC) di Los Angeles, ha rilevato periodi di digiuno più lunghi – 2-4 giorni – potrebbe addirittura “riavviare” il sistema immunitario, eliminando le vecchie cellule immunitarie e rigenerandone di nuovi – un processo che dicono potrebbe proteggere dal danno cellulare causato da fattori come l’invecchiamento e la chemioterapia.

Ma quali sono i meccanismi alla base dei benefici per la salute suggeriti dal digiuno?

I potenziali benefici del digiuno intermittente

Poiché il corpo non è in grado di ottenere energia dal cibo durante il digiuno, si immerge nel glucosio immagazzinato nel fegato e nei muscoli. Inizia circa 8 ore dopo l’ultimo pasto consumato.

Quando il glucosio immagazzinato è stato esaurito, il corpo inizia a bruciare i grassi come fonte di energia, con conseguente perdita di peso.

Oltre a favorire la perdita di peso, il Dr. Razeen Mahroof, dell’Università di Oxford nel Regno Unito, spiega che l’uso di grassi per l’energia può aiutare a preservare i muscoli e ridurre i livelli di colesterolo.

Una donna con un metro a nastro intorno alla bocca

“Si verifica anche un processo di disintossicazione, perché tutte le tossine immagazzinate nel grasso corporeo vengono sciolte e rimosse dal corpo”, aggiunge, osservando che dopo alcuni giorni di digiuno, vengono prodotti livelli più alti di endorfine – gli ormoni del “benessere” – nel sangue, che può avere un impatto positivo sul benessere mentale.

Come accennato in precedenza, lo studio del dott. Longo e colleghi suggerisce che il digiuno prolungato può anche essere efficace per rigenerare le cellule immunitarie.

“Quando muori di fame, il sistema cerca di risparmiare energia, e una delle cose che può fare per risparmiare energia è riciclare molte delle cellule immunitarie che non sono necessarie, specialmente quelle che potrebbero essere danneggiate”, spiega il dott. Longo.

Nel loro studio, pubblicato sulla rivista, il team ha scoperto che cicli ripetuti di 2-4 giorni senza cibo in un periodo di 6 mesi hanno distrutto le cellule immunitarie vecchie e danneggiate nei topi e ne hanno generate di nuove.

Inoltre, il team ha scoperto che i malati di cancro che digiunavano per 3 giorni prima della chemioterapia erano protetti contro i danni del sistema immunitario che possono essere causati dal trattamento, che essi attribuiscono alla rigenerazione delle cellule immunitarie.

“La buona notizia è che il corpo si è liberato delle parti del sistema che potrebbero essere danneggiate o vecchie, le parti inefficienti, durante il digiuno”, afferma Dr Longo. “Ora, se inizi con un sistema pesantemente danneggiato dalla chemioterapia o dall’invecchiamento, i cicli del digiuno possono generare, letteralmente, un nuovo sistema immunitario.”

Con i potenziali benefici per la salute del digiuno ampiamente acclamato dai nutrizionisti di tutto il mondo, non c’è da meravigliarsi se molti di noi stanno mettendo da parte il nostro amore per il cibo per provarlo.

Ma il digiuno intermittente non è tutto campanello e fischietti, secondo alcuni ricercatori e operatori sanitari, e ci sono alcune persone che dovrebbero evitare del tutto la dieta.

I rischi per la salute del digiuno

Secondo il National Health Service (NHS) del Regno Unito, esistono numerosi rischi per la salute associati al digiuno intermittente.

Le persone che digiunano comunemente soffrono di disidratazione, in gran parte perché il loro corpo non riceve alcun liquido dal cibo. Come tale, si raccomanda che durante il Ramadan, i musulmani consumino molta acqua prima dei periodi di digiuno. Altre persone che seguono diete a digiuno dovrebbero assicurarsi di essere adeguatamente idratate durante i periodi di digiuno.

Se sei abituato a fare colazione, pranzo, cena e spuntini, i periodi di digiuno possono essere una grande sfida. Come tale, il digiuno può aumentare i livelli di stress e interrompere il sonno. La disidratazione, la fame o la mancanza di sonno durante un periodo di digiuno possono anche portare a mal di testa.

Il digiuno può anche causare il bruciore di stomaco; la mancanza di cibo porta ad una riduzione dell’acido gastrico, che digerisce il cibo e distrugge i batteri. Ma odorare il cibo o anche pensarci durante i periodi di digiuno può indurre il cervello a dire allo stomaco di produrre più acido, portando al bruciore di stomaco.

Mentre molti nutrizionisti affermano che il digiuno intermittente è un buon modo per perdere peso, alcuni operatori sanitari ritengono che una tale dieta sia inefficace per la perdita di peso a lungo termine.

“L’appello è che [il digiuno] è veloce, ma è una rapida perdita di liquidi, non una sostanziale perdita di peso”, dice Madelyn Fernstrom, PhD, del Centro di gestione della perdita di peso dell’Università di Pittsburgh Medical Center.”Se è facile, tornerà rapidamente – non appena inizierai a mangiare normalmente di nuovo”.

“La mia esperienza è stata che [questo] modo di mangiare non produce perdita di peso anche a breve termine”, ha detto la dietista e autrice di Katherine Tallmadge nel 2013.

Alcuni operatori sanitari ritengono che il digiuno intermittente possa allontanare le persone da raccomandazioni alimentari sane, come mangiare cinque porzioni di frutta e verdura al giorno. Molti temono il digiuno possono anche innescare disturbi alimentari o abbuffate.

In un blog per l’anno scorso, l’esperto di fitness e nutrizione JJ Virgin ha scritto:

“La mentalità ‘qualsiasi cosa vada’ che alcuni esperti permettono durante lo stato di nutrizione potrebbe portare qualcuno a mangiare troppo, creando sensi di colpa, vergogna e altri problemi che peggiorano solo col tempo. Per chi soffre di disturbi alimentari o psicologici, il digiuno intermittente potrebbe diventare un stampella per amplificare questi problemi. “

Mentre il dott. Mosely dice che non ci sono prove che suggeriscano che la dieta veloce 5: 2 sia associata a disturbi alimentari, egli sottolinea che le persone che hanno disturbi alimentari non devono impegnarsi in un digiuno intermittente.

Altre persone che non dovrebbero seguire questa dieta includono persone sottopeso, individui di età inferiore ai 18 anni, donne incinte, persone con diabete di tipo 1 e individui che si stanno riprendendo da un intervento chirurgico.

Potremmo raccogliere i frutti del digiuno senza digiunare?

Mentre il digiuno intermittente può avere rischi per la salute, i nutrizionisti sostengono che può essere utile per noi se gli individui si consultano con i loro medici prima di adottare una dieta del genere e aderire correttamente.

Ma potrebbe esserci un modo per raccogliere i potenziali benefici per la salute del digiuno senza in realtà dover digiunare? Il dottor Longo ci crede.

Donna che mangia in modo sano

All’inizio di questa settimana, il dott. Longo e colleghi della USC hanno pubblicato uno studio sulla rivista che rivelava come una dieta che imita il digiuno (FMD) ha innescato la rigenerazione delle cellule immunitarie e ha prolungato la vita dei topi.

Inoltre, testando la dieta sugli esseri umani – che l’hanno osservata per soli 5 giorni al mese per 3 mesi – hanno riscontrato una riduzione di una serie di fattori di rischio associati all’invecchiamento, alle malattie cardiovascolari (CVD), al diabete e al cancro.

L’FMD è a basso contenuto proteico, a basso contenuto di grassi malsani e ad alto contenuto di grassi sani, secondo i ricercatori. Stimola i marcatori legati al digiuno, come bassi livelli di glucosio e alti livelli di corpi chetonici, al fine di imitare gli effetti del digiuno prolungato.

Il dott. Longo e colleghi dicono che la loro dieta potrebbe promuovere la rigenerazione e la longevità delle cellule immunitarie associate al digiuno senza la necessità di restrizioni alimentari e dei potenziali effetti avversi che ne derivano.

“Sebbene i risultati clinici richiederanno la conferma di uno studio randomizzato più ampio,” aggiungono, “gli effetti dei cicli di afta epizootica sui biomarcatori / fattori di rischio per l’invecchiamento, il cancro, il diabete e la malattia cardiovascolare, unitamente all’altissima compliance alla dieta e al suo sicurezza, indicano che questa strategia dietetica periodica ha un alto potenziale per essere efficace nel promuovere la salute umana “.

Il team spera che i medici un giorno abbiano la possibilità di prescrivere questa dieta ai pazienti. “Questo è probabilmente il primo intervento antinvecchiamento e di promozione della salute preclinico e clinicamente testato non clinico dimostrato di funzionare e di essere molto fattibile come un intervento medico o dietetico-sorvegliato”, afferma Dr Longo.

Potrebbe essere un po ‘di tempo prima che l’FMD ottenga l’approvazione dalla FDA (Food and Drug Administration) statunitense per uso clinico. Innanzitutto, il team ha bisogno di sottoporre la dieta a un rigoroso processo di test.

Sono necessarie ulteriori ricerche per ottenere una migliore comprensione dei benefici esatti e dei rischi che la FMD pone, e questo sembra essere il caso delle diete a digiuno esistenti. Una cosa è chiara, tuttavia; parla con il tuo medico prima di iniziare qualsiasi forma di digiuno.

Like this post? Please share to your friends: