Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Il dolcificante dietetico può causare un aumento di peso

L’aspartame è un comune sostituto dello zucchero usato come dolcificante in molti cibi e bevande preparati, in particolare nella dieta alimentare. È una scelta comune per coloro che cercano di perdere peso, in quanto riduce il numero di calorie nel cibo. Tuttavia, una nuova ricerca suggerisce che il dolcificante potrebbe essere inefficace per la perdita di peso e potrebbe anche avere l’effetto opposto.

[Un bicchiere di soda e una cannuccia]

Alcune ricerche indicano che anche l’assunzione giornaliera di aspartame, accettabile come regolamentata dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti, potrebbe renderti più affamato e portare ad un aumento di peso.

Altri studi sui roditori hanno dimostrato che, rispetto allo zucchero, gli edulcoranti come la saccarina e l’aspartame causano un aumento di peso invece della perdita di peso.

I motivi per cui ciò può accadere non sono del tutto chiari, ma un team di ricercatori del Massachusetts General Hospital ha deciso di indagare perché l’aspartame non promuove la perdita di peso.

La loro ricerca – pubblicata sulla rivista – suggerisce che uno dei metaboliti dell’aspartame possa avere un ruolo.

I ricercatori sono stati guidati dal dott. Richard Hodin, del dipartimento di chirurgia generale del Massachusetts General Hospital.

Studiare l’assunzione di aspartame nei topi

Uno dei prodotti di degradazione dell’aspartame è la fenilalanina, un inibitore dell’enzima intestinale chiamato fosfatasi alcalina intestinale (IAP) che ha dimostrato di prevenire la sindrome metabolica nei topi.

La sindrome metabolica è un nome generico dato a sintomi di gruppo associati al diabete di tipo 2, alle malattie cardiovascolari e all’obesità.

Il Dr. Hodin e il team avevano condotto ricerche precedenti in cui nutrivano l’IAP con topi sottoposti a una dieta ricca di grassi. Hanno scoperto che la IAP può prevenire l’insorgenza della sindrome metabolica, oltre a ridurre i sintomi negli animali che già avevano la condizione.

Sulla base di questa nota relazione tra IAP, fenilalanina e aspartame, i ricercatori hanno ipotizzato che il consumo di aspartame possa favorire la sindrome metabolica a causa della sua inibizione della fenilalanina.

Per lo studio, i ricercatori hanno aggiunto l’aspartame alla dieta e alla soda regolare, prima di misurare l’attività IAP nei topi.

Gli scienziati hanno usato quattro gruppi di topi. Due gruppi sono stati sottoposti a una dieta normale, con un gruppo che ha ricevuto acqua da bere con aspartame e l’altra semplicemente acqua. Gli altri due gruppi sono stati sottoposti a una dieta ricca di grassi, con un gruppo che ha ottenuto acqua naturale e l’altro che ha preso l’acqua con l’aspartame.

Il gruppo di dieta normale che ha ricevuto l’aspartame ha consumato l’equivalente di 3 ½ lattine di soda dietetica ogni giorno. Il gruppo che era a dieta ricca di grassi ha ricevuto l’aspartame in dosi l’equivalente di quasi due lattine di soda dietetica.

I topi sono stati monitorati per 18 settimane.

L’aspartame non aiuta con la perdita di peso

Il Dr. Hodin e il team hanno scoperto che l’attività IAP era ridotta quando veniva aggiunta a una bevanda contenente aspartame, ma i livelli di IAP rimanevano gli stessi quando l’IAP veniva aggiunto a una bevanda contenente zucchero.

I ricercatori hanno iniettato aspartame nell’intestino tenue dei topi, dove normalmente viene prodotto lo IAP. Hanno trovato questo ridotto livello di IAP.

I ricercatori hanno anche iniettato soluzione salina nei segmenti intestinali, ma l’attività IAP è rimasta la stessa.

Alla fine del periodo di 18 settimane, non vi era alcuna differenza significativa tra i pesi dei due gruppi che venivano nutriti con una dieta regolare.

Tuttavia, i topi con una dieta ricca di grassi che hanno ricevuto aspartame hanno guadagnato più peso rispetto ai topi che non hanno ricevuto l’aspartame.

I topi che hanno ricevuto il dolcificante avevano anche un livello di zucchero nel sangue più alto di quelli senza aspartame.

Avevano anche livelli più alti della proteina infiammatoria del TNF-alfa nel loro sangue, che di solito è associata alla sindrome metabolica.

“I sostituti dello zucchero come l’aspartame sono progettati per promuovere la perdita di peso e ridurre l’incidenza della sindrome metabolica, ma alcuni studi clinici ed epidemiologici hanno suggerito che questi prodotti non funzionano molto bene e potrebbero peggiorare le cose”, afferma il dott. Hodin .

L’aspartame blocca l’enzima che previene l’obesità

All’interno del corpo umano, l’aspartame viene metabolizzato e scomposto in fenilalanina, acido aspartico e metanolo. La fenilalanina e l’acido aspartico sono aminoacidi che sono naturalmente presenti in molti alimenti contenenti proteine.

Tuttavia, la fenilalanina inibisce la produzione di IAP.

“Pensiamo che l’aspartame potrebbe non funzionare perché, anche se sostituisce lo zucchero, blocca gli aspetti benefici della IAP”, afferma il dott. Hodin.

“Le persone non capiscono davvero perché questi dolcificanti artificiali non funzionano, ci sono alcune prove che possono effettivamente farti più affamato e possono essere associati ad un maggiore consumo calorico.Le nostre scoperte sull’inibizione dell’API dell’aspartame possono aiutare a spiegare perché l’uso dell’aspartame è controproducente “.

Dr. Richard Hodin

Mentre i ricercatori ammettono che altri fattori che contribuiscono possono svolgere un ruolo, il dott. Hodin sottolinea che i risultati “mostrano chiaramente che l’aspartame blocca l’attività della IAP, indipendentemente da altri effetti”.

Leggi come lo scambio di una soda per l’acqua può ridurre l’aumento di peso.

Like this post? Please share to your friends: