Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Il dolore alle gambe può significare pericolo di cuore, dice Esperto

David Dow pensava di avere problemi alla schiena e di conseguenza le gambe gli facevano male. A quanto pare, quel dolore potrebbe aver salvato la sua vita.

Un bambino di 57 anni, altrimenti sano, pensava di aver solo bisogno di imparare alcuni esercizi di rinforzo della schiena, così ha trovato un personal trainer per aiutarlo. Ma nonostante gli allenamenti, il dolore alle gambe è peggiorato, rendendo difficile per lui persino camminare dalla macchina all’ingresso del negozio di alimentari. Lui e l’allenatore sospettavano che qualcos’altro fosse sbagliato e cercò il consiglio del suo medico.

Ben presto le prove del dottore rivelarono la vera causa: blocchi nei vasi sanguigni delle sue gambe. In effetti, le arterie che andavano ai suoi arti inferiori erano bloccate quasi al 100%. La causa? Anni di fumo pesante e pasti ad alto contenuto di grassi, e altri fattori avevano causato la formazione di colesterolo, tessuto cicatriziale e coaguli di sangue all’interno dei suoi vasi sanguigni.

La maggior parte delle persone pensa che questo tipo di malattia delle arterie intasate, o arteriosclerosi, avvenga solo nel cuore. Ma come dimostra il caso di Dow, può succedere in tutto il corpo. Quando lo fa, si chiama malattia arteriosa periferica, o PAD.

E in alcune persone, il PAD causa dolore alle gambe che agisce come un ‘allarme precoce’ che qualcuno è ad alto rischio di infarto o ictus, dice un esperto del Centro cardiovascolare dell’Università del Michigan.

L'uomo tiene la gamba mentre soffre di dolore alle gambe
Il dolore alle gambe potrebbe essere un segno di possibile arteriopatia periferica.

“Questo è il segno distintivo di una malattia che è finita”, dice James Stanley, M.D., direttore dell’U-M CVC e del chirurgo vascolare che operò su Dow. “È come i capelli grigi che non ti piacciono solo su un lato della testa, quindi se hai questo tipo di blocco nella gamba, avrai altri luoghi”.

Infatti, circa un quarto delle persone che hanno dolori alle gambe a causa di PAD saranno morti in cinque anni, principalmente a causa di attacchi di cuore e altri problemi cardiaci, dice Stanley. Per gente come Dow, il cui dolore alle gambe ha impedito loro di camminare anche a breve distanza, le probabilità sono anche peggiori: almeno la metà morirà entro cinque anni.

Fortunatamente, Dow è stato diagnosticato e curato prima che ciò accadesse a lui. Stanley eseguì un’operazione di bypass per aprire le arterie della gamba bloccate, simili ai bypass che i pazienti cardiaci hanno. Un recente controllo ha mostrato che sta andando bene.

“Certo, è un campanello d’allarme”, dice Dow, che ha smesso di fumare e ha cambiato le sue abitudini alimentari. “Sai quel vecchio detto, ‘Dove c’è fumo, c’è il fuoco’? Sono sicuro che non solo ho i problemi vascolari nelle mie estremità inferiori, ma sono sicuro di averli in altre parti del mio corpo.”

Dow non è il solo, dice Stanley, che ha operato su migliaia di pazienti con PAD grave nei suoi decenni come professore di chirurgia vascolare presso la U-M Medical School. Quasi 30 milioni di persone negli Stati Uniti hanno una qualche forma di PAD, anche se la stragrande maggioranza sono casi “silenziosi” che non causano sintomi. Tra le persone di età superiore ai 70 anni, quasi una persona su cinque ha PAD.

Chi è più a rischio per PAD? Persone oltre i 50, fumatori, persone con diabete, persone con pressione alta, persone con colesterolo alto e persone in sovrappeso o obese, spiega Stanley. In altre parole, è lo stesso gruppo di individui che hanno un alto rischio di infarto e ictus.

Prevenire la malattia arteriosa periferica

Il consiglio per prevenire la PAD, o fermarla prima che diventi serio, è in gran parte lo stesso del consiglio per prevenire un infarto o ictus: smettere di fumare, mangiare sano, fare più esercizio fisico, controllare la glicemia se si ha il diabete, perdere peso e controlli i livelli di pressione sanguigna e di colesterolo. E chiedi al tuo medico se dovresti assumere un’aspirina giornaliera per prevenire coaguli o farmaci per ridurre la pressione sanguigna e il colesterolo.

Anche se il PAD fa male alle gambe o si sente stanco quando cammina o fa un sintomo che i dottori chiamano “claudicazione” che sembra un crampo tipo “Charlie horse”, una delle cose migliori da fare è camminare di più, dice Stanley.

“Più un paziente cammina, più è probabile che svilupperanno piccoli vasi sanguigni” di deviazione “, chiamati vasi” collaterali “, attorno all’ostruzione”, spiega. La grande maggioranza delle persone può sviluppare questi vasi che alleviano il dolore.

Ma in alcune persone, la PAD è già diventata abbastanza grave da causare dolore o intorpidimento anche quando la persona dorme qualcosa chiamato “dolore di riposo”. Stanley dice che questo dolore spesso risveglia i pazienti dal sonno. Il più delle volte si verifica nella pianta dei piedi e può sembrare che qualcuno abbia avvolto una benda intorno al piede. Questo livello di sintomi è inquietante, dice, perché indica un blocco più grave senza adeguati vasi collaterali.

Un altro segno di grave PAD è lo sviluppo di ulcere dolorose, o ulcere, sui piedi e dei piedi. Questi si verificano perché il flusso di sangue verso la parte inferiore della gamba non è sufficiente per nutrire il tessuto, e inizia a scomparire. Le persone con diabete, i cui corpi hanno un tempo particolarmente difficile a guarire tali ulcere, sono più a rischio. Se non trattate, le ulcere della pelle possono peggiorare e persino trasformarsi in cancrena che spesso porta all’amputazione.

La stragrande maggioranza dei casi di PAD non è affatto vicina a questo grave. Ma le persone che non ricevono aiuto per i sintomi quando iniziano per la prima volta possono trovare il loro problema peggiorare nel tempo.

Quindi, Stanley raccomanda che chiunque abbia fastidio alle gambe o alle gambe, specialmente un nuovo dolore che dura più di una settimana, dovrebbe parlare con un medico. Lei o lui potrebbe eseguire un esame Doppler un test ultrasonoro indolore, non invasivo che rileva la pressione sanguigna alle estremità.

Il test Doppler può dire se qualcuno ha PAD e quanto male potrebbe essere il blocco.A seconda del risultato, il medico potrebbe raccomandare un MRA (arecografia a risonanza magnetica) della gamba o un arteriogramma convenzionale che prevede l’iniezione di colorante nelle arterie della gamba attraverso un dispositivo chiamato catetere.

Se viene rilevato un grave blocco, come nel caso di Dow, ci sono diverse opzioni. Due sono simili a quelli per i pazienti cardiopatici: una procedura minimamente invasiva come un’angioplastica che apre blocchi con un palloncino minuscolo, o un intervento chirurgico di bypass per posizionare un nuovo innesto per trasportare il sangue nell’area bloccata.

Ci sono anche nuove promettenti opzioni all’orizzonte, per aiutare il corpo a far crescere nuovi vasi sanguigni nell’area bloccata. L’U-M CVC è il primo posto al mondo in cui i pazienti con PAD severa possono fare volontariato per un nuovo trattamento sperimentale di terapia genica chiamato MultiGeneAngio.

Lo studio MultiGeneAngio prende le cellule da una vena nel braccio del paziente, aggiunge nuovi geni che favoriscono la crescita dei vasi sanguigni e quindi inietta le cellule nell’arteria bloccata usando una tecnica minimamente invasiva. Al momento, è ancora testato per la sicurezza e per trovare la giusta dose di cellule, dice Michael Grossman, M.D., il cardiologo interventista U-M che sta conducendo lo studio presso l’U-M. Ma se lo studio si rivela efficace, un giorno potrebbe diventare una nuova opzione terapeutica per i pazienti.

Fino a quel giorno, l’arma migliore contro PAD è una migliore conoscenza del fatto che il dolore alle gambe è più di un inconveniente. “Se uno ha PAD ci sono due problemi”, dice Stanley. “Cosa succede alla tua gamba e cosa succede alla tua vita.”

Cos’è la malattia arteriosa periferica (PAD)?

  • La malattia arteriosa periferica, o PAD, è talvolta chiamata malattia vascolare periferica. Entrambi i nomi descrivono il blocco dei vasi sanguigni nelle parti periferiche del corpo, lontano dal cuore.
  • I blocchi sono causati dall’accumulo di colesterolo, tessuto cicatriziale e coaguli di sangue all’interno del vaso sanguigno – la stessa cosa che accade nei vasi sanguigni che alimentano il cuore.
  • La PAD interferisce con il flusso di sangue verso le gambe e i piedi, che può causare dolore o intorpidimento alle gambe. Quando il dolore si verifica mentre una persona cammina o si esercita, si chiama claudicatio. Quando si verifica quando una persona sta dormendo, si chiama dolore di riposo.
  • Blocchi simili nel cuore o nel cervello possono causare infarto o ictus.
  • Le persone con PAD, in particolare il PAD che causa dolore, hanno un rischio molto più alto del normale di avere un infarto o ictus. PAD è considerato un segnale di avvertimento per problemi più gravi e potenzialmente letali.
  • È più probabile che la PAD si sviluppi in persone che hanno una tendenza (genetica) ereditaria a sviluppare arterie bloccate e in persone di età superiore ai 50 anni. È anche molto più comune nelle persone che fumano, nelle persone che hanno il diabete, negli alti livelli di grasso nel sangue ( per esempio, colesterolo) e ipertensione e nelle persone sovrappeso. Gli afro-americani sembrano avere un rischio più elevato rispetto ad altri gruppi.
  • PAD può essere diagnosticata utilizzando un test a ultrasuoni.
  • Le persone che hanno PAD dovrebbero smettere di fumare se non lo hanno già fatto.
  • La PAD può essere trattata con l’esercizio, i cambiamenti nella dieta, un buon controllo della glicemia e farmaci per ridurre la pressione sanguigna e il colesterolo. I casi gravi sono trattati con procedure o interventi mini-invasivi.
Like this post? Please share to your friends: