Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Il “farmaco del partito” potrebbe aiutare a trattare il DPTS

L’MDMA, il principio attivo dell’ecstasy, può offrire sollievo a chi soffre di disturbi da stress post-traumatico, secondo un nuovo studio su piccola scala. I risultati sono preliminari ma intriganti.

Mucchio di pillole multicolori

Disturbo da stress post-traumatico (PTSD), come suggerisce il nome, è un disturbo d’ansia che si verifica dopo un grave trauma.

I sintomi comprendono fino al 17,1% dei veterani e fino a un terzo dei primi soccorritori, i sintomi includono ricordi intrusivi di detto evento stressante, flashback, incubi e intenso stress.

Ad oggi, trovare trattamenti efficaci per il DPTS si è dimostrato difficile; la psicoterapia e altre terapie di conversazione sono normalmente il primo punto di riferimento, ma non funzionano per tutti.

Farmaci come antidepressivi e antipsicotici sono tipicamente usati, ma, ancora, non funzionano per tutti, e gli effetti collaterali possono essere significativi.

Sebbene i ricercatori stiano investigando in modo approfondito i modi per migliorare il trattamento, anche condurre studi efficaci può essere una sfida; ci sono spesso alti tassi di abbandono.

Spesso questo è dovuto alla natura dei sintomi del DPTS, ma a volte è perché la condizione è peggiorata e forse la persona è stata ricoverata in ospedale.

Inoltre, alcuni ritengono che le caratteristiche del paziente potrebbero svolgere un ruolo, come potrebbero essere i senzatetto e i disturbi da uso di droghe.

Queste difficoltà si riflettono nelle situazioni della vita reale; le persone con PTSD spesso abbandonano la terapia, limitando quanto utile possa essere.

MDMA e PTSD

Nel tentativo di aggirare questi problemi, gli scienziati si stanno avvicinando al trattamento del DPTS da direzioni innovative. Recentemente, uno studio finanziato dall’Associazione multidisciplinare per gli studi psichedelici a Santa Cruz, in California, ha studiato il potenziale uso di MDMA – l’ingrediente attivo nella droga controversa del partito, l’ecstasy.

A prima vista, questa potrebbe sembrare una scelta strana, ma non è la prima volta che MDMA viene utilizzato in questo modo.

L’MDMA è stato sintetizzato per la prima volta nel 1912 da scienziati in cerca di farmaci per arrestare il sanguinamento, ma non ne è stato fatto uso significativo per molti anni. Ma dagli anni ’70 in poi, l’MDMA è stato testato per l’uso in depressione, problemi relazionali, abuso di sostanze, sindrome premestruale e autismo, tra gli altri.

L’ultimo studio ha coinvolto solo 26 membri del personale di servizio (22 veterani, tre vigili del fuoco e un ufficiale di polizia). Tutti avevano sperimentato un’esperienza traumatica e sviluppato PTSD non meno di 6 mesi prima. Tutti i partecipanti non avevano risposto a precedenti trattamenti medici o psicologici.

Sono stati suddivisi in tre gruppi di trattamento, ciascuno dei quali ha ricevuto diverse quantità di MDMA: 30 milligrammi, 75 milligrammi o 125 milligrammi. Non c’era alcun gruppo placebo.

I ricercatori hanno voluto esplorare se l’assunzione di MDMA a fianco della psicoterapia potesse aumentare la sua efficacia. Poiché i tassi di abbandono della terapia sono così alti per le persone con PTSD, massimizzare ogni sessione è fondamentale.

Inizialmente, i partecipanti hanno attraversato tre sessioni di psicoterapia di 90 minuti senza MDMA, in modo che i terapeuti potessero stabilire un rapporto di lavoro e prepararli all’esperienza. Quindi, hanno ricevuto la dose di MDMA durante una sessione di 8 ore di psicoterapia personalizzata.

Dopo la sessione sperimentale, i partecipanti hanno trascorso la notte e sono stati seguiti per 7 giorni per contatto telefonico. Infine, c’è stata una sessione di psicoterapia di 90 minuti. I risultati sono stati recentemente pubblicati in

Risultati precoci positivi

Sebbene si trattasse di uno studio su piccola scala senza gruppo placebo, i risultati offrono speranza. Un mese dopo la sessione finale, il 58 percento dei partecipanti nel gruppo di 125 milligrammi non ha più soddisfatto i criteri per essere classificato come PTSD, rispetto all’86 percento nel gruppo di 75 milligrammi e al 29 percento nel gruppo di 30 milligrammi.

Questi risultati, ovviamente, dovranno essere confermati in ampi studi di fase III. Vale anche la pena notare che oltre i tre quarti dei partecipanti hanno riferito eventi avversi – tra cui, più frequentemente, “ansia, mal di testa, affaticamento, tensione muscolare e insonnia”.

I ricercatori ritengono che, nel giusto contesto, l’MDMA potrebbe essere utile nel trattamento del DPTS.

“Il nostro studio suggerisce che l’MDMA potrebbe aiutare ad aumentare le esperienze psicoterapeutiche e potrebbe avere un ruolo nel futuro trattamento del DPTS”.

Autore dello studio Dott. Allison Feduccia

Ma la dottoressa Feduccia ci ricorda subito che questo deve essere condotto sotto stretta supervisione. “[W] e certamente non raccomanderei che le persone provino questi farmaci per il trattamento di disturbi psichiatrici senza il supporto di psicoterapeuti addestrati”.

Questo progetto si basa su studi precedenti, incluso uno che confrontava la psicoterapia assistita da MDMA in 12 partecipanti con otto persone in un gruppo placebo, e un altro che confrontava due dosi di MDMA con 12 partecipanti.

In totale, sei studi di fase II hanno fornito risultati positivi, che hanno portato la Food and Drug Administration (FDA) a dichiarare la psicoterapia assistita da MDMA come una “Terapia rivoluzionaria”.

Anche se questo titolo non significa necessariamente che ci siano prove di alta qualità a sostegno dell’efficacia di MDMA, significa che la FDA darà priorità alla ricerca MDMA.

Ciò significa che, si spera, seguiranno presto studi più ampi e approfonditi, che confermeranno infine se MDMA può veramente aiutare nel trattamento del DPTS.

Like this post? Please share to your friends: