Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Il farmaco per l’artrite di Pfizer Xeljanz (tofacitinib) riceve un parere negativo in Europa

Farmaco per l’artrite di Pfizer Xeljanz (citrato di tofacitinib) non deve essere approvato per il trattamento dell’artrite reumatoide, il CHMP (Comitato per i medicinali per uso umano) ha informato l’Agenzia europea per i medicinali il 25 aprile 2013.

Farmacista femminile che esamina compressa davanti agli scaffali.

Pfizer può richiedere un riesame del parere con i prossimi 15 giorni, l’EMA (European Medicines Agency) informata.

Xelianz è indicato come trattamento per l’artrite reumatoide attiva da moderata a grave, una malattia del sistema immunitario che danneggia e infiamma le articolazioni. È progettato per l’uso in pazienti che non rispondono o non possono tollerare almeno altri due DMARD (farmaci antireumatici modificanti la malattia), compresi DMARD biologici.

DMARD biologici mirano a specifiche proteine ​​del sistema immunitario. Sono prodotti utilizzando la tecnologia del DNA ricombinante e sono prodotti da cellule geneticamente modificate per produrre il medicinale.

Come funziona Xelianz?

Tofacitinib, il principio attivo di Xeljanz, è un immunosoppressore che blocca l’azione delle Janus chinasi, enzimi che svolgono un ruolo cruciale nel processo di infiammazione e danno delle articolazioni. Tofacitinib, bloccando gli enzimi, riduce l’infiammazione e altri sintomi dell’artrite reumatoide.

Che cosa ha presentato Pfizer per supportare la sua domanda di approvazione?

Gli effetti di Xeljanz furono inizialmente testati sugli animali prima di essere studiati sugli esseri umani.

Pfizer ha fornito al CHMP i risultati di cinque studi sull’uomo incentrati sulla sicurezza e l’efficacia del farmaco. Hanno partecipato 3.300 pazienti con artrite reumatoide.

Gli studi hanno confrontato 5 mg o 10 mg di Xeljanz due volte al giorno con placebo, da soli o in combinazione con altri DMARD. L’efficacia è stata misurata in base ai punteggi dei pazienti per i segni e i sintomi dell’artrite reumatoide, tra cui la loro funzione fisica, l’attività della malattia e il danno strutturale alle articolazioni. Gli studi andavano da tre a sei mesi.

Perché il CHMP ha consigliato di rifiutare l’applicazione?

Sebbene il comitato abbia rilevato che Xeljanz ha migliorato i segni e i sintomi dei pazienti nonché la funzione fisica “(gli studi) non sono stati sufficienti a mostrare una riduzione consistente dell’attività della malattia e danni strutturali alle articolazioni, in particolare alla dose inferiore di 5 mg di Xeljanz e nella popolazione target di pazienti in cui il trattamento con almeno altri due DMARD non ha avuto successo. “

C’erano anche serie preoccupazioni riguardo alla sicurezza generale di Xeljanz. Il comitato ha affermato che vi sono preoccupazioni considerevoli e irrisolte sul rischio e sul tipo di infezioni gravi associate al tofacitinib, che non sono correlate all’azione immunosoppressiva del farmaco.

Il Comitato era anche preoccupato per il rischio aumentato di altri gravi effetti collaterali, come danni al fegato, problemi con aumento dei livelli di lipidi nel sangue, alcuni tumori e perforazioni gastro-intestinali.

Il comitato ha aggiunto: “Non era chiaro che questi rischi potessero essere gestiti con successo nella pratica medica, pertanto, in quel momento, il CHMP era del parere che i benefici di Xeljanz non fossero superiori ai suoi rischi e ha raccomandato che venisse rifiutato il marketing autorizzazione.”

Qual è stata la risposta di Pfizer?

La dottoressa Yvonne Greenstreet, vicepresidente senior e responsabile del gruppo di sviluppo dei medicinali per Pfizer Specialty Care, ha dichiarato:

“Confidiamo in XELJANZ e crediamo che la nostra applicazione all’EMA dimostra che XELJANZ ha un rischio favorevole: profilo di beneficio.

Il profilo di sicurezza di XELJANZ è ben caratterizzato e le problematiche sollevate dall’EMA, tra cui infezioni gravi, perforazioni gastrointestinali e tumori maligni, sono familiari ai reumatologi che hanno esperienza di trattamento con i pazienti per gestire questa difficile malattia.

Ogni autorità di regolamentazione esaminerà e interpreterà le domande individualmente e valutazioni diverse non sono rare.

Il processo di riesame ci consentirà di cercare di rispondere alle domande del CHMP e continueremo a lavorare a stretto contatto con l’EMA con l’obiettivo di rendere questo medicinale disponibile per i pazienti appropriati in Europa. “

Xeljanz approvato dalla FDA negli Stati Uniti nel 2012

Nel novembre 2012, la Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha approvato Xeljanz (tofacitinib) per i pazienti con artrite reumatoide che hanno una risposta insufficiente o allergica al metotrexato, come trattamento per l’artrite reumatoide ferocemente attiva.

Annunciando la sua approvazione, Badrul Chowdhury, MD, Ph.D., direttore della Divisione di polmonare, allergia e prodotti reumatologici presso il Centro per la valutazione e la ricerca di droghe della FDA, ha dichiarato: “Xeljanz offre una nuova opzione di trattamento per gli adulti che soffrono malattia debilitante di RA che ha avuto una scarsa risposta al metotrexato. “

La FDA richiede che Pfizer svolga uno studio post-marketing su Xeljanz per determinare quali sono gli esiti a lungo termine del farmaco su cancro, infezioni gravi e malattie cardiache. L’Agenzia ha raccomandato un confronto con un gruppo di pazienti su un altro farmaco approvato per determinare quali differenze ci sono.

Il trattamento di Xeljanz costa circa US $ 24.000 all’anno. Gli esperti si aspettavano che le vendite raggiungessero tra 2,5 e 3 miliardi di dollari l’anno. Tuttavia, questa previsione includeva le vendite nel mercato dell’Unione Europea.

Scritto da Christian Nordqvist

Like this post? Please share to your friends: