Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Il farmaco per l’artrite potrebbe essere usato per trattare la vitiligine

Un farmaco comunemente usato per trattare l’infiammazione del rivestimento delle articolazioni potrebbe anche essere un potenziale nuovo trattamento per sfigurare la vitiligine della condizione della pelle, secondo gli autori di un nuovo studio.

Mani affette da vitiligine.

Lo studio, pubblicato nel, descrive il caso di un paziente la cui vitiligine progressiva è stata trattata con successo da dermatologi della Yale School of Medicine di New Haven, CN.

“Mentre è un caso, abbiamo anticipato il successo del trattamento di questo paziente sulla base della nostra attuale comprensione della malattia e di come funziona il farmaco”, dice il ricercatore principale Dr. Brett King, un assistente professore di dermatologia a Yale.

Il farmaco in questione, tofacitinib, viene in genere utilizzato per trattare l’artrite reumatoide da moderata a grave, una malattia infiammatoria cronica che interessa il rivestimento delle articolazioni. Appartiene ad una famiglia di farmaci noti come inibitori della Janus-chinasi (JAK) che sono stati approvati per l’uso dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense.

In precedenza, il Dr. King ha scoperto che il tofacitinib può essere usato per trattare la perdita di capelli causata dall’alopecia areata, una malattia autoimmune in cui il sistema immunitario attacca i follicoli piliferi.

La vitiligine è anche considerata una malattia autoimmune, con il sistema immunitario che colpisce le cellule della pelle chiamate melanociti che producono la pigmentazione della pelle. Le persone con vitiligine sviluppano cerotti sulla pelle privi di pigmentazione e colore. Nei casi più gravi, la decolorazione può causare notevole disagio psicologico.

Ci sono diversi trattamenti disponibili per il trattamento della vitiligine, come creme steroidee e terapia della luce, ma nessuno di questi è efficace in modo affidabile nell’invertire i sintomi della condizione.

I ricercatori ritengono che la scoperta potrebbe rivoluzionare il trattamento della vitiligine

L’argomento dello studio era un paziente di 53 anni con prominenti macchie bianche che coprivano la pelle del viso, delle mani e del corpo che era aumentata rispetto all’anno precedente. Aveva ricevuto un trattamento sotto forma di unguenti e terapia della luce, ma questi non fermavano la progressione della condizione.

A causa del successo di tofacitinib nel trattamento dell’alopecia areata, il Dr. King e la coautrice dello studio, la dott.ssa Brittany Craiglow, ritenevano che potesse rivelarsi efficace anche nel trattamento della vitiligine. Per il loro studio, il paziente ha ricevuto una dose orale del farmaco di 5 mg a giorni alterni, che è aumentato a 5 mg al giorno dopo 3 settimane.

I ricercatori hanno scoperto che dopo 2 mesi di trattamento, la paziente aveva sperimentato una parziale ripigmentazione su braccia, viso e mani. Dopo 5 mesi, le chiazze bianche a cui si era maggiormente preoccupata con il viso e le mani erano quasi sparite. Rimanevano solo poche macchie bianche su altre parti del suo corpo.

Il dosaggio somministrato durante lo studio era la metà del dosaggio approvato per il trattamento dell’artrite reumatoide. Fondamentalmente, il paziente non ha avuto alcun effetto avverso sull’assunzione di tofacitinib.

“È la prima volta e potrebbe rivoluzionare il trattamento di una malattia terribile”, afferma il dott. King. “Questo potrebbe essere un enorme passo avanti nel trattamento dei pazienti con questa condizione”.

Poiché lo studio ha coinvolto solo un paziente, il Dr. King riconosce che saranno necessarie ulteriori ricerche per confermare che il farmaco sia sicuro ed efficace nel trattamento della vitiligine. Ora spera di condurre uno studio clinico utilizzando tofacitinib o ruxolitinib – un altro inibitore della JAK che può essere in grado di trattare l’alopecia areata – per trattare il disturbo.

“L’alopecia areata e la vitiligine condividono i fattori di rischio genetici e possono coesistere all’interno di famiglie e singoli pazienti, suggerendo una patogenesi comune”, scrivono gli autori. “Come tale, non sorprende che un farmaco che si è dimostrato efficace nel trattamento dell’alopecia areata possa anche essere efficace nel trattamento della vitiligine.”

riportato su come ruxolitinib potrebbe ripristinare la crescita dei capelli in pazienti con alopecia areata lo scorso agosto. Il farmaco è più comunemente usato per trattare una rara malattia del midollo osseo.

Like this post? Please share to your friends: