Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Il fenomeno del “baby brain” è reale? Studio indaga

Molte donne in gravidanza riportano un declino delle loro capacità cognitive durante la gravidanza, ma alcuni studi hanno messo in dubbio un tale fenomeno. Nuove ricerche cercano di risolvere la controversia.

donna incinta che sembra confusa

Un numero enorme di donne incinte riferisce di problemi cognitivi come difficoltà a focalizzare e ricordare cose, confusione, difficoltà di lettura e dimenticanza.

Collettivamente, questi sintomi sono noti come fenomeno del “baby brain” o, più colloquialmente, “momnesia”. Secondo uno studio vecchio e molto quotato, tra il 50 e l’80% delle donne afferma di averlo sperimentato.

Avere un cervello piccolo può interferire con la vita quotidiana; molte donne hanno riferito di essere meno verbalmente fluenti e coerenti al lavoro, hanno dimenticato gli appuntamenti o non sono potute tornare al lavoro a causa di questi disturbi cognitivi.

Nonostante questi resoconti, alcuni studi hanno sostenuto che il fenomeno del baby-cervello non è altro che un mito. Anche se un numero di madri in gravidanza ha riportato problemi di memoria, è più probabile che si verifichino a causa della stanchezza generale rispetto ai cambiamenti effettivi nella funzione cerebrale.

Altri studi affermano che la gravidanza cambia il cervello fino a 2 anni, con una riduzione della materia grigia del cervello che si nota su uno scanner cerebrale.

Quindi, per risolvere la controversia, i ricercatori della Deakin University di Victoria, in Australia, hanno effettuato una meta-analisi di 20 studi che hanno riportato un legame tra gravidanza e cognizione.

Il primo autore dell’analisi è Sasha Davies, un dottorato di ricerca. candidato alla Deakin University, e i risultati sono stati pubblicati nel

Revisione degli studi “baby brain”

Le analisi eseguite da Davies e colleghi hanno incluso un totale di 709 donne in gravidanza e 521 controlli non gravide.

Gli studi hanno esaminato la funzione cognitiva generale, definita “come comprendente una serie di processi, tra cui la memoria, l’attenzione, il funzionamento esecutivo, la velocità di elaborazione e le abilità verbali e visuospaziali”.

Hanno anche analizzato la memoria, l’attenzione e la funzione esecutiva, che si riferisce alla capacità di pianificare, muoversi con flessibilità da un’idea all’altra, risolvere i problemi e il potere dell’astrazione.

Davies e il team hanno scoperto che “[g] il funzionamento cognitivo, la memoria e il funzionamento esecutivo erano significativamente più poveri nelle donne incinte rispetto alle donne di controllo, in particolare durante il terzo trimestre”.

“Le differenze si sviluppano principalmente durante il primo trimestre e sono coerenti con le recenti scoperte di riduzione a lungo termine del volume della materia grigia cerebrale durante la gravidanza”, scrivono gli autori.

I declini cognitivi sono stati trovati “tra il primo e il secondo trimestre in generale, funzionamento cognitivo e memoria, ma non tra il secondo e il terzo trimestre”, spiegano.

Le prestazioni cognitive sono ancora normali

Davies e team chiedono ulteriori approfondimenti su come questi cambiamenti cognitivi influenzano la vita quotidiana delle donne incinte e mettono in guardia contro una frettolosa interpretazione dei risultati.

“Questi risultati devono essere interpretati con cautela, in particolare dal momento che i declini erano statisticamente significativi, ma le prestazioni sono rimaste entro i normali intervalli di funzionamento cognitivo generale e memoria”.

La coautrice dello studio Linda Byrne

La coautrice dello studio, la dott.ssa Melissa Hayden, commenta anche i risultati, dicendo: “Queste piccole riduzioni di prestazioni durante la gravidanza saranno evidenti per le donne incinte stesse e forse per chi è vicino a loro, manifestandosi principalmente come piccoli ricordi di memoria (es. dimenticando o non riuscendo a prenotare appuntamenti medici). “

Tuttavia, spiega, “[M] o conseguenze significative (ad es., Riduzione delle prestazioni lavorative o ridotta capacità di navigare in attività complesse) sono meno probabili.”

Like this post? Please share to your friends: