Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Il gatto dell’ospedale sembra sapere quando i pazienti moriranno

Oscar, un gatto di due anni che vive in una casa di cura a Providence, Rhode Island, nella regione del New England negli Stati Uniti, sembra sapere quando i residenti a casa si avvicinano alle loro ultime ore perché si raggomitola accanto a loro.

La storia di Oscar, il gatto dell’ospizio che conduce quotidianamente round come una versione felina di un consulente ospedaliero e sembra essere in grado di prevedere quando i pazienti stanno per morire, viene raccontato in un saggio su un giorno della sua vita da uno dei medici, David Dosa, nel New England Journal of Medicine.

Dosa ha detto che Oscar è stato preciso in 25 casi fino ad ora. Si siede con i pazienti presso il Centro infermieristico e di riabilitazione di Steere House a Providence, Rhode Island, quando sono nelle ultime quattro ore di vita.

“Non fa molti errori, sembra capire quando i pazienti stanno per morire”, ha detto Dosa in un’intervista all’agenzia Associated Press. Dosa è professore di medicina alla Warren Alpert Medical School della Brown University, Rhode Island, e un consulente geriatrico presso la casa di riposo.

Dosa ha detto che i parenti dei pazienti morenti “si confortano” da questo curioso fenomeno. La compagnia che Oscar offre è apprezzata, ha detto.

Oscar è stato adottato dal personale medico come un gattino e la sua casa da allora è stata al terzo piano della casa di cura, con i demenzapatienti.

Presto, stava facendo il suo giro, annusando i pazienti e osservandoli, poi si raggomitolava accanto a un paziente che morì poche ore dopo.

Il personale dell’ospedale ha fiducia nell’istinto di Oscar così tanto che chiamano i parenti della paziente per far loro sapere che è probabile che la loro amata scomparirà presto.

Dosa dice che Oscar è un gatto “distaccato” che non è normalmente amichevole nei confronti delle persone, lo descrive come sibilando a un paziente quando passa. Ma sembra prendere sul serio il suo lavoro molto seriamente, e quando si accascia vicino a un paziente che sta morendo, lui fa le fusa e le annusa.

A volte, quando viene espulso dalla sua veglia accanto a un paziente morente (alcune famiglie non gli piacciono), cammina e miagola fuori dalla stanza.

Gli esperti di gatti dicono che i gatti possono percepire la malattia, specialmente nei loro proprietari o altri animali. Possono anche percepire i cambiamenti del tempo e la loro abilità di terremoti imminenti è ben nota.

Secondo un rapporto del Washington Post di ieri, un altro medico a casa, Joan Teno, anch’egli della Brown University e con esperienza di cura di pazienti malati terminali, ha affermato che Oscar può prevedere chi morirà più accuratamente dello staff.

Si è convinta della “bravura” di Oscar mentre curava un paziente che aveva smesso di mangiare, respirava in modo irregolare e le sue gambe avevano cominciato a sembrare blu. Pensava che il paziente fosse vicino alla morte. Ma anche se Oscar ha chiamato per vederla, non è rimasto nella stanza.

Tuttavia, come Teno in seguito scoprì, questo era 10 ore prima che il paziente morisse realmente, e le infermiere le dissero che Oscar tornò a sedersi con il paziente morente 2 ore prima che lei finalmente passasse. Questa era la 13a previsione accurata di Oscar.

Speculando sull’accuratezza delle previsioni di Oscar, Teno ha detto di essersi chiesta se sente l’odore di qualcosa o se nota dei sottili cambiamenti nel comportamento delle presenze mentre frequentano i pazienti.

C’è una targa commemorativa presso la casa di cura, premiata con Oscar da un’agenzia ospedaliera locale. La targa recita: “Per la sua cura di ospizio compassionevole, thisplaque è stata assegnata a Oscar the Cat”.

“Un giorno nella vita di Oscar the Cat”.
David M. Dosa.
NEJM Volume 357: 328-329, 26 luglio 2007, numero 4

Clicca qui per leggere l’articolo.

Scritto da: Catharine Paddock

Like this post? Please share to your friends: