Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Il grasso saturo potrebbe non aumentare il rischio di malattie cardiache dopo tutto

Se al momento stai sperimentando un “senso di colpa alimentare post-festivo”, i ricercatori del KG Jebsen Center for Diabetes Research dell’Università di Bergen potrebbero avere qualche buona notizia per te. L’eccessiva indulgenza di grassi saturi come la panna e il burro in questa stagione potrebbe non essere così dannosa per il cuore e per la salute generale come si pensava in precedenza.

[burro su un tagliere]

In un nuovo studio sull’intervento alimentare norvegese (FATFUNC) pubblicato in, l’assistente capo dello studio, il professor Simon Nitter Dankel e colleghi, hanno messo in dubbio e ribaltato la teoria dietetica che il grasso saturo non è salutare per la maggior parte della popolazione. Questa teoria ha dominato la letteratura sanitaria per più di 50 anni.

La nozione di limitare i grassi saturi per sostenere un peso corporeo sano e ridurre il rischio di malattie croniche si è evidenziata nelle linee guida sanitarie per decenni. Di recente, tuttavia, gli scienziati e le organizzazioni sanitarie hanno opinioni contrastanti sui pericoli dei grassi saturi.

L’American Heart Association (AHA) concorda con gli avvertimenti del governo e ricorda che il consumo di grassi saturi può portare a livelli di colesterolo “cattivo” nel sangue che possono aumentare il rischio di malattie cardiache.

L’Accademia di nutrizione e dietetica, tuttavia, raccomanda di de-enfatizzare il ruolo del grasso saturo nello sviluppo di malattie cardiache, a causa della mancanza di prove che collegano i due.

La maggior parte degli alimenti che sono naturalmente ricchi di grassi saturi provengono da fonti animali, inclusi carne e latticini. L’AHA raccomanda di limitare i grassi saturi – come quelli che si trovano nel burro, nel formaggio, nella carne rossa e in altri alimenti a base animale – basati su decenni di solide scienze, dicono.

Dankel e il suo team hanno testato il rischio di grassi saturi su 38 uomini con obesità addominale. I partecipanti sono stati divisi in due gruppi e hanno seguito una dieta molto ricca di grassi, a basso contenuto di carboidrati o una dieta povera di grassi e ricca di carboidrati per 12 settimane.

I ricercatori hanno misurato la massa grassa nella regione addominale, nel fegato e nel cuore. Hanno anche valutato i fattori di rischio cardiovascolare.

La qualità dei grassi e dei carboidrati guida una dieta sana

L’attuale teoria che circonda il grasso saturo suggerirebbe che il gruppo ad alto contenuto di grassi e basso contenuto di carboidrati sarebbe a maggior rischio di malattie cardiache rispetto al gruppo a basso contenuto di grassi e ad alto contenuto di carboidrati. Tuttavia, questo non era il caso; non c’era differenza tra i gruppi.

“L’assunzione molto alta di grassi totali e saturi non ha aumentato il rischio calcolato di malattie cardiovascolari”, afferma il professore e cardiologo Ottar Nygård, che ha contribuito allo studio.

“I partecipanti alla dieta molto ricca di grassi hanno anche avuto miglioramenti sostanziali in diversi importanti fattori di rischio cardiometabolico, come la conservazione del grasso ectopico, la pressione sanguigna, i lipidi nel sangue (trigliceridi), l’insulina e lo zucchero nel sangue”, aggiunge.

“Qui abbiamo esaminato gli effetti del grasso totale e saturo nel contesto di una dieta sana ricca di cibi freschi, poco elaborati e nutrienti, comprese elevate quantità di verdure e riso invece di prodotti a base di farina”, afferma Ph.D. candidato Vivian Veum. “Anche le fonti di grassi sono state elaborate poco, principalmente burro, crema e oli spremuti a freddo”.

L’assunzione di energia, proteine, acidi grassi polinsaturi e tipi di cibo era simile tra i due gruppi, con variazione principalmente in quantità. L’assunzione di zuccheri aggiunti è stata ridotta al minimo.

L’assunzione di energia di entrambi i gruppi era per lo più entro il range normale. I partecipanti che hanno aumentato il loro apporto energetico hanno visto ancora una riduzione delle riserve di grasso e il rischio di malattia.

“I nostri risultati indicano che il principio fondamentale di una dieta sana non è la quantità di grassi o di carboidrati, ma la qualità dei cibi che mangiamo”, afferma Ph.D. candidato Johnny Laupsa-Borge.

Il grasso saturo aumenta i livelli di colesterolo “buoni”

Lo studio FATFUNC mette in discussione la teoria secondo cui la via alle malattie cardiache da grassi saturi è lastricata aumentando i livelli di colesterolo “cattivo” a bassa densità di lipoproteine ​​(LDL) nel sangue. Gli autori dello studio non solo hanno osservato un aumento significativo del colesterolo LDL, ma hanno anche scoperto che la dieta ad alto contenuto di grassi era associata solo ad un aumento dei livelli di colesterolo “buoni”.

“Questi risultati indicano che la maggior parte delle persone sane probabilmente tollerano un elevato apporto di grassi saturi, a patto che la qualità del grasso sia buona e l’apporto energetico totale non sia troppo alto.

Ottar Nygård

“Gli studi futuri dovrebbero esaminare quali persone o pazienti potrebbero aver bisogno di limitare l’assunzione di grassi saturi”, sottolinea Dankel, che ha guidato lo studio insieme al direttore delle cliniche di laboratorio, Prof. Gunnar Mellgren, all’ospedale universitario Haukeland di Bergen, Norvegia .

“Ma i presunti rischi per la salute derivanti dall’assunzione di grassi di buona qualità sono stati enormemente esagerati e potrebbe essere più importante per la salute pubblica incoraggiare la riduzione di prodotti a base di farina, grassi altamente lavorati e alimenti con zuccheri aggiunti”, conclude Dankel.

Scopri come sostituire l’1% di grassi saturi con grassi più sani può ridurre il rischio di malattia coronarica.

Like this post? Please share to your friends: