Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Il lievito di eczema può essere ucciso, aumentando la speranza di nuovi trattamenti

Scienziati in Svezia hanno scoperto che alcuni peptidi uccidono il lievito Malassezia sympodialis che può causare disturbi del grilletto come eczema atopico, eczema seborroico e forfora, senza danneggiare le cellule della pelle sane. Mentre sono necessari ulteriori interventi per chiarire i meccanismi sottostanti, sperano che la loro scoperta porterà a un nuovo trattamento per questi skinconditions debilitanti.

Lo studio è opera di Tina Holm e dei suoi colleghi all’Università di Stoccolma e al Karolinska Institute, ed è stata pubblicata nella rivista “Letters in Applied Microbiology” il 21 novembre.

Holm ha dichiarato alla stampa:

“Restano da risolvere molte domande prima che questi peptidi possano essere utilizzati negli esseri umani, tuttavia la combinazione accattivante di essere tossici per il lievito a basse concentrazioni risparmiando le cellule umane li rende molto promettenti come agenti antifungini. Speriamo che questi peptidi in futuro possano essere utilizzato per alleviare i sintomi dei pazienti affetti da eczema atopico e aumentare significativamente la loro qualità di vita “.

L’eczema atopico è un’infiammazione da lieve a severa della pelle caratterizzata da secchezza, prurito e desquamazione che di solito inizia nell’infanzia ed è soggetta a riacutizzazioni. Non è infrequente: per esempio nel Regno Unito circa il 20% dei bambini ha la condizione. Solitamente si chiarisce di solito quando la maggior parte dei bambini raggiunge l’adolescenza, circa il 7% degli adulti continuerà a soffrire per il resto delle loro vite.

Inoltre, l’eczema atopico è in aumento, e mentre non sappiamo cosa lo causa o come curarlo, sappiamo che uno dei fattori scatenanti è il lievito M. sympodialis, uno dei lieviti della pelle più comuni in entrambe le persone sane e quelli che soffrono di eczema. Di solito la nostra barriera cutanea impedisce al lievito di causare infezioni: ma nelle persone con eczema, la barriera è spesso più fragile o addirittura rotta, quindi permette al lievito di causare infezioni e peggiorare le condizioni.

Per il loro studio, Holm e colleghi hanno studiato la capacità di 21 diversi peptidi antimicrobici e di peptidosio penetrante nelle cellule che inibiscono la crescita di M. sympodialis.

I peptidi sono come mini-proteine, sono fatti dagli stessi mattoni, ma sono molto più corti.

I peptidi antimicrobici (AMP) sono antibiotici naturali che uccidono molti tipi diversi di microrganismi, inclusi alcuni lieviti, batteri, funghi e virus. I peptidi che penetrano nella cellula (CPP) sono spesso studiati dalle aziende farmaceutiche che cercano nuovi modi per i farmaci di marca perché sono in grado di attraversare le membrane cellulari, sebbene non sia chiaro come lo facciano.

I ricercatori hanno aggiunto i peptidi per separare le colonie di M. sympodialis su lastre di vetro per valutare la loro antifunginaattività. Hanno anche trattato le cellule della pelle umana oi cheratinociti con i peptidi per valutare qualsiasi potenziale danno.

Hanno scoperto che 6 (cinque CPP e un AMP) dei 21 peptidi hanno ucciso con successo il lievito senza danneggiare le membrane dei cheratinociti.

I ricercatori hanno concluso che:

“A nostra conoscenza, questa è la prima volta che i peptidi sono stati identificati come agenti antifungini contro M. sympodialis.I furonti per chiarire il meccanismo sono garantiti.”

Scritto da Catharine Paddock PhD

Like this post? Please share to your friends: