Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Il mito del grasso saturo di intasamento delle arterie si smentisce

Tra i medici e il pubblico, vi è la credenza popolare che il grasso saturo alimentare ostruisca le arterie e provochi la malattia coronarica. Un nuovo editoriale pubblicato nel sito afferma che questa nozione di grasso saturo che ostruisce un tubo è “semplicemente sbagliata”.

[arteria intasata di grasso]

L’articolo è il risultato di una collaborazione tra un gruppo di cardiologi, tra cui: Dr. Aseem Malhotra, del Lister Hospital di Stevenage, nel Regno Unito; Prof. Rita Redberg, della University of California-San Francisco School of Medicine e redattore di; e Pascal Meier, dell’ospedale universitario di Ginevra in Svizzera e dell’università universitaria di Londra, che è anche l’editore di.

Il team ha citato recensioni che non mostrano alcuna associazione tra l’assunzione di grassi saturi e un maggior rischio di malattie cardiache, al fine di sostenere la loro argomentazione contro l’esistenza di grassi saturi a ostruzione delle arterie.

“È tempo di spostare il messaggio di salute pubblica nella prevenzione e nel trattamento della malattia coronarica lontano dalla misurazione dei lipidi sierici e dalla riduzione del grasso saturo alimentare”, affermano gli autori. Invece di concentrarsi sull’abbassamento dei grassi nel sangue e sulla riduzione dei grassi saturi alimentari, l’importanza di mangiare “cibo vero”, partecipare a un’attività fisica regolare e ridurre al minimo lo stress, dovrebbe essere enfatizzata.

Secondo Malhotra, Redberg e Meier, l’attuale approccio alla gestione delle malattie cardiache riecheggia la pratica degli impianti idraulici, ma la nozione di migliorare la condizione “sganciando un tubo” è stata invalidata da una serie di studi clinici. Le prove hanno scoperto che quando uno stent veniva inserito per allargare le arterie ristrette, il rischio di infarto o morte non veniva ridotto.

“Decenni di enfasi sul primato dell’abbassamento del colesterolo plasmatico, come se questo fosse fine a se stesso e alla guida di un mercato di alimenti e farmaci ‘comprovati per abbassare il colesterolo’ e ‘basso contenuto di grassi’, è stato fuorviato”, sostiene il panel. Questi fraintendimenti possono derivare da “segnalazione selettiva di dati”, suggeriscono.

La coronaropatia è il tipo più comune di malattie cardiache e la principale causa di morte per uomini e donne negli Stati Uniti. La condizione infiammatoria cronica risponde positivamente a una dieta di tipo mediterraneo, ricca di composti antinfiammatori spesso presenti nell’olio extravergine di oliva, nelle verdure, nei pesci grassi e nella frutta secca, sottolineano i ricercatori.

Cardiopatia coronarica ridotta con un regolare esercizio fisico, mangiando cibo “vero”

Il miglior predittore di rischio di malattie cardiache coinvolge un elevato colesterolo totale (TC) in rapporto a lipoproteine ​​ad alta densità (HDL), non lipoproteine ​​a bassa densità. I cambiamenti dietetici, come la sostituzione dei carboidrati raffinati con cibi salutari ricchi di grassi, tra cui l’olio d’oliva e le noci, possono ridurre significativamente l’elevato rapporto tra TC e HDL, spiegano gli esperti.

L’esercizio fisico svolge un ruolo essenziale nella prevenzione delle malattie cardiache e può aumentare l’aspettativa di vita da 3,4 a 4,5 anni. Solo 30 minuti di attività moderata al giorno in più di tre occasioni ogni settimana hanno dimostrato di fare la differenza per i fattori di rischio per gli adulti inattivi. Inoltre, i ricercatori sottolineano che camminare regolarmente a ritmo sostenuto può essere più efficace nel prevenire la malattia coronarica rispetto alla corsa.

Lo stress cronico è un fattore di rischio per la malattia coronarica che “non deve essere trascurato”, sottolinea la squadra. Lo stress cronico mette la risposta infiammatoria del corpo in uno stato continuo di allerta. La ricerca ha dimostrato che lo stress ambientale, come il trauma infantile, può ridurre l’aspettativa di vita fino a 20 anni. Gli autori scrivono:

“La combinazione di un approccio completo allo stile di vita di un’alimentazione sana, movimenti regolari e riduzione dello stress migliorerà la qualità della vita, ridurrà il rischio cardiovascolare e la mortalità per tutte le cause”.

I ricercatori aggiungono che la spesa di soli 22 minuti al giorno a camminare e mangiare cibi sani può prevenire la malattia coronarica. Tuttavia, “non vi è alcun modello di business o mercato per aiutare a diffondere questo semplice ma potente intervento”, concludono gli autori.

Scopri come le vampate di calore potrebbero indicare un rischio più elevato di malattie cardiache.

Like this post? Please share to your friends: