Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Il monossido di carbonio (CO), il killer silenzioso

Il monossido di carbonio è un killer silenzioso. Non ha odore, nessun sapore e nessun suono. Né le persone né gli animali possono dire quando lo respirano, ma può essere fatale.

Il monossido di carbonio (CO) è un sottoprodotto della combustione. Oggetti domestici comuni, come fuochi a gas, fornaci a gasolio, generatori portatili, griglie a carbone, tra gli altri, mettono le persone a rischio di esposizione a questo gas tossico.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), oltre 400 americani muoiono ogni anno per avvelenamento accidentale da CO che non è causato da incendi. Ci sono più di 20.000 visite al pronto soccorso e oltre 4.000 ricoveri.

Ogni abitazione dovrebbe avere un allarme di monossido di carbonio.

effetti

allarme monossido di carbonio

L’emoglobina è la molecola dei globuli rossi che trasporta l’ossigeno dai polmoni ai tessuti di tutto il corpo e riporta il biossido di carbonio (CO2) dai tessuti.

Il CO si lega all’emoglobina più di 200 volte più facilmente di quanto fa l’ossigeno, quindi se è presente CO, l’ossigeno non sarà in grado di trovare spazio per entrare nell’emoglobina. Questo perché lo spazio è occupato con CO.

Di conseguenza, parti del corpo saranno affamate di ossigeno e le parti interessate moriranno.

Il corpo umano ha bisogno di ossigeno, ma non ha utilità per CO. Se respiriamo in CO, non fornisce alcun beneficio, ma priva il sangue di ossigeno.

Vitas Gerulaitis, la stella del tennis, è morta per avvelenamento da CO nel 1994. Il suo cottage a Long Island, NY, era pieno di CO2 a causa di un guasto nel riscaldamento della piscina.

Una persona che è esposta a CO può notare che qualcosa è sbagliato, ma potrebbe non sapere da dove provengono i sintomi.

Sintomi

La persona può sentirsi come se avesse l’influenza, ma senza una temperatura. Se più persone nello stesso edificio hanno gli stessi sintomi, potrebbero avere un avvelenamento da CO.

Se ciò accade, tutti gli apparecchi di cottura e di riscaldamento devono essere spenti, tutte le finestre aperte e le autorità locali preposte alla sicurezza del gas devono essere informate.

Più a lungo un individuo è esposto a CO, più gravi diventeranno i sintomi.

Entro poche ore dalla prima esposizione, una persona potrebbe sperimentare:

  • perdita di equilibrio
  • problemi di visione
  • problemi di memoria
  • eventuale perdita di coscienza

Se i sintomi sono lievi, c’è una possibilità di recupero completo.

Altri sintomi possono manifestarsi successivamente, anche mesi dopo l’inalazione di gas CO.

Questi includono:

  • confusione
  • problemi di memoria
  • difficoltà di coordinamento

Un grave avvelenamento da gas CO può causare problemi a lungo termine, inclusi danni al cuore.

Le persone con problemi cardiaci o respiratori tendono ad essere colpite più rapidamente dall’intossicazione da gas CO. Anche le donne incinte, i bambini e i bambini piccoli sono più sensibili.

Anche gli animali reagiranno rapidamente all’avvelenamento da CO. Se un animale domestico si ammala all’improvviso o muore inaspettatamente e la morte non può essere collegata a nient’altro, come l’età o una condizione esistente, i proprietari dovrebbero cercare di escludere l’avvelenamento da CO come una delle possibili cause.

Le cause

Gli elettrodomestici, come fuochi a gas, caldaie, impianti di riscaldamento centralizzato, scaldabagni, cucine e fuochi aperti che utilizzano gas, petrolio, carbone e legna possono essere possibili fonti di gas CO. Succede quando il carburante non brucia completamente.

Il funzionamento di un motore di un’auto in uno spazio chiuso può causare avvelenamento da CO.

Se gli elettrodomestici sono ben serviti e utilizzati in sicurezza, dovrebbero produrre quantità trascurabili di gas CO. L’uso di vecchi apparecchi e la mancata manutenzione frequente comportano un maggior rischio di emissione di CO.

Ecco alcune altre cause di emissione e accumulo di gas CO:

Fumare sigarette fa aumentare i livelli ematici di CO.

  • Lasciare una macchina in un garage chiuso con il motore acceso può produrre quantità letali di CO entro 10 minuti.
  • La combustione di carbone produce gas CO.
  • Canne fumarie e camini bloccati possono impedire a CO di fuoriuscire.
  • I fumi di alcuni solventi e detergenti possono causare intossicazione da CO.

I prodotti contenenti metilene cloruro (diclorometano) devono essere maneggiati con cura, poiché il cloruro di metilene si trasforma in CO quando viene respirato.

Diagnosi

È importante essere consapevoli dei possibili segni di avvelenamento da CO.

Questi includono:

  • una grande percentuale di persone nello stesso ambiente che sviluppano gli stessi sintomi
  • i sintomi migliorano quando una persona è lontana da quell’ambiente e riappare quando ritorna
  • sintomi stagionali, che possono essere causati da un sistema di riscaldamento centralizzato che viene utilizzato solo in determinati periodi dell’anno

Un medico può richiedere un esame del sangue per rilevare livelli insoliti di carbossiemoglobina e forse un elettrocardiogramma (ECG) valuta quanto bene il cuore sta pompando il sangue intorno al corpo.

Trattamento

Il primo passo è quello di allontanarsi dalla possibile fonte di gas CO e di valutare i sintomi.

Se i sintomi sono gravi, la persona può essere ricoverata in ospedale. Il trattamento ospedaliero include il 100 percento di ossigeno erogato attraverso una maschera, per accelerare la produzione di ossiemoglobina, poiché questo sostituirà la carbossiemoglobina.

Se il medico sospetta danni ai nervi o se l’esposizione al CO è stata estesa, può essere offerta l’ossigenoterapia iperbarica (HBOT). Questo trattamento inonda il sangue di ossigeno puro, per compensare la mancanza di ossigeno causata dall’avvelenamento da gas CO.

L’HBOT può essere somministrato a pazienti il ​​cui apporto di ossigeno è stato ridotto o interrotto, un paziente in coma, individui con una storia di perdita di coscienza, soggetti con una lettura ECG inusuale o attività cerebrale ridotta e donne in gravidanza.

complicazioni

Le complicanze dell’avvelenamento da CO possono essere gravi e di lunga durata.

Il danno al cervello può verificarsi e può causare un progressivo peggioramento della memoria e della concentrazione. Molto raramente, l’avvelenamento da CO è stato collegato ai sintomi del morbo di Parkinson.Questi includono rigidità, movimenti lenti e agitazione.

Il danno cardiaco, inclusa la malattia coronarica, può risultare, specialmente se una persona è esposta per un lungo periodo di tempo.

L’incontinenza urinaria può svilupparsi in donne con grave avvelenamento da gas CO.

Prevenzione

È importante essere consapevoli dei pericoli dell’avvelenamento da CO.

Per evitare la fuoriuscita di gas CO, quanto segue può aiutare:

Mantenere gli apparecchi in buone condizioni e usarli in sicurezza. Falli revisionare regolarmente da un professionista qualificato e registrato.

  • Non utilizzare gamme di gas o forni per il riscaldamento.
  • Assicurarsi che tutte le stanze siano ben ventilate e che le prese d’aria non siano bloccate. Prestare particolare attenzione in ambienti ben isolati.
  • I camini e le canne fumarie devono essere regolarmente spazzati da una spazzata completa, almeno una volta all’anno.
  • Fai attenzione quando usi strumenti e attrezzature a gas all’interno delle stanze.
  • Indossare una maschera quando si utilizzano prodotti che contengono cloruro di metilene.
  • Non lasciare un motore alimentato a benzina in un garage, ad esempio moto, auto o tosaerba.
  • Non usare carbone di legna su un barbecue interno.
  • Non utilizzare mai un generatore entro 20 piedi da finestre, porte o sfiati.
  • Eseguire la manutenzione del tubo di scarico di un veicolo ogni anno.
  • Se il portellone di un veicolo è aperto e il motore è in funzione, aprire anche le porte e le finestre.

Il CDC consiglia a tutte le famiglie di installare un allarme CO. Alcuni rilevatori hanno una lettura digitale. Altri emettono un suono forte e acuto quando i livelli di CO superano un certo limite.

Secondo la Commissione sulla sicurezza dei prodotti degli Stati Uniti, un’esposizione a lungo termine a 1 a 70 ppm di CO non causerà normalmente alcun danno, ma le persone con problemi cardiaci potrebbero avere dolore al petto.

Livelli superiori a 70 ppm possono causare sintomi evidenti e, se raggiungono valori superiori a 150-200 ppm, possono causare disorientamento, perdita di coscienza e morte.

Un allarme può essere posizionato in ogni zona notte della casa. Gli allarmi dovrebbero essere controllati regolarmente.

Like this post? Please share to your friends: