Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Il paracetamolo è davvero sicuro in gravidanza?

Con il 70% delle donne americane in gravidanza che cercano il paracetamolo per il trattamento del dolore, dell’infezione e della febbre, il dibattito sulla sicurezza del farmaco è in corso. Nuove ricerche hanno portato ulteriori rischi alla luce.

paracetamolo e gravidanza

La Food and Drug Administration (FDA) consiglia sempre di consultare un medico prima di usare qualsiasi farmaco antidolorifico durante la gravidanza.

Acetaminofene – noto anche come paracetamolo – è un antidolorifico over-the-counter (OTC) ampiamente disponibile, utilizzato dal 65-70 per cento delle donne incinte negli Stati Uniti.

Ma è anche un componente di molti altri farmaci, come quelli usati per trattare i sintomi del comune raffreddore o influenza, allergie e problemi del sonno.

La ricerca sulla sicurezza del farmaco durante la gravidanza è in corso, con poche conclusioni definitive. La FDA sottolinea che “il dolore grave e persistente che non viene efficacemente trattato durante la gravidanza può causare depressione, ansia e ipertensione nella madre”.

“Tuttavia, è importante valutare attentamente i benefici e i rischi dell’uso di farmaci da prescrizione e antidolorifici durante la gravidanza”, continua la dichiarazione.

Come madre in attesa, ho tenuto d’occhio tutti gli studi sull’effetto della droga. L’evidenza di un legame tra il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) e l’uso di paracetamolo durante la gravidanza è cresciuto costantemente negli ultimi anni.

Nell’ultima settimana, due nuovi studi sono entrati nei ranghi e indicano i potenziali effetti sulla fertilità e lo sviluppo del linguaggio dopo l’uso di paracetamolo.

Ecco cosa ti serve sapere.

ADHD e problemi comportamentali

Mentre ci sono stati molti sforzi in passato per districare un possibile collegamento tra l’ADHD e l’uso di paracetamolo, la FDA ha criticato molti di questi.

Secondo la loro ultima dichiarazione, dal 2015, “[W] e ho trovato tutti gli studi che abbiamo esaminato per avere limiti potenziali nei loro progetti, a volte gli studi accumulati su un argomento contenevano risultati contrastanti che ci impedivano di trarre conclusioni attendibili”.

Lo scorso novembre, vi abbiamo portato uno studio dal diario che ha chiesto a circa 100.000 madri circa il loro uso di paracetamolo durante la gravidanza.

Quasi la metà dei partecipanti aveva usato il farmaco. I ricercatori hanno rivelato che il rischio di avere un bambino con sintomi di ADHD aumentava significativamente quando le madri assumevano acetaminofene per più di 7 giorni.

L’uso del farmaco per 29 giorni o più ha raddoppiato il rischio di avere un bambino con ADHD, indipendentemente dal fatto che la ragione per cui si è assunto il farmaco OTC sia stata la febbre, l’infezione o il dolore.

Questi risultati sono in linea con uno studio del 2016 che ha dimostrato che l’uso di paracetamolo era legato a problemi comportamentali. Il team – dell’Università di Bristol e della Cardiff University, entrambi nel Regno Unito – ha scoperto che quando le madri assumevano acetaminofene a 18 settimane di gravidanza, i loro bambini avevano maggiori probabilità di avere problemi di condotta e sintomi di iperattività.

Quando il farmaco è stato usato più tardi in gravidanza – a 32 settimane – sono stati osservati questi stessi tratti, ma il rischio di sintomi emotivi e di difficoltà comportamentali totali era anche più alto.

Una nuova ricerca pubblicata la scorsa settimana ha ulteriormente incriminato il paracetamolo, ma questa volta gli effetti sono sulla fertilità e sullo sviluppo del linguaggio.

Fertilità colpita tra generazioni

Alcuni anni fa, abbiamo riportato uno studio che mostrava un potenziale legame tra l’uso di paracetamolo e problemi di fertilità nella prole maschile in un modello murino.

Il gruppo di ricerca – dell’Università di Edimburgo nel Regno Unito – ha dimostrato che tre dosi giornaliere di paracetamolo per 7 giorni hanno causato un calo di circa la metà dei livelli di testosterone nei maschi di topo.

La scorsa settimana, una revisione degli studi che hanno esaminato gli effetti dell’uso di acetaminofene e della fertilità nella progenie femminile ha concluso che le ultime settimane del primo trimestre potrebbero essere una finestra temporale critica.

I dati ottenuti da studi sui roditori indicano che il paracetamolo può interrompere il normale sviluppo degli organi riproduttivi femminili, causando sintomi simili alla sindrome da insufficienza ovarica prematura nell’uomo.

I dati di tre studi indipendenti, citati nella recensione, hanno rivelato che quando i roditori hanno ricevuto acetaminofene, la loro prole ha prodotto meno uova.

Inoltre, in uno degli studi, questo è stato trasmesso alla generazione successiva, anche se non si è verificata alcuna esposizione al paracetamolo.

Autrice senior David Møbjerg Kristensen, Ph.D. – un professore associato presso l’Università di Copenaghen in Danimarca – dice, “anche se questo potrebbe non essere un grave danno alla fertilità, è ancora motivo di preoccupazione dato che i dati di tre diversi laboratori hanno scoperto indipendentemente che il paracetamolo può interferire con la riproduzione riproduttiva femminile lo sviluppo in questo modo, che indica ulteriori indagini sono necessarie per stabilire come questo influisce sulla fertilità umana. “

Il prof. Kristensen chiede che siano necessarie ulteriori ricerche.

“[…] combinando i dati epidemiologici degli studi sull’uomo con una ricerca più sperimentale su modelli, come i roditori, può essere possibile stabilire saldamente questo legame e determinare come avviene, in modo che le donne incinte nel dolore possano essere trattate con successo, senza rischi per i loro bambini non ancora nati. “

Prof. David Møbjerg Kristensen

Paracetamolo e ritardo nella lingua

Un nuovo studio – pubblicato ieri – aggiunge un’altra dimensione ai potenziali rischi che il paracetamolo può causare.

Shanna Swan, Ph.D.- che è un professore di salute pubblica e ambientale presso la Icahn School of Medicine del Monte Sinai a New York City, NY – e ha studiato lo sviluppo della lingua nei bambini le cui madri hanno assunto acetaminofene nelle primissime fasi della gravidanza.

Scrivendo sulla rivista, il Prof. Swan ha utilizzato i dati dello studio svedese Longitudinale Ambientale, Madre e Bambino, Asma e Allergia.

Ciò includeva i dati auto-riportati sull’uso di paracetamolo all’inizio della gravidanza, ovvero tra il punto di concepimento e l’iscrizione allo studio, che tipicamente si verificava a 8-13 settimane di gravidanza.

I dati includevano anche una misurazione dei livelli di acetaminofene nelle urine di tutti i partecipanti all’arruolamento. I risultati hanno scoperto che il 59 percento delle 754 donne nello studio ha preso paracetamolo durante la gravidanza.

Il ritardo linguistico nei bambini – ovvero l’uso di meno di 50 parole all’età di 30 mesi – è stato valutato da infermiere specializzate e un questionario di follow-up. Gli autori spiegano anche nel documento che è “un precoce indicatore di sviluppo cognitivo alterato”.

In tutto, il 10% dei bambini ha subito ritardi nel linguaggio. Questo era maggiore nei ragazzi che nelle ragazze.

Tuttavia, quando le madri hanno assunto sei o più compresse di paracetamolo durante la gravidanza, il rischio che le loro figlie mostrassero segni di ritardo del linguaggio è aumentato di quasi sei volte.

L’uso di paracetamolo non era legato al ritardo del linguaggio nei ragazzi in questo studio.

Commentando i risultati, il Prof. Swan afferma, “[G] data la prevalenza di uso paracetamolo prenatale e l’importanza dello sviluppo del linguaggio, i nostri risultati, se replicati, suggeriscono che le donne in gravidanza dovrebbero limitare il loro uso di questo analgesico durante la gravidanza.”

“Per noi è importante guardare allo sviluppo del linguaggio”, aggiunge, “perché ha dimostrato di essere predittivo di altri problemi di sviluppo neurologico nei bambini”.

Il paracetamolo è sicuro?

Sfortunatamente, non c’è una risposta semplice. La maggior parte degli studi non mostra alcun effetto a lungo termine se il paracetamolo viene assunto sporadicamente ea basse dosi. Tuttavia, solo sei compresse assunte all’inizio della gravidanza aumentano il rischio di ritardo della lingua nelle figlie.

Per alcune future mamme, l’uso prolungato del paracetamolo è l’unico modo per affrontare il dolore o la febbre e le infezioni gravi, che possono causare potenziali danni al loro nascituro se non trattati. Può essere un ottimo equilibrio tra rischio e beneficio.

La FDA chiarisce le sue opinioni: lavora con il tuo medico e prendi acetaminofene solo quando è raccomandato.

Nel frattempo, le mamme in attesa come me dovranno aspettare e vedere quali ricerche mettono in luce, per aiutare a informare le nostre scelte future.

Like this post? Please share to your friends: