Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Il paracetamolo riduce l’empatia?

Ricercatori della Ohio State University hanno trovato prove del fatto che il paracetamolo non solo opacizza il dolore fisico, ma riduce anche la nostra capacità di predire il dolore negli altri ed entrare in empatia. Se si devono credere i risultati, questo farmaco comune potrebbe ostacolare la nostra capacità di immaginare il disagio degli altri.

[Cervello in una pillola]

Utilizzato per alleviare il dolore e la febbre, il paracetamolo nel paracetamolo è presente in almeno 600 medicinali in America, incluso il Tylenol.

Scoperto per la prima volta nel 1877, il paracetamolo è uno degli ingredienti più comuni in America. Nel 2008 sono stati venduti 24,6 miliardi di dosi.

Si stima che il 23% degli americani (52 milioni di persone) utilizzi medicinali contenenti acetaminofene ogni settimana.

Nonostante il lungo e popolare servizio della droga per l’umanità, la scienza sta ancora imparando i suoi effetti. Queste nuove intuizioni stanno arrivando da una gamma di discipline, non da ultimo la psicologia.

Negli ultimi anni, i ricercatori che hanno approfondito gli effetti psicologici del paracetamolo hanno portato alla luce alcune intuizioni timide ma affascinanti.

Per esempio, una squadra dell’Università del Kentucky ha scoperto che il paracetamolo non solo riduce il dolore fisico, ma riduce anche il dolore psicologico causato dal rifiuto sociale.

Un altro studio, condotto presso la Ohio State University e pubblicato nel giugno 2015, ha rilevato che il paracetamolo ha ridotto la valutazione e la risposta delle persone agli stimoli sia negativi che positivi.

Lo studio attuale, dello stesso team dell’Ohio, fa seguito a questi risultati. Questa volta, l’emozione sotto esame è l’empatia.

Paracetamolo ed empatia

I ricercatori hanno condotto un’indagine su tre fronti. La prima sessione ha coinvolto 80 partecipanti. La metà ha ricevuto un liquido contenente 1.000 milligrammi di paracetamolo; l’altra metà, il gruppo di controllo, ha bevuto una soluzione placebo senza alcun farmaco.

Un’ora dopo, a ciascun partecipante è stata data una serie di brevi scenari da leggere. Le storie includevano personaggi che sperimentavano una sorta di dolore – per esempio, una grave ferita da coltello o la perdita di una persona cara. I partecipanti hanno quindi valutato il dolore fisico ed emotivo sperimentato dai personaggi.

Il team ha scoperto che le persone che avevano consumato il paracetamolo hanno giudicato il dolore dei personaggi della storia meno severo.

La seconda tappa dell’esperimento ha coinvolto 114 partecipanti. Come prima, a metà è stato somministrato paracetamolo e l’altra metà a placebo. Sono stati sottoposti a brevi e forti esplosioni di rumore bianco. Successivamente, è stato loro chiesto di valutare la spiacevolezza del rumore e di quanto spiacevoli pensassero che il rumore sarebbe stato per un partecipante anonimo.

Quelli che avevano preso il farmaco giudicavano il rumore meno sgradevole e credevano che sarebbe stato meno spiacevole per il partecipante anonimo.

Nella terza e ultima parte dello studio, ai partecipanti è stato permesso di incontrarsi e socializzare prima di essere trasferiti a sedere da soli e guardare – ma non prendere parte – un “gioco” online.

Ai partecipanti è stato detto che tre delle persone che avevano appena incontrato stavano giocando. Durante il gioco, due dei partecipanti hanno escluso la terza (anche se i partecipanti non erano realmente coinvolti).

Agli individui che stavano guardando il gioco è stato chiesto di valutare il dolore emotivo e il dolore del partecipante che è stato escluso. Secondo l’autore senior Baldwin Way, “[…] coloro che hanno preso acetaminofene hanno mostrato una riduzione dell’empatia, non erano così preoccupati per i sentimenti feriti della persona respinta”.

Perché il paracetamolo riduce l’empatia?

In questa fase, non è chiaro perché si verifichi questa riduzione dell’empatia. Tuttavia, studi precedenti riguardanti scansioni cerebrali potrebbero darci un indizio.

I ricercatori hanno scoperto che, quando un individuo sente dolore, e quando immagina dolore in qualcun altro, provoca una risposta in parti simili del cervello. In altre parole, le regioni del cervello coinvolte nell’esperienza del dolore sono anche coinvolte nell’immaginare il dolore degli altri.

Teoricamente, si può immaginare che se le stesse aree del cervello sono utilizzate sia per sperimentare che per immaginare il dolore, un farmaco che riduce il dolore reale potrebbe anche ridurre il dolore immaginato.

Se i risultati vengono replicati, saranno altamente rilevanti per il mondo reale. Dopo tutto, significherebbe che un quarto della popolazione assumerebbe regolarmente un farmaco che riduce l’empatia.

“Non sappiamo perché il paracetamolo sta avendo questi effetti, ma è preoccupante”.

Baldwin Way

L’empatia è vitale nelle situazioni quotidiane. Se un individuo sta litigando con una persona cara e ha una ridotta capacità di vedere il lato della storia della persona, la risoluzione è, forse, meno probabile. Facciamo affidamento sull’empatia per la coesione sociale, almeno in parte.

Poiché la ricerca è stata condotta su un gruppo relativamente piccolo, saranno necessari studi più ampi per trarre conclusioni solide, ma certamente per una lettura interessante.

Il fatto che stiamo ancora imparando a conoscere questa droga sembra sorprendente. Tuttavia, i meccanismi con cui il paracetamolo riduce il dolore e la febbre non sono ancora noti con precisione, quindi potrebbero esserci altre sorprese in fondo alla strada.

Leggi come l’acetaminofene potrebbe essere utile nel trattamento dell’osteoartrosi.

Like this post? Please share to your friends: