Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Il pene curvo può aumentare il rischio di cancro

La malattia di Peyronie fa sì che il pene sviluppi una curva significativa. Ricerche recenti dimostrano che il rischio totale di cancro in questi uomini può essere aumentato.

L'uomo con la Peyronie

La malattia di Peyronie è una malattia del tessuto connettivo nel pene. Definita anche fibrosi peniena, provoca la formazione di placche fibrose nel tessuto molle. Questo tessuto cicatriziale può causare erezioni dolorose e disfunzione erettile. Inoltre accorcia e curva il pene.

È difficile sapere esattamente quante persone sono affette da Peyronie, ma le stime vanno dall’1-23% degli uomini tra i 40 ei 70 anni.

Le placche che si sviluppano come parte della Peyronie non sono contagiose o cancerogene e le cause esatte non sono ancora comprese. Alcuni casi sembrano essere collegati a una lesione al pene oa una serie di lesioni nel tempo, ma questo non è sempre il caso. Potrebbe esserci anche un componente autoimmune di Peyronie.

Peyronie’s, geni e cancro

La condizione ha dimostrato di funzionare in famiglie e, recentemente, la genetica coinvolta in Peyronies ha ricevuto crescente attenzione. È interessante notare che alcuni dei geni che hanno una relazione con la malattia di Peyronie sembrano essere coinvolti in alcuni tipi di cancro umano.

Ad esempio, WNT2, un gene che codifica per la proteina, sembra essere associato alla Peyronie e anche alla progressione di alcuni tipi di cancro.

Sulla scia di queste recenti scoperte, i ricercatori del Baylor College di Houston, TX, hanno deciso di vedere se la malattia di Peyronie è legata a un aumento misurabile del rischio di cancro.

Il Dr. Alexander Pastuszak era l’investigatore principale; le loro scoperte sono state pubblicate di recente sulla rivista e presentate alla riunione annuale dell’American Society for Reproductive Medicine il 31 ottobre.

I dati sono stati presi dal database delle richieste di Truven Health MarketScan dal 2007-2014. Questo database contiene informazioni sulle richieste di risarcimento da parte dei datori di lavoro. L’incidenza del cancro nelle persone con malattia di Peyronie è stata confrontata con quelli senza la condizione e gli uomini con disfunzione erettile, che sono stati utilizzati come controllo secondario.

In totale, c’erano 48.423 uomini con Peyronie, 1.177.428 con disfunzione erettile e 484.230 controlli, con un’età media di 49,8 anni. Gli uomini sono stati osservati per una media di 4 anni, pari a circa 7 milioni di anni complessivi di follow-up.

Aumento del rischio di cancro

Rispetto agli uomini con disfunzione erettile, gli individui con Peyronie avevano un rischio aumentato del 10% di tutti i tumori.

Quando questo è stato suddiviso, gli uomini con Peyronie avevano un rischio maggiore del 43 per cento di cancro allo stomaco, un aumento del 19 per cento del rischio di melanoma e un aumento del 39 per cento del rischio di cancro del testicolo.

Gli autori hanno concluso:

“Gli uomini con PD [malattia di Peyronie] hanno un aumentato rischio di sviluppare il cancro, suggerendo una possibile eziologia comune tra PD e lo sviluppo del cancro, a sostegno di recenti scoperte genetiche”.

Per approfondire ulteriormente questi risultati, la stessa squadra ha studiato il genoma di un padre e un figlio con Peyronie.

In una conferenza stampa, la dott.ssa Pastuszak ha spiegato ciò che hanno scoperto: “Abbiamo scoperto che questo padre e suo figlio avevano una serie di geni che li predispongono a cancri sia genitourinari sia urologici, e il cancro del testicolo è all’interno di quel gruppo, così come i tumori dello stomaco. “

Mentre approfondivano il loro DNA, hanno visto aumenti nella “soppressione dei geni oncosoppressori o nella sovraregolazione degli oncogeni”.

Poiché questa è la prima volta che viene tracciata una simile connessione, sarà necessario lavorare di più per confermare i risultati. I ricercatori chiedono più studi che guardino ai potenziali percorsi attraverso i quali la Peyronie potrebbe influenzare la crescita e lo sviluppo del cancro.

Anche se il modello esatto di interazione tra Peyronie e cancro non è ancora noto, gli autori suggeriscono un nuovo livello di cautela da parte dei medici che trattano gli uomini con Peyronie, dicendo, “un ulteriore follow-up di uomini con PD dopo la diagnosi e il trattamento della PD può essere giustificato “.

La dott.ssa Pastuszak dice della Peyronie e delle condizioni correlate: “Sebbene siano significativi nei cicli di vita sessuali e riproduttivi di questi pazienti, collegarli ad altri disturbi suggeriscono che questi uomini debbano essere monitorati per lo sviluppo di questi disturbi in modo sproporzionato rispetto al resto della popolazione, nessuno ha mai creato queste associazioni “.

Like this post? Please share to your friends: