Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Il pessimismo può essere utile?

La nostra cultura è satura di messaggi ottimistici, che ci incoraggia a pensare positivamente. Per tutto il tempo, il pessimismo è generalmente considerato un difetto o un ostacolo – ma potrebbe effettivamente portare i suoi benefici?

bicchiere mezzo vuoto e mezzo pieno

Il pessimismo è spesso definito come l’aspettativa di esiti negativi, specialmente nella coscienza collettiva. Le persone che tendono a vedere il bicchiere mezzo vuoto anziché mezzo pieno sono quindi percepite come messaggeri di rovina e oscurità.

Ancora più importante, il pessimismo è a volte legato ai rischi per la salute. Uno studio riportato l’anno scorso, ad esempio, ha concluso che i pessimisti erano ad un aumentato rischio di morte per malattie cardiache.

Questo potrebbe avere senso per noi dato che i pessimisti sono, per loro stessa natura, dei preoccupati che si aspettano il peggior risultato possibile in tutte le situazioni di incertezza. Ma potremmo sbagliare nel respingere il pessimismo? Ci manca un trucco quando insistiamo nel pensare positivamente?

Pessimismo difensivo

Julie Norem, ricercatrice in psicologia al Wellesley College in Massachusetts, sostiene che un certo grado di pessimismo ha i suoi benefici.

In un libro chiamato, che ha ottenuto notevole attenzione dai media, Norem si basa su ricerche precedenti per sostenere che in molti casi il pessimismo è un utile strumento di coping e strategia. Lei chiama questo “pessimismo difensivo”.

Meccanismo di coping e strategia di pianificazione

In un’intervista, Norem ha definito il “pessimismo difensivo” come una “strategia efficace per affrontare l’ansia e aiutare a gestire l’ansia in modo che non influenzi negativamente le prestazioni”.

“Se ti senti ansioso”, ha aggiunto, “devi fare qualcosa al riguardo, di solito le persone cercano di scappare da qualsiasi situazione ti rende ansioso, ma ci sono altri modi per affrontarlo: il pessimismo difensivo è unidirezionale”.

il processo decisionale

L’aspetto chiave del pessimismo difensivo, secondo Norem, è immaginare possibili risultati negativi per sviluppare strategie di azione, qualora fossero necessarie.

“Quando le persone sono difensivamente pessimiste, fissano delle aspettative basse”, dice, “ma poi fanno il passo successivo che consiste nel riflettere in modo concreto e vivido su cosa esattamente potrebbe andare storto”.

Ciò consente ai pessimisti difensivi di pianificare in anticipo e sentirsi meglio preparati per tutti gli ostacoli che potrebbero dover affrontare in futuro.

“Quello che abbiamo visto nella ricerca è che se lo fanno [immaginando scenari negativi] in un modo specifico e vivido, li aiuta a pianificare di evitare il disastro e finiscono per avere risultati migliori di quelli che non usano la strategia. Li aiuta a dirigere la loro ansia verso l’attività produttiva. “

Julie Norem

Immagina il peggio, ma rendilo specifico

Detto questo, riconosce che ci sono anche alcuni potenziali inconvenienti al pessimismo difensivo. Uno dei lati negativi, dice Norem, potrebbe essere il modo in cui gli altri ti percepiscono, specialmente se si esprimono a voce alta i propri scenari negativi.

Altre persone potrebbero fraintendere questa tattica di auto-preparazione e prenderla come un segno che non sei pronto per il lavoro da svolgere, per esempio.

Un altro potenziale problema potrebbe sorgere dalla visualizzazione di scenari catastrofici non specifici. “Gli inconvenienti più interni sono se invece di pensare a possibilità negative in termini molto specifici, inizi a spirale fuori controllo”, come dice Norem.

“Questo è ciò che i medici considerano catastrofici”, spiega. “Invece di pensare a cose specifiche che possono andare male che puoi prevenire, tu dici: ‘Questo discorso sarà un disastro, tutta la mia vita è un disastro'”.

“La specificità è la chiave per avere effetti positivi rispetto agli effetti negativi”, aggiunge Norem.

Puoi portare il suo quiz online per vedere se ti qualifichi come pessimista difensivo qui.

Effetti collaterali del pensiero positivo

L’ottimismo a volte può trattenerti dal raggiungere i migliori risultati, sia nella tua vita personale che al lavoro. Avere grandi speranze per il futuro potrebbe anche portare a decisioni sbagliate.

sognare ad occhi aperti in spiaggia

Uno studio mostra che i sopravvissuti al tornado tendono a diventare insalubri ottimisti, pensando che quando un tornado colpisce dopo, è improbabile che vengano colpiti.

Questo perché credono che se la sfortuna ti manchi una volta, è improbabile che colpisca ancora in futuro.

Eppure questo tipo di pensiero ignora il fatto che questa non è necessariamente una prospettiva realistica, e impedisce alla gente di prepararsi per eventi negativi.

L’ottimismo influenza le prestazioni e il successo

Le persone che tendono a immaginare un futuro brillante per se stessi hanno meno probabilità di perseguire attivamente questo scenario nella vita reale, suggerisce la ricerca.

Una serie di studi condotti sui giovani negli Stati Uniti ha rilevato che, quando i partecipanti si lasciavano andare a fantasie positive sul futuro, l’atto di immaginare il successo dei loro obiettivi li in realtà prosciugava delle energie di cui avevano bisogno per perseguire quegli obiettivi reali .

“Anche se si è tentati di credere che le semplici visioni positive possano generare un successo reale, questa convinzione non è sempre giustificata”, concludono gli autori dello studio, aggiungendo che:

“Invece di promuovere il successo, le fantasie positive dissuaderanno coloro che cercano lavoro l’energia a battere il marciapiede, e prosciugheranno l’innamorato dell’energia per avvicinarsi a quello che vogliono.”

Alcuni tipi di ottimismo sembrano anche danneggiare la capacità delle coppie sposate di risolvere qualsiasi problema che si trovano ad affrontare nella loro relazione, portando potenzialmente a un deterioramento del loro legame.

Uno studio ha scoperto che, nei matrimoni precoci, i coniugi che mostravano un ottimismo disposizionale – o l’abitudine di pensare che le cose sarebbero andate bene, non importa quale – correlato con una migliore risoluzione dei problemi all’interno della relazione.

I coniugi che mostravano un ottimismo relazionale specifico, tuttavia, cioè quelli che erano eccessivamente ottimisti riguardo alle loro aspettative nei confronti del loro partner, non avevano un approccio costruttivo alla risoluzione dei problemi e non erano altrettanto efficienti nell’affrontare le difficoltà.

Ottimismo, pessimismo e salute

Nonostante alcuni studi affermino che il pessimismo può rappresentare un rischio per la salute, specialmente in relazione alle malattie cardiache, esiste anche una ricerca che evidenzia l’effetto protettivo di aspettarsi risultati negativi.

Salute mentale

L’ottimismo era stato precedentemente identificato come un fattore di rischio per la depressione tra le persone mature; sebbene lo studio indicasse alcune correlazioni tra stili di pensiero pessimistico e disturbi dell’umore più avanti nella vita, erano gli ottimisti che si trovavano al più alto rischio di depressione all’indomani di un evento doloroso.

Gli autori dello studio spiegano che questo potrebbe avere a che fare con il gruppo di età, piuttosto che con altre considerazioni. Dicono:

“Il pessimismo […] può essere irrealistico e impreciso nella vita dei giovani e diventa quindi un fattore di rischio per la depressione, ma la realtà degli eventi della vita può cambiare con l’età in modo tale che l’ottimismo estremo diventi meno realistico, e di per sé emerge come un fattore di rischio per la depressione. “

uomo anziano

Tuttavia, un’analisi più recente di quattro diversi studi incentrati sulla relazione tra ottimismo, pessimismo e depressione suggerisce che indulgere in fantasie positive può essere un fattore di rischio su tutta la linea.

Questa analisi ha indicato che, a breve termine, immaginare scenari luminosi sul futuro ha un effetto positivo sull’umore, ma che nel lungo periodo questa abitudine è un predittore di depressione e altri disturbi dell’umore.

L’autore dello studio principale, il dott. Gabriele Oettingen, della New York University di New York, ha dichiarato in un’intervista che “[…] tutte le emozioni positive, l’ottimismo per il futuro potrebbe avere gli effetti più ironici. il futuro può essere profondamente demotivante “.

Ha continuato: “La gente dice ‘Sognalo e lo capirai’ – ma questo è problematico I pensieri ottimistici possono anche mettere gli obesi a perdere peso e rendere i fumatori meno propensi a pensare di smettere.”

Il pessimismo porta a “prendere precauzioni migliorate”

Una sana dose di pessimismo può, infatti, avere un ruolo protettivo contro la disabilità e la mortalità, come suggerisce una ricerca dell’Istituto di psicogerontologia dell’Università di Erlangen-Norimberga in Germania.

Lo studio mostra che gli anziani che predicono una minore soddisfazione di vita con il passare degli anni hanno un rischio minore di morire e di vivere con disabilità, rispetto ai coetanei che proiettano una maggiore soddisfazione di vita.

“Percepire un futuro oscuro può favorire valutazioni positive del sé reale”, spiegano gli autori, “e potrebbe contribuire a prendere precauzioni migliorate”.

Quindi, la prossima volta che sei infastidito dal fatto che il tuo bicchiere sembra sempre mezzo vuoto, ti assicuro che probabilmente sei sulla strada giusta. Questo potrebbe darti la spinta in più per riempirlo fino all’orlo.

Like this post? Please share to your friends: