Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Il ragazzo muore di annegare a secco dopo aver lasciato la piscina e camminando verso casa

Johnny Jackson, un ragazzino americano di dieci anni della Carolina del Sud, è morto domenica a casa da “annegamento a secco” più di un’ora dopo aver nuotato e camminato verso casa con sua madre. Il triste evento mette in evidenza un pericolo poco conosciuto che i genitori e gli assistenti del bambino dovrebbero essere a conoscenza, che l’annegamento può uccidere ore dopo essere stato immerso nell’acqua.

La madre di Johnny, Cassandra Jackson, ha detto a NBC News in un articolo trasmesso nello show di oggi di giovedì:

“Non ho mai saputo che un bambino potesse camminare, parlare, parlare e che i loro polmoni si riempissero d’acqua”.

Johnny deve aver preso un po ‘d’acqua nei polmoni mentre nuotava nella sua piscina locale a Goose Greek, nella Carolina del Sud. Non ha mostrato alcun segno di difficoltà respiratoria, ma ha avuto un incidente in piscina e “si è sporcato”, ha detto il rapporto OGGI. Poi tornò a casa con sua madre e sua sorella.

Sua madre ha detto che lo ha fatto il bagno e lui le ha detto che si sentiva assonnato. Quando andò a controllarlo più tardi, vide che la sua faccia era coperta da un “materiale bianco spugnoso”. È stato ricoverato in ospedale ma era troppo tardi.

Secondo gli ultimi dati, circa 3.600 americani sono morti per annegamento nel 2005, hanno detto i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), inclusa una piccola percentuale che muore fino a 24 ore dopo a causa dell’entrata dell’acqua nel sistema respiratorio. Un numero non trascurabile delle vittime sono i bambini che sono morti dopo il bagno.

Il dott. Daniel Rauch, pediatra del Langone Medical Center della New York University, che ha parlato con Meredith Vieira dello spettacolo TODAY, ha detto che ci sono tre segni importanti che i genitori e gli accompagnatori dovrebbero prestare attenzione: difficoltà respiratorie, estrema stanchezza e cambiamenti nel comportamento. Tutti e tre i sintomi risultano dal fatto che il cervello non riceve abbastanza ossigeno a causa dell’acqua nei polmoni.

Sembrerebbe che Johnny mostrasse due di questi: stanchezza e cambiamento di comportamento (l’incidente sporco nella piscina). Rauch ha espresso compassione per i genitori, perché è molto difficile individuare questi sintomi nei bambini, in particolare i bambini piccoli, che possono cambiare molto rapidamente l’umore e si stancano facilmente dal correre e giocare.

Tuttavia, se il tuo bambino ha questi sintomi e sta nuotando, dovresti portarlo a un pronto soccorso per essere controllato. Se c’è acqua in un polmone, i dottori mettono un tubo nel polmone e costringono l’ossigeno a passare sotto pressione. Il polmone guarisce poi in tempo.

L’annegamento è una causa significativa di disabilità e morte, ha scritto la dott.ssa Suzanne Moore Shepherd in un articolo pubblicato su eMedicine all’inizio di quest’anno. Moore è professore associato, Dipartimento di medicina d’urgenza, presso l’Ospedale dell’Università della Pennsylvania e Direttore della formazione e della ricerca, PENN Travel Medicine.

Secondo Moore, l’annegamento è definito come:

“morte secondaria all’asfissia mentre immersa in un liquido, solitamente acqua, o entro 24 ore dall’immersione”.

La frase “entro 24 ore dall’immersione” include quello che è stato più comunemente definito “annegamento a secco”, in cui la vittima prende l’acqua nei polmoni ma non affoga immediatamente, come Johnny, potrebbero tornare a casa e morire più tardi.

Non è facile ottenere statistiche sull’annegamento, perché c’è stata confusione su ciò che costituisce l’annegamento e portare la ricerca insieme sotto un unico termine.

Al Congresso mondiale sull’annegamento del 2002, tenutosi ad Amsterdam, un gruppo di esperti ha suggerito una nuova definizione di consenso per l’annegamento al fine di ridurre la confusione sul gran numero di termini e definizioni, attualmente superiori a 20, che sono apparsi in letteratura. Ciò eliminerebbe i termini “annegamento bagnato, annegamento a secco, annegamento attivo o passivo, annegamento vicino, annegamento secondario e annegamento silenzioso” dalla letteratura, ha detto Moore.

Avere una definizione universale unica aiuterebbe a rendere più efficace lo studio e l’analisi dell’annegamento nelle sue varie forme, il che porterebbe a una migliore sorveglianza e prevenzione.

Sfortunatamente per Cassandra Jackson, questo non era il caso, e probabilmente vorrebbe aver saputo prima quello che ha imparato dalla tragica morte di suo figlio. Ha detto che Johnny “era molto amorevole, pieno di vita”, era “il mio piccolo uomo”, ha detto.

Articolo successivo: sai cosa assomiglia all’annegamento?

Like this post? Please share to your friends: