Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Il rischio di cancro al seno può essere previsto da talpe cutanee?

ha contemporaneamente pubblicato due nuovi studi che hanno scoperto che talpe – o nevi cutanei – possono essere un predittore del cancro al seno. Le due squadre – dagli Stati Uniti e Francia – scoprono che le donne con un numero maggiore di talpe sono più a rischio di sviluppare il cancro al seno.

Le talpe sono tumori benigni della pelle che si verificano più frequentemente nella luce, rispetto alle persone dalla pelle scura. Gli individui possono nascere con talpe o possono acquisirli per tutta la vita. Studi gemelli hanno dimostrato che c’è un’influenza genetica del 40-80% sulla misura in cui le persone sviluppano le talpe e anche l’esposizione solare infantile è considerata un fattore che contribuisce.

Alcuni studi hanno dimostrato che le donne con un numero maggiore di talpe sono più a rischio a causa di condizioni ormonali come l’endometriosi, il leiomioma e le malattie della tiroide.

Il numero di moli che una persona potrebbe acquisire – oltre al rischio di melanoma – è stato anche associato al gene CDKN2A. L’inattivazione di questo gene – che è implicato nella regolazione del ciclo cellulare – è associata al cancro al seno.

Ricercatori francesi trovano un’associazione tra numero di moli e rischio di cancro al seno

Pertanto, il team di ricercatori francesi – dell’Institut National de la Santé e de la Recherche Médicale (INSERM) – ha deciso di indagare se il numero di moli sia associato al rischio di cancro al seno.

Per fare questo, hanno analizzato i dati della Coorte di studio degli insegnanti E3N in Francia, che ha seguito 89.902 donne per 18 anni. Alle donne è stato chiesto di riferire se avevano no, pochi, molti o molti moli.

Le donne che hanno riferito di avere “moltissime” talpe hanno riscontrato un rischio maggiore di cancro al seno del 13% rispetto alle donne che hanno riportato di non avere talpe. Tuttavia, quando i risultati sono stati aggiustati per i fattori di rischio noti del cancro al seno, l’associazione non era più statisticamente significativa. Questi fattori di rischio che confondono – come una patologia benigna della mammella o una storia familiare di cancro al seno – sono essi stessi associati al numero di talpe.

Nel loro studio, gli autori scrivono che “una relazione causale tra il numero di nevi e il rischio di mastite mammaria sembra improbabile”. Tuttavia, i ricercatori ipotizzano che gli stessi fattori genetici potrebbero contribuire allo sviluppo di entrambi i tumori al seno e talpe. In alternativa, i ricercatori suggeriscono che i livelli di ormoni sessuali possono influenzare sia lo sviluppo delle talpe che il cancro al seno.

Ricercatori americani studiano l’influenza ormonale sull’associazione di cancro alla mammella

L’influenza ormonale su talpe e cancro al seno è stata ulteriormente esplorata dal team americano. Gli autori – dell’Università dell’Indiana e dell’Università di Harvard – hanno osservato che le talpe solitamente diventano più grandi o più scure durante la gravidanza, il che suggerisce un possibile collegamento tra le talpe e gli ormoni.

donna che ha una mammografia

Questo team ha analizzato i dati dello studio sulla salute degli infermieri negli Stati Uniti – una coorte di 74.523 infermieri donne, seguiti per 24 anni. Ai partecipanti è stato chiesto di riportare il numero di talpe superiori a 3 mm sul loro braccio sinistro.

I ricercatori hanno scoperto che le donne che hanno segnalato 15 o più talpe avevano il 35% in più di probabilità di ricevere una diagnosi di cancro al seno rispetto a quelle che non riportavano talpe. Da questo, hanno calcolato che le donne con 15 o più talpe avevano un rischio assoluto dell’11,4% di sviluppare il cancro al seno, rispetto a un rischio assoluto dell’8,48% nelle donne senza talpe.

All’interno di un sottogruppo, il team ha anche testato una possibile associazione tra elevati livelli di ormoni e talpe e cancro al seno. Loro scrivono:

“Abbiamo anche scoperto che le donne in postmenopausa con più nevi cutanei avevano livelli più alti di plasma totale e testosterone libero ed estradiolo, e che il numero di nevi cutanei era associato ad un aumento del rischio di cancro al seno solo tra i tumori -positive del recettore estrogenico, suggerendo che un effetto ormonale è alla base di questa associazione. “

Sebbene entrambi gli studi trovino un’associazione tra cancro al seno e numero di moli, nessuno studio è in grado di identificare chiaramente il meccanismo che guida questa associazione. Gli studi aumentano la possibilità di utilizzare il numero di moli per prevedere il rischio di cancro al seno, ma non sono in grado di fornire un’indicazione di quanto sarebbe affidabile questo test.

Inoltre, poiché gli studi hanno osservato principalmente partecipanti bianchi, potrebbe non essere possibile generalizzare i risultati degli studi alle donne non-bianche.

Like this post? Please share to your friends: